L'AIFO al Salone della Responsabilità Sociale "Dal dire al fare"

AIFO presenterà i suoi progetti alla Maratona delle esperienze giovedì 28 settembre
18 settembre 2006

Il tema della Responsabilità Sociale di Impresa (RSI) è da alcuni anni al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica italiana, e se da ideale astratto e un po’ remoto è divenuto da alcuni anni un concetto ormai culturalmente assimilato anche da noi, sta davvero diventando un’utile prassi quotidiana per molte realtà organizzate e sempre di più viene ritenuta elemento imprescindibile e di preferenza da cittadini e consumatori; e il mondo del non profit, e delle organizzazioni non governative in particolare, ha qualcosa da dire sul tema.

Nel panorama della cooperazione allo sviluppo si distingue l’AIFO – Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau, organizzazione per la cooperazione sanitaria internazionale che opera dal 1961 in Asia, Africa e America latina per consentire l’accesso alla salute e alla dignità alle persone più deboli, in particolare a quelle colpite dalla lebbra e con disabilità e per rimuovere le cause dell’ingiustizia sociale. La filosofia intrinseca degli interventi è quella di indurre un cambiamento sostanziale attraverso progetti sostenibili nel lungo periodo.
L’Associazione crede fortemente che la responsabilità sociale delle imprese possa essere davvero un “motore” che concorre al cambiamento dei meccanismi economici perversi che dominano il nostro mondo e che possono innescare una sorta di “circolo virtuoso” che, oltre a garantire maggiori finanziamenti a chi opera con interventi nei Paesi in via di Sviluppo, nel tempo possa incidere direttamente sulle politiche aziendali in termini di solidarietà ed impatto socio-ambientale nel proprio territorio e comunità e più specificatamente in riferimento alla solidarietà internazionale.

Proprio per questo motivo, a tre anni della approvazione delle Linee Guida per le Aziende, documento che introduce alcuni criteri fondamentali nei rapporti con il mondo imprenditoriale, il 28-29 settembre prossimi L'AIFO sarà presente alla manifestazione "DAL DIRE AL FARE", un importante evento sulla Responsabilità Sociale di Impresa alla sua seconda edizione, presso l’Università IULM di Milano da anni attenta al tema in questione. Nella due giorni L'AIFO presenta quindi i progetti socio-sanitari realizzati insieme a due importanti aziende italiane, che fortemente si distinguono nel panorama imprenditoriale di casa nostra: Linea Mediterranea di Fratelli Carli S.p.a. e Telcom S.p.a. e presenta insieme a loro gli interventi realizzati nell’area a forte deprivazione socio economica di Nampula in Mozambico (Africa), rispettivamente tramite Progetto Insieme (intervento diversificato per il miglioramento sanitario della popolazione) e Progetto Acquarius - Acqua per la vita (intervento di costruzione e manutenzione di fonti d’acqua e di igiene).

L’AIFO sarà presente all’evento con uno stand e una testimonianza nello spazio “Maratona delle esperienze” sul percorso sostenuto dall’AIFO insieme ai suoi Partner, per un momento forte di comunicazione e confronto tra diverse prassi e strumenti di una responsabilità sociale “matura”, che auspichiamo quindi possa servire a potenziare gli scenari di “rete” e di nuove alleanze e ad innescare ulteriori meccanismi di solidarietà reciproca tra gli attori della responsabilità sociale a tutto vantaggio delle popolazioni del Sud del mondo. La presentazione dei progetti alla Maratona delle esperienze, dal titolo “ONG E IMPRESE partner per lo sviluppo: realizzazione di progetti socio-sanitari in Africa”, sarà per il giorno giovedì 28 settembre alle ore 14.20.

L’AIFO ringrazia quindi per la partecipazione e il contributo alla riuscita dell'evento le “Aziende Amiche” Linea Mediterranea di Fratelli Carli S.p.a. e Telcom S.p.a., che con costanza hanno sostenuto il suo agire negli anni, ma anche tutte quelle realtà imprenditoriali piccole e grandi e tutte le migliaia di sostenitori che con il loro prezioso contributo hanno permesso di realizzare negli anni gli interventi dell'Associazione, apportando dal 1961 benefici a milioni di persone in tutto il mondo.

Note: Per informazioni:
Davide Sacquegna - Laura Gandolfi
Servizio Comunicazione e Raccolta Fondi
AIFO - Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau
via Borselli, 4-6 - 40135 BOLOGNA
tel. +39 051 4393211 - fax +39 051 434046
www.aifo.it

Per informazioni sul Salone della Responsabilità sociale è possibile consultare l’indirizzo: www.daldirealfare.eu

Articoli correlati

  • La salute è nelle mani di ciascuno di noi
    Editoriale
    Nella nuova fase occorre promuovere la responsabilità sociale

    La salute è nelle mani di ciascuno di noi

    Da questo momento in poi nessuna autorità pubblica da sola sarà in grado di controllare efficacemente i comportamenti individuali di milioni di persone tutto il giorno, ogni giorno. E' coscienza di ognuno che può difenderci dal ritorno del virus
    18 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • L'ondata di irrazionalità cavalcata dalla destra
    Editoriale
    Coronavirus e salute pubblica

    L'ondata di irrazionalità cavalcata dalla destra

    Alla politica spetta il compito di trasformare la conoscenza scientifica nella risorsa a cui conformare norme e comportamenti di responsabilità sociale. Il disagio sociale attualmente viene invece strumentalizzato a fini elettorali a tutto danno della salute pubblica.
    3 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Schede
    Breve scheda

    Raoul Follereau (1903- 1977)

    Fu promotore di un movimento di solidarietà con le vittime della lebbra e di lotta contro la lebbra. Incontrò i lebbrosi, li aiutò e per tutta la vita denunciò l'indifferenza nei confronti della loro condizione. Invitò i potenti della terra a convertire le spese militari per aiutare chi soffre
    Peppe Sini
  • Varese: progetto di assistenza sanitaria per immigrati
    Migranti
    L’ambulatorio è nato dall'impegno di un gruppo di volontari

    Varese: progetto di assistenza sanitaria per immigrati

    Sanità di Frontiera (SDF) è frutto di un' iniziativa autonoma di un  gruppo di volontari che, quando nel 2009 fu definito il "reato di clandestinità", immediatamente sorse dal nulla, sull'onda del forte sdegno provocato da questa aberrazione giuridica
    25 febbraio 2020 - Sanità di Frontiera
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)