Processo Ilva

Processo ILVA

In che modo l'ILVA dei Riva faceva le donazioni all'ex arcivescovo di Taranto?

Pubblichiamo il file audio con la voce dell'ex-arcivescovo di Taranto. Il prelato spiega che le donazioni dell'ILVA erano in biglietti da 500 euro, posti in una busta. In questo passaggio monsignor Benigno Papa parla di una donazione da 10 mila euro nel 2010.
21 febbraio 2021
Redazione PeaceLink

Monsignor Benigno Papa Questo è uno dei passaggi del processo che illumina un aspetto poco noto, relativo alle donazioni dell'ILVA dei Riva nei confronti dell'ex arcivescovo di Taranto, monsignor Benigno Papa.

L'interrogatorio viene condotto dal pm Remo Epifani mentre a rispondere è il prelato.

Il link all'audio è questo

L'audio dura circa tre minuti ed è un'estratto dell'udienza del processo ILVA del 3 ottobre 2018. La fonte è Radio Radicale. Il file audio è il n. 3 (minuto 25).

Il prelato spiega che le donazioni dell'ILVA erano in biglietti da 500 euro, posti in una busta. In questo passaggio monsignor Benigno Papa parla di una donazione da 10 mila euro nel 2010.

Il prelato non è imputato e in un passaggio della sua deposizione sottolinea di non essersi mai arricchito con quel denaro.

Nel 2009 monsignor Benigno Papa ringraziava i Riva per una donazione. "Vogliamo ringraziare Dio – affermava - per questo dono della Sua Provvidenza". ILVA

Nel 2008, invitato alla manifestazione, non volle partecipare alla grande marcia anti-inquinamento del 29 novembre 2008, organizzata dal coordinamento Altamarea, con le seguenti motivazioni: "Quello che non dovrebbe accadere è cavalcare la giusta tematica della salvaguardia dell'ambiente per motivazioni strumentali, cioè non tanto perché stia veramente a cuore questo problema, ma perché dalla protesta si possa ricavare un qualche utile personale o di gruppo. Qualora dovesse accadere questo, dovrei pensare che ci sia un inquinamento spirituale che è peggiore dell'inquinamento ambientale".

Dopo le polemiche suscitate dalle donazioni dei Riva, l'attuale arcivescovo di Taranto, monsignor Filippo Santoro, ha dato disposizione di non accettare denaro dall'ILVA. 

 

Articoli correlati

  • Richiesta la condanna dei Riva e di Vendola
    Processo Ilva
    Requisitoria finale nel processo Ilva

    Richiesta la condanna dei Riva e di Vendola

    Il pm Buccoliero ha parlato di “condotte pluriennali” e di “violenza inaudita”. Il pm ha detto che da parte dell’Ilva dei Riva c’è stato “un abbraccio mortale” verso Taranto “stritolando la città”. Ha quindi evidenziato la gravità del danno sanitario e la capacità a delinquere.
    17 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Ilva: pm, azienda bypassava tecnici per trattare con politici
    Processo Ilva
    Domani l’accusa chiuderà la requisitoria e formulerà le richieste alla Corte d’Assise

    Ilva: pm, azienda bypassava tecnici per trattare con politici

    In questo schema, il pm Epifani ha collocato l’ex governatore della Regione Puglia, Nichi Vendola, l’ex presidente della Provincia di Taranto, Gianni Florido, e l’ex assessore all’Ambiente della Provincia, Michele Conserva, 3 dei 47 imputati del processo 'Ambiente Svenduto'.
    16 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Ilva: pm, “Pesantissima intercessione” di Vendola pro azienda
    Processo Ilva
    L’ex governatore pugliese Vendola è uno dei 47 imputati del processo

    Ilva: pm, “Pesantissima intercessione” di Vendola pro azienda

    Il pubblico ministero Epifani ha ricostruito i vari passaggi del coinvolgimento dell’ex numero 1 della Regione Puglia, ha citato le diverse intercettazioni contenute nell’imdagine e ha ha dichiarato che tutto nasce da una relazione di giugno 2010 di Arpa
    15 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Oggi è sotto accusa l'autorizzazione all'ILVA che la Regione Puglia approvava nel 2011
    Editoriale
    L'autorizzazione causò il divorzio fra ambientalisti e la sinistra che governava la Regione Puglia

    Oggi è sotto accusa l'autorizzazione all'ILVA che la Regione Puglia approvava nel 2011

    Secondo il pm Buccoliero, quell’autorizzazione del 2011 "ha recepito in modo integrale tutto quello che diceva Ilva". Per la Regione era invece "un passaggio di valenza storica per il territorio tarantino" perché "in linea con le migliori tecnologie". Perché Vendola acconsentì?
    15 febbraio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)