2 Novembre 2007. Tra i defunti ricordiamo anche la giustizia?

Satira ma non troppo: proposta di legge popolare per una (mala?)giustizia vassalla

Quando si dileggia e oltraggia chi ha perso i genitori, quando i potenti minacciano chi indaga sui loro malaffari, quando si afferma che Falcone e Borsellino rendono tristi e offendono il prestigio ...
3 novembre 2007

Articolo 1

È proibito per un magistrato commuoversi per la morte dei propri genitori, se questi erano stati minacciati. È proibito anche denunciare intimidazioni e minacce ricevute da chi indaga su parlamentari e dirigenti di partito. Si è colpevoli del reato di "farsi pubblicità e cercare esposizione mediatica".

Articolo 2

E' proibito indagare su un ministro per associazione segreta, associazione a delinquere, tangenti e reati inerenti l'ottenimento indebito e fraudolento di fondi pubblici. Non è reato. Il ministro ha facoltà di trasferire chi indaga o comunque di impedire con ogni mezzo di continuare le indagini.

Articolo 3

Può definirsi "giornalismo antimafia" soltanto quello realizzato in salotti lussuosi, convegni, passerelle. Dovranno essere presenti almeno il 90% di politici, giornalisti allineati, firme prestigiose solo nel nome(devono far chiacchiere, i fatti non sono antimafia), che attaccano, infangano e insultano(non importa se mistificano la realtà, anzi in quel caso è ancora meglio) coloro che arrestano i boss mafiosi. Basta con i giornalisti liberi, scomodi e che indagano su politici, banche e imprese collusi con le mafie. Giornalisti che non posseggono ingenti risorse finanziarie e quindi non possono accedere a beni di lusso come l'antimafia(essa è un diamante o una medaglia da mostrare sul petto per pavoneggiarsi) che non competono loro. Queste persone sono tristi e offendono il decoro e il prestigio della Repubblica.

Articolo 4

I reati vanno puniti solo se commessi da nullatenenti, persone non abbienti o che comunque non godono di privilegi, favori e protezioni da politici, mafiosi, affaristi. I nullatenenti e i non abbienti disturbano il decoro e la quiete pubblica. Se i loro vicini, parenti e amici sono nella stessa situazione sociale ed economica vanno indagati, arrestati e cacciati di casa(se non ce l'hanno basta mostrarli a Tv e giornali mentre vengono deportati lontano). Sono sempre potenziali delinquenti, se lavorano sicuramente sono in nero e quindi colpevoli di farsi sfruttare(i datori di lavoro sono indotti a farlo, hanno l'occasione e non c'è motivo perché non la sfruttino). I privilegiati di cui sopra invece esercitano facoltà a loro concesse.

Articolo 5

Questa legge è duro monito per il Capitano Ultimo che arrestò Salvatore Riina, per Clementina Forleo, Luigi De Magistris e tutti coloro che, al posto di arrestare e perseguitare nullatenenti e lavavetri, indagano su ministri e dirigenti di partito, per la rivista Casablanca che non essendo prona a nessun potere forte, vede ogni numero uscire in edicola nonostante le intimidazioni e le difficoltà economiche. Incoraggia invece chi li perseguita, chi porta avanti il disegno di addomesticare la verità e la legge perseguitando ogni mente libera e ogni coscienza ribelle.

Note: Primi firmatari: Paolo Borsellino, Giovanni Falcone, Dino Frisullo, Pippo Fava, Peppino Impastato, Pio La Torre e tutti coloro che si sono sacrificati in nome dell'antimafia di strada e che non si sono piegati alle lusinghe e prepotenze dei potentati economici e politici, senza sapere il grave reato che stavano commettendo

Le adesioni e i commenti vanno inviati a giroabirracon@ruttolibero.com . I personaggi, i burattini e burattinai, i cicisbei e parolai che fanno finta di governarci sono ormai volgari come il rutto di un prete sull'altare la notte di Natale. Rendere libero, democratico e popolare il rutto è quindi esercizio di sovversione. E se è vero che "chiodo scaccia chiodo" magari migliaia di rutti di popolo potrebbero anche spazzare via i rutti altolocati ...


http://www.ritaatria.it
http://www.censurati.it
http://italy2.peacelink.org/casablanca
http://www.ammazzatecitutti.org
http://www.addiopizzo.org
http://www.capitanoultimo.it
http://www.democrazialegalita.it/documenti/documenti_DeMagistris_inchiesta%20WHY%20NOT_avocatura%20Procura%20Catanzaro=21ottobre2007.htm
http://www.ammazzatecitutti.org/news/lettera-aperta-al-capo-dello-stato-5.php
http://www.ritaatria.it/demagistris-raccolta-firme.aspx

Articoli correlati

  • La vita del battutista
    Cultura

    La vita del battutista

    Chi fa satira la fa, ma ha anche una sua vita privata che - riteniamo - debba essere sempre rispettata indipendentemente dalle idee. Su tutto si può dialogare, ma le parole sono importanti. Chi cerca di strapparti un sorriso, forse vuole solo quello. Anche se talvolta, testimonianze come queste, mostrano l'esatto contrario.
    22 ottobre 2018 - Giacomo Alessandroni
  • Attivare la legge Bacchelli per Riccardo Orioles
    Sociale
    Riccardo Orioles e' da decenni un maestro di giornalismo

    Attivare la legge Bacchelli per Riccardo Orioles

    Ci associamo alla petizione ed invitiamo chi ci legge a fare altrettanto. La legge Bacchelli garantisce una pensione decente a chi con la sua attivita' culturale e civile si e' reso illustre
    2 gennaio 2017
  • Contro mafie e potentati non si costituiscono altri poteri ma ribellioni colorate e senz’indugio
    Sociale

    Contro mafie e potentati non si costituiscono altri poteri ma ribellioni colorate e senz’indugio

    Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi (Vittorio Vik Utopia Arrigoni)
    17 maggio 2016 - Alessio Di Florio
  • L'Aquila, dalle new town alla ghost town in cerca di un futuro
    PeaceLink Abruzzo
    Casablanca n. 30. Intervista a Liliana Centofanti

    L'Aquila, dalle new town alla ghost town in cerca di un futuro

    Intervista a Lilli Centofanti. Le riflessioni, la testimonianza e la commozione della sorella di Davide, uno dei ragazzi morti nel crollo della Casa dello Studente in seguito al terremoto di L’Aquila nel 2009
    11 luglio 2013 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.19 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)