Processo Ilva

Disastro all'impianto ArcelorMittal di Sud Africa

Dopo un incidente sul sito sudafricano della ArcelorMittal, tre operai risultano dispersi

I tre addetti alla sala di controllo sarebbero rimasti sepolti sotto i detriti, dopo il crollo di una ciminiera facente parte di una batteria di forni a coke.
19 febbraio 2021
Reuters Staff Tanisha Heiberg, reportage; Jason Neely redazione
Tradotto da Patrick Boylan per PeaceLink
Fonte: Reuters - 17 febbraio 2021

ArcelorMittal plant is seen in Vanderbijlpark, an industrial city south of Johannesburg, South Africa, November 21, 2017  Veduta dell’impianto ArcelorMittal a Vanderijlpark, una città industriale a sud di Johannesburg (Sud Africa), scattata il 21 novembre, 2017

Operazioni di soccorso sono in corso negli impianti di ArcelorMittal a Vanderbijl (Sud Africa) nel tentativo di trovare tre addetti andati dispersi in seguito ad un incidente, ha dichiarato l’Azienda mercoledì.

Una parte di una ciminiera facente parte di una batteria di forni a coke è caduta nelle prime ore di mercoledì, colpendo la sala di controllo in cui lavoravano i tre addetti.

La ArcelorMittal di Sud Africa, società controllata dalla ArcelorMittal SA di Lussemburgo tramite una partecipazione di maggioranza, ha dichiarato inoltre che la causa dell’incidente non è attualmente conosciuta e che sono state inviate sul sito squadre di soccorso e squadre per la ricerca dei dispersi.

“Ci sarà in seguito una inchiesta completa per consentirci di capire cos’è successo e come evitare cose del genere in futuro,” ha detto l’amministratore delegato della Acelor Mittal Sud Africa, Kobus Verster.

Intanto il Sindacato Nazionale di Metalmeccanici (NUMSA) ha espresso la sua profonda preoccupazione per gli operai che sarebbero intrappolati sotto i detriti.

Secondo l’azienda, la batteria di forni a coke è stata danneggiata dall’accaduto e probabilmente sarà dichiarato fuori uso per riparazioni, una volta che l’entità dei danni sarà stata determinata.

L’impianto di Vanderbijlpark, che si trova nella provincia di Gauteng, cuore economico del paese, costituisce una delle acciaierie dell'entroterra più grandi del mondo.

Tradotto da Patrick Boylan, revisione di Gabriele Glinni per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
N.d.T.: Titolo originale: Workers missing after ArcelorMittal S.Africa site accident

Articoli correlati

  • La sentenza del TAR per lo stop degli impianti è stata trasmessa al Consiglio Europa
    Taranto Sociale
    ArcelorMittal

    La sentenza del TAR per lo stop degli impianti è stata trasmessa al Consiglio Europa

    Legamjonici contro l’inquinamento, una delle associazioni ambientaliste di Taranto, ha trasmesso al comitato dei ministri del Consiglio d’Europa la sentenza dello scorso 13 febbraio del Tar di Lecce che ordina ad ArcelorMittal di spegnere gli impianti inquinanti.
    25 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • "Mancano le tute nello stabilimento siderurgico di Taranto"
    Taranto Sociale
    Denuncia della Uilm

    "Mancano le tute nello stabilimento siderurgico di Taranto"

    La denuncia, oltre che ad ArcelorMittal, è inviata anche a Spesal, il servizio sicurezza luoghi di lavoro dell’Asl. “I lavoratori da più tempo - afferma la Uilm - da più tempo non riescono ad approvvigionarsi di tute per poter svolgere la propria mansione”.
    23 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • ArcelorMittal: Peacelink, dopo sentenza nuova fase per Taranto
    Taranto Sociale
    Dopo la sentenza del TAR di Lecce

    ArcelorMittal: Peacelink, dopo sentenza nuova fase per Taranto

    "Un'intera comunità deve richiedere che il Recovery Plan finanzi la riconversione dei lavoratori Ilva impiegandoli in attività di bonifica, di utilità sociale e di riqualificazione territoriale. Occorre chiudere definitivamente l'area a caldo così come è avvenuto a Genova e a Trieste”.
    13 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Per il Tar di Lecce ILVA impone un tributo inaccettabile "in termini di vite e di salute"
    Editoriale
    Ordinato lo spegnimento dell'area a caldo del siderurgico di Taranto

    Per il Tar di Lecce ILVA impone un tributo inaccettabile "in termini di vite e di salute"

    Chiediamo che il nuovo ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, non faccia ricorso contro questa sentenza ma la accolga come una opportunità. La chiusura dell'area a caldo deve essere l'occasione per riprogettare lo sviluppo e porre fine a decenni di sofferenze.
    13 febbraio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)