L'AIFO ricorda Farhat Rahman, leader della "rivoluzione silenziosa" del Pakistan

Farhat Rahman è ormai un punto di riferimento in tutto il Pakistan come operatrice di autentico cambiamento sociale
30 aprile 2007

Il 1° maggio 2007 ricorre il secondo anniversario della morte di Farhat Rahman, Referente del Progetto AIFO di Peshawar, in Pakistan, e Direttrice del centro RCPD (Rehabilitation Center for Phisically disabled). AIFO ricorderà Farhat nel corso del Convegno sulla disabilità che si terrà a Padova il 5 maggio 2007, nell'ambito di CIVITAS.

Da sempre impegnata come attivista sociale, ha ricevuto la medaglia d'oro in Fisioterapia dall'Università di Karachi nel 1982. Ha lavorato per 22 anni nei programmi di riabilitazione su base comunitaria (CBR) per le persone con disabilità. Ha fatto nascere una Rete Nazionale per la Disabilità in partnership con 54 Organizzazioni Non Governative, attraverso le quali ha assistito la creazione e la conduzione di 71 centri di riabilitazione su base comunitaria in tutta la nazione. E' autrice di numerose pubblicazioni sulla disabilità e sulla salute. Ha fondato gruppi di donne con disabilità, denominati gruppi Power (Promotion of Women Empowerment and Rehabilitation), in 11 città del Pakistan, conducendo così a un cambiamento sociale, alla creazione di consapevolezza e allo sviluppo del territorio. Come responsabile del Progetto AIFO di riabilitazione su base comunitaria in Pakistan e direttrice dell'RCPD (Rehabilitation Center for Phisically Disabled), ha offerto un servizio di cui beneficiano direttamente 50.000 persone disabili del Pakistan.

Farhat Rahman è ormai un punto di riferimento in tutto il Pakistan come operatrice di autentico cambiamento sociale, promotrice dello sviluppo sanitario, dell'integrazione sociale e lavorativa delle persone disabili, dell'emancipazione femminile, della tutela della salute e dell'integrazione sociale delle donne che vivono nelle aree rurali. In virtù di tali meriti, ha conseguito importanti riconoscimenti, fra cui in particolare la Medaglia d'oro "Fatimah Jinna", uno dei più importanti premi nazionali al valore civile del Pakistan.

Il suo esempio di umanità paziente, profonda e coraggiosa continua ad alimentare l'impegno di centinaia di persone che proseguono la sua opera di promozione dei diritti delle donne, dei bambini e delle persone con disabilità di tutto il Pakistan, grazie anche all'appoggio prezioso e insostituibile dei donatori italiani che hanno scelto di sostenere il Progetto AIFO in Pakistan.

Note: Info:
Davide Sacquegna
Servizio Comunicazione e Raccolta Fondi
AIFO - Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau
Via Borselli, 4-6 - 40135 BOLOGNA
Tel. 051 4393211 int. 4393214 cell. 3497627319
Fax 051 434046
www.aifo.it

Articoli correlati

  • Nella mia tribù muore una persona ogni settimana a causa dei combustibili fossili
    Ecologia
    Gli Stati Uniti e le "comunità da sacrificare".

    Nella mia tribù muore una persona ogni settimana a causa dei combustibili fossili

    I nostri pozzi sono così inquinati che ora la nostra tribù deve comprare l'acqua. I popoli nativi convivono con minacce vecchie e nuove del petrolio e del gas che contaminano il suolo, i fiumi, le falde acquifere e l'aria. Ciò accresce la crisi climatica e impatta sulla salute.
    7 gennaio 2021 - Casey Camp-Horinek
  • Liuba, le altre e i figli da buttare via
    Sociale
    Donne che non hanno paura

    Liuba, le altre e i figli da buttare via

    A volte la discriminazione è più sottile, e non è meno grave. Ma ascoltare quello che Liuba è costretta a subire, con altre donne dipendenti della multinazionale dell'abbigliamento Yoox, fa accaponare la pelle
    10 dicembre 2020 - Lidia Giannotti
  • Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne
    Sociale
    25 novembre

    Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

    Nel 2020, a causa del lockdown, i casi sono aumentati in contesti familiari. Proponiamo un monologo scritto da Paola Cortellesi perché venga fatto vedere nelle scuole.
    24 novembre 2020 - Redazione PeaceLink
  • USA e... getta una nuova luce!
    Sociale
    Elezioni oltreoceano

    USA e... getta una nuova luce!

    Non trascurabile, inoltre, il numero di donne elette. Chissà se siamo finalmente in presenza della svolta buona per una politica più giusta per uomini e donne, per le etnie e comunità che rappresentano, per le fedi vive che professano.
    10 novembre 2020 - Virginia Mariani
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)