L'AIFO ricorda Farhat Rahman, leader della "rivoluzione silenziosa" del Pakistan

Farhat Rahman è ormai un punto di riferimento in tutto il Pakistan come operatrice di autentico cambiamento sociale
30 aprile 2007

Il 1° maggio 2007 ricorre il secondo anniversario della morte di Farhat Rahman, Referente del Progetto AIFO di Peshawar, in Pakistan, e Direttrice del centro RCPD (Rehabilitation Center for Phisically disabled). AIFO ricorderà Farhat nel corso del Convegno sulla disabilità che si terrà a Padova il 5 maggio 2007, nell'ambito di CIVITAS.

Da sempre impegnata come attivista sociale, ha ricevuto la medaglia d'oro in Fisioterapia dall'Università di Karachi nel 1982. Ha lavorato per 22 anni nei programmi di riabilitazione su base comunitaria (CBR) per le persone con disabilità. Ha fatto nascere una Rete Nazionale per la Disabilità in partnership con 54 Organizzazioni Non Governative, attraverso le quali ha assistito la creazione e la conduzione di 71 centri di riabilitazione su base comunitaria in tutta la nazione. E' autrice di numerose pubblicazioni sulla disabilità e sulla salute. Ha fondato gruppi di donne con disabilità, denominati gruppi Power (Promotion of Women Empowerment and Rehabilitation), in 11 città del Pakistan, conducendo così a un cambiamento sociale, alla creazione di consapevolezza e allo sviluppo del territorio. Come responsabile del Progetto AIFO di riabilitazione su base comunitaria in Pakistan e direttrice dell'RCPD (Rehabilitation Center for Phisically Disabled), ha offerto un servizio di cui beneficiano direttamente 50.000 persone disabili del Pakistan.

Farhat Rahman è ormai un punto di riferimento in tutto il Pakistan come operatrice di autentico cambiamento sociale, promotrice dello sviluppo sanitario, dell'integrazione sociale e lavorativa delle persone disabili, dell'emancipazione femminile, della tutela della salute e dell'integrazione sociale delle donne che vivono nelle aree rurali. In virtù di tali meriti, ha conseguito importanti riconoscimenti, fra cui in particolare la Medaglia d'oro "Fatimah Jinna", uno dei più importanti premi nazionali al valore civile del Pakistan.

Il suo esempio di umanità paziente, profonda e coraggiosa continua ad alimentare l'impegno di centinaia di persone che proseguono la sua opera di promozione dei diritti delle donne, dei bambini e delle persone con disabilità di tutto il Pakistan, grazie anche all'appoggio prezioso e insostituibile dei donatori italiani che hanno scelto di sostenere il Progetto AIFO in Pakistan.

Note: Info:
Davide Sacquegna
Servizio Comunicazione e Raccolta Fondi
AIFO - Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau
Via Borselli, 4-6 - 40135 BOLOGNA
Tel. 051 4393211 int. 4393214 cell. 3497627319
Fax 051 434046
www.aifo.it

Articoli correlati

  • "Io sono Saba e ho vent'anni". In carcere perché rifiuta il velo
    Pace
    Donne in Iran

    "Io sono Saba e ho vent'anni". In carcere perché rifiuta il velo

    L’ultimo giorno di libertà in Iran, per le donne e non solo, è in alcuni scatti straordinari di Hengameh Golestan a Teheran. Dal giorno dopo, 8 marzo 1979, l'uso della hijab fu imposto per legge.
    8 marzo 2020 - Lidia Giannotti
  • Le polveri dell'ILVA soffocano anche la Corte dei diritti dell'Uomo
    Ecologia
    La sentenza tradotta in italiano

    Le polveri dell'ILVA soffocano anche la Corte dei diritti dell'Uomo

    La condanna della CEDU dice verità forti sui danni sofferti dalla popolazione nell'indifferenza dello Stato, mentre il dibattito sul futuro dell'Ilva continua a fingere che non sia successo nulla
    19 novembre 2019 - Lidia Giannotti
  • "Venga applicata la risoluzione ONU su donne, pace e sicurezza"
    Pace
    Appello dell'osservatore permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite

    "Venga applicata la risoluzione ONU su donne, pace e sicurezza"

    Le donne sono spesso le prime vittime di violenze, di cui raramente sono causa e autrici e sopportano il maggior peso dei conflitti, come gli sfollamenti e la privazione di beni e servizi essenziali, che si ripercuotono sulla loro salute e sul benessere delle persone di cui si prendono cura.
    5 novembre 2019 - Redazione PeaceLink
  • Vi racconto come ho realizzato il mio sogno
    Sociale
    Mariano De Pisi, il primo allenatore di arti marziali disabile nella storia d'Italia

    Vi racconto come ho realizzato il mio sogno

    Il giovane di Avezzano conquista, presso l’accademia FIJLKAM di Riccione, la qualifica di allenatore di Jiu Jitsu
    27 giugno 2019 - Beatrice Ruscio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)