Sociale

RSS logo

Mailing-list Volontariato

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Volontariato

...

Articoli correlati

  • L’Honduras e lo spettro dell'ingovernabilità

    L’Honduras e lo spettro dell'ingovernabilità

    Non c’è più tempo. In Honduras bisogna evitare
    che si legittimino i brogli elettorali
    23 dicembre 2017 - Giorgio Trucchi
  • Un 2 giugno di Pace camminando con Dino Frisullo

    Un 2 giugno di Pace camminando con Dino Frisullo

    Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre. Una “Repubblica democratica” non può mai essere rappresentata da una parata militare
    30 maggio 2016 - Alessio Di Florio
  • Peppino Impastato, Roberto Mancini, Vera Pegna. Ad una ginnastica d’obbedienza si dice no

    Peppino Impastato, Roberto Mancini, Vera Pegna. Ad una ginnastica d’obbedienza si dice no

    Peppino Impastato, Roberto Mancini, Vera Pegna. Tre persone che hanno dedicato la vita a costruire un mondo migliore e che ci insegnano che contro ingiustizie, oppressioni e mafie ribellarsi si può e si deve ...
    24 febbraio 2016 - Alessio Di Florio
  • Presidente, da Lei attendiamo un segnale
    Lettera al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

    Presidente, da Lei attendiamo un segnale

    Le Sue parole ci fanno ben sperare su un Suo concreto impegno, a livello personale e politico. Abbiamo bisogno di un esempio forte e coraggioso, che sia di monito a tutto il mondo della politica e a tutta la società civile. A tal proposito volevamo ricordarLe quanto è accaduto in Uruguay con il presidente Josè Mujica che, accettando l'incarico presidenziale, ha rinunciato al 90% del suo stipendio.
    3 febbraio 2015 - Chiara Mastroserio e Maria Teresa Tarallo
Editoriale della rivista Narcomafie di Dicembre 2005

Quando si dice legalità

Uso e abuso del termine legalità
12 gennaio 2006 - Livio Pepino

È di moda, da qualche tempo, invocare legalità: ahimè, non sempre a proposito e talora da pulpiti improbabili, abituati a praticare una deregulation selvaggia. L’affermazione è perentoria e, all’apparenza, appagante: legalità significa rispetto delle leggi e, conseguentemente, operare per la legalità significa far rispettare le leggi. Difficile contrastare l’esattezza etimologica e concettuale della definizione. Ma scavando, cioè dando applicazione ai principi, ci si accorge che la complessità del reale rende la definizione – a tutta prima specifica e persino ovvia – generica, incompleta e, alla fine, non persuasiva. Due immagini, comparse sui media negli ultimi anni, scolpiscono la situazione più di lunghi discorsi. La prima raffigura giovani determinati e attenti, volti sorridenti, cartelli inneggianti alla legalità: è Locri (come, ieri, Palermo) in una manifestazione, in cui quest’ultima è individuata come speranza di cambiamento, di riscatto, di democrazia. La seconda immagine ci porta a Parigi. I volti raffigurati sono assai simili ai primi, ma questa volta sono pieni di rabbia e di lacrime, e i cartelli sono a terra: in nome della legalità, la polizia ha appena sfondato la porta di una chiesa, trascinando fuori donne, uomini, bambini, colpevoli solo di non essere nati in Francia. Il richiamo alla legalità, dunque, non scioglie problemi e contraddizioni. E allora? La legalità ha una dimensione esclusivamente soggettiva? È un valore quando fa comodo e cessa di esserlo quando la legge non piace? Certamente no, ma ciò non significa abbandonarsi a semplificazioni fuorvianti (e, a volte, strumentali). Alcuni flash per essere più chiari.
Primo. Il richiamo alla legalità non può essere utilizzato per sostituire la politica e porla al riparo dalle responsabilità che le competono. Viviamo in un Paese in cui le leggi sono tanto numerose quanto violate. Perseguire la legalità – intesa come progetto di convivenza e regola della vita sociale – significa dunque, inevitabilmente, definire gerarchie di valori e priorità di interventi. Non tutto si può fare contemporaneamente e con lo stesso impegno di risorse, intelligenza, cultura (del resto, addirittura, nel diritto penale, ci sono reati puniti con una semplice multa ed altri puniti con l’ergastolo, delitti perseguibili d’ufficio ed altri perseguibili solo a richiesta della parte offesa...). Occorre scegliere tra opzioni e progetti diversi. Si può cominciare lottando contro le mafie o liberando le città dalla presenza fastidiosa di accattoni e lavavetri; contrastando la speculazione edilizia e l’inquinamento ambientale o perseguendo chi protesta (magari con qualche eccesso) a tutela della salute propria e dei propri figli; impegnandosi per eliminare (o contenere) l’evasione fiscale oppure sgomberando edifici abbandonati occupati da contestatori o marginali, e via elencando. Inutile dire che la definizione del calendario degli impegni (e la conseguente mobilitazione dell’opinione pubblica) è una scelta politica e non un vincolo giuridico.
Secondo. C’è di più. Anche le modalità dell’intervento teso a ripristinare una legalità che si assume violata non sono vincolate ma discrezionali. La corsa di ciclomotori in una strada urbana si può contrastare con multe pesantissime, con un controllo del traffico da parte di vigili in divisa, con la predisposizione sulla carreggiata stradale di apposite bande tese a impedire una velocità eccessiva; lo sgombero di baracche abusive e pericolose si può effettuare con le ruspe o con i servizi sociali, con la polizia in assetto di guerra o predisponendo soluzione abitative alternative; la legalità può essere imposta con la forza o perseguita con la trattativa e la convinzione (più in generale con congrue opportunità educative)... L’obiettivo è (forse) comune ma gli effetti concreti e la cultura che si induce sono profondamente diversi: ancora una volta non si tratta di automatismi giuridici ma di scelte politiche.
Terzo. Il conflitto tra legalità formale e sostanziale (o giustizia) attraversa la storia e la filosofia. Antigone – mito della tragedia greca e, insieme, prototipo della modernità – nel dare sepoltura al fratello, disobbedendo a Creonte, non disconosce il significato della legge e non predica l’illegalità ma si fa portatrice di una legge superiore (il diritto degli dei) e accusa il sovrano di illegalità. Il conflitto evocato da Antigone si ripropone oggi – spesso – tra leggi ordinarie e Costituzioni (che hanno per scopo, appunto, la sottrazione dei diritti fondamentali alla disponibilità delle maggioranze contingenti): basti pensare all’articolo 3 della nostra Carta fondamentale, secondo cui: «Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. / È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese». Le semplificazioni, dunque, non servono. La legalità è un valore fondamentale, ma le politiche per attuarla possono essere veicolo di inclusione o fattore di discriminazione. Superfluo dire che non è la stessa cosa...

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)