Sociale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Cara Pina ...

    Cara Pina ...

    Un ricordo di Pina Maisano, la vedova dell’imprenditore Libero Grassi assassinato dalla mafia nel 1991 per essersi ribellato al racket, scomparsa il 7 giugno scorso
    18 giugno 2016 - Arianna Tascone
  • E lo Stato Italiano disse: "NO MUOS"
    Il sistema di comunicazione satellitare militare statunitense MUOS posto sotto sequestro

    E lo Stato Italiano disse: "NO MUOS"

    A Niscemi, a sud della Sicilia, la magistratura ha sequestrato l'impianto militare che sorge in violazione delle leggi dello Stato. E' la straordinaria vittoria di un movimento che ha saputo tenere assieme la tutela della legalità e la visione della nonviolenza.
    14 marzo 2016 - Alessandro Marescotti
  • Pippo e Peppino sono vivi, i morti sono altri
    Un 5 gennaio nasceva Peppino Impastato, un 5 gennaio la mafia assassinava Pippo Fava

    Pippo e Peppino sono vivi, i morti sono altri

    La “commemor-azione”, il ricordare proseguendo sul cammino su cui ci hanno preceduto, è l’unica rispettosa e degna. Oggi come tutto l’anno Peppino e Pippo non devono essere santi per laici altari ma “fuoco che deve arderci dentro”.
    5 gennaio 2016 - Alessio Di Florio
Quel comunistaccio di Giovanni?!

La Rai oscura Falcone

Il servizio pubblico decide, in nome della par condicio, di rinviare al prossimo autunno una fiction sul magistrato antimafia assassinato nel 1993.
15 maggio 2006 - Alessio Di Florio

Proviamo a ricapitolare un attimo. Giovanni Falcone è un magistrato ucciso dalla mafia siciliana alcuni anni fa. Giovanni era uno dei componenti del pool antimafia organizzato a Palermo da Rocco Chinnici e, dopo il suo assassinio, portato avanti da Antonino Caponnetto. Quel pool che fu protagonista del maxiprocesso antimafia degli anni 80, prima grande vittoria dello Stato sulla piovra, apparsa fino ad allora invincibile.
Il 28 maggio prossimo ci saranno le elezioni amministrative in diverse Regioni italiane, ivi compresa la Sicilia.
Ora, perché in un unico articolo accomuniamo le due notizie? Cosa c'entrano l'una con l'altra?
Vorremo saperlo anche noi ...
Il 23 maggio sarà l'anniversario della strage di Capaci, nella quale perse la vita Giovanni Falcone con la moglie e la scorta. In quell'occasione la RAI, il servizio radiotelevisivo pubblico pagato con il canone di tutti gli italiani, avrebbe dovuto trasmettere una fiction su di lui. Avrebbe, perché alcuni giorni fa è arrivata la notizia che la fiction è stata spostata in autunno. E qua i toni arrivano al psico-dramma. I vertici RAI si lanciano in un fraticida scaricabarile in cui accuse, colpi bassi, smentite e rilanci non mancano. Se a qualcuno mancano i veleni della campagna elettorale basta farsi un giretto a casa RAI1 ...
E in tutto questo baillame clamorosa è la motivazione che emerge del rinvio: la legge sulla par condicio. La fiction su Falcone sarebbe lesiva dei legittimi interessi elettorali di Totò Cuffaro, candidato alle elezioni regionali siciliane e, tra le altre cose, plurindagato proprio dalla stessa procura palermitana di cui fecero parte Borsellino e Falcone. C'era quindi il rischio che la fiction potesse favorire la campagna elettorale di Rita, rappresentandola come la paladina antimafia(degna erede del fratello) che scaccia il cattivo mafioso Totò.
Ancora una volta par condicio e mafia tornano a incrociarsi nei corridoi di Viale Mazzini. Non molti mesi fa la polemica dopo una puntata di Report, la trasmissione di inchieste giornalistiche di Milena Gabanelli, sulla mafia indusse Rai2 ad una puntata "riparatrice"(e anche allora uno dei primi e più convinti a chiederla fu Totò Cuffaro). Oggi si decide di oscurare Falcone e la sua memoria, per non danneggiare la campagna elettorale del presidente regionale uscente. Paolo Borsellino è stato compagno in tante battaglie giudiziarie di Giovanni Falcone.
La figura di Paolo Borsellino(fratello della Rita antagonista di Cuffaro alle elezioni) sarebbe quindi uscita fulgida e positiva nel suo impegno antimafia fino alla morte. E allora meglio non correre rischi, cancellare, oscurare, evitare anche solo di pronunciare il nome(anzi il cognome!) Borsellino fino al 28. In fin dei conti abbiamo aspettato più di 40 anni prima di vedere Provenzano arrestato(latitanza secondo il procuratore nazionale antimafia Piero Grassi favorita da connivenze politiche), Falcone può sempre aspettare qualche mese ...

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)