Giovani, lauree e lavoro la fabbrica delle illusioni

L'Articolo "Giovani, lauree e lavoro la fabbrica delle illusioni"apparso
il 6 gennaio sul Messaggero Veneto associa il deprecabile fenomeno del
precariato lavorativo delle giovani generazioni all'impiego di queste
ultime nella cooperazione sociale e stabilisce l'ancor più nefasta
equazione cooperazione sociale= "precarietà, demotivazione,
dequalificazione dei servizi".
29 gennaio 2006
Paola Ricchiuti (Socio lavoratore di cooperativa sociale entrata in cooperativa come giovane laureanda dodici anni fa.)
Fonte: Lista Volontariato Peacelink

Ora, seppur la cooperazione in quest'epoca viva sicuramente le sue
vicende nebulose, la cooperazione sociale si afferma d'altro canto come
soggetto maturo per una reale partnership nella definizione,
progettazione e gestione delle politiche sociali e dei servizi, insieme
all'Ente Pubblico e agli altri soggetti del Terzo Settore.
Sono, infatti, molteplici gli stimoli al cambiamento, provenienti sia
dalla prassi quotidiana, sia dal nascente mercato sociale, sia dalle
norme che si stanno affollando in questo settore, tra cui la Legge sulle
ONLUS, la Legge sul socio-lavoratore, la riforma del Diritto Societario,
e la legge 328/2000 che assegna al terzo Settore in generale, ed alle
cooperative sociali in particolare, un ruolo ben definito, specifico e
speciale, nella definizione, progettazione e gestione delle politiche
sociali e dei servizi alla persona.

Ecco quindi che, dopo aver consolidato capacità
organizzativo-manageriali, ora si realizza sempre più all'interno delle
cooperative sociali un' elevata capacità progettuale nel sociale e un
più significativo rapporto con il territorio.

Stona dunque l'equazione proposta che sottende un'impostazione culturale
in cui la cooperazione sociale si pone quale bacino collettore di
occupazione puramente sostitutiva e in qualche modo parziale e limitata.
La cooperativa sociale è risorsa, valore aggiunto, capace di erogare
servizi sempre più complessi e di qualità che sono il frutto di prassi
operative, di "saperi" professionali, di strategie gestionali ormai ben
radicati Il contesto territoriale di riferimento è l'area privilegiata
di ricchezza e di convergenza di interessi, in cui si possono
coprogettare con l'ente pubblico politiche che rispondano ai bisogni
reali dei cittadini che consentano mediante l'inserimento delle
cooperative sociali come partner attivi, di innescare un circolo
virtuoso di socialità e di ricchezza collettiva. Là dove non è così non
dipende certo dalla natura intrinseca della cooperativa sociale, ma da
contesti impreparati, da complicità o furberie di qualcuno che comunque
non derogano al principio.

Quanto poi alle presunte retribuzioni "da fame" ritengo sia importante
documentare con nomi e cognomi le esperienze riferite senza affidarsi a
generalizzazioni inevitabilmente imprecise e non calzanti.Esiste infatti
un Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro delle Cooperative Sociali
che garantisce paghe dignitose ed esistono anche cooperative che
integrano gli istuituti contrattuali a favore del lavoratore. Perchè,
per onore di completezza e verità, non si rappresentano anche queste
esperienze, che non costituiscono affatto un'eccezione nel mondo
cooperativo?

Articoli correlati

  • Liuba, le altre e i figli da buttare via
    Sociale
    Donne che non hanno paura

    Liuba, le altre e i figli da buttare via

    A volte la discriminazione è più sottile, e non è meno grave. Ma ascoltare quello che Liuba è costretta a subire, con altre donne dipendenti della multinazionale dell'abbigliamento Yoox, fa accaponare la pelle
    10 dicembre 2020 - Lidia Giannotti
  • Bye Amazon
    Economia
    Un modo insolito per festeggiare i diritti dei lavoratori

    Bye Amazon

    Vale la pena abbandonare un posto di lavoro pagato un milione di dollari? In certe occasioni, pare proprio di sì!
    7 maggio 2020 - Tim Bray
  • Il Primo Maggio e le nuove frontiere del lavoro
    Editoriale
    Nuove forme lavorative e nuovi modelli possono essere applicati

    Il Primo Maggio e le nuove frontiere del lavoro

    Una sfida che si presenta all’umanità è la riconversione ecologica dei modelli di sviluppo e lavorativi e del sistema di sostenibilità globale per uno sviluppo umano che tenga in considerazione fondamentalmente il bene comune
    29 aprile 2020 - Laura Tussi e Fabrizio Cracolici
  • È ora della flessibilità radicale
    Sociale
    La settimana di quattro giorni

    È ora della flessibilità radicale

    Sono in molti a sognare la settimana di quattro giorni, lo dimostrano le reazioni alla falsa notizia che arriva dalla Finlandia. Per cominciare sarebbero già d’aiuto orari di lavoro meno rigidi
    13 gennaio 2020 - Carla Baum
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)