Sociale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il "governo del cambiamento" faccia tornare i soldati italiani dall'Afghanistan
    Un appello

    Il "governo del cambiamento" faccia tornare i soldati italiani dall'Afghanistan

    In Afghanistan produzione di oppio senza precedenti. L’ONU sostiene che la produzione record di oppio ha portato in Afghanistan ad una rapida espansione dell'economia illegale nel 2017. La guerra puzza sempre più di droga e di ipocrisia
    10 giugno 2018 - Alessandro Marescotti
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Omero e le ragioni dei vinti

    La pace, il lato femminile dell'Iliade

    Nonostante l'Iliade possa apparire come un "monumento alla guerra", ha al suo interno un desiderio di pace espresso dalle donne
    Alessandro Baricco
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

QuattroOttoCinqueOttoQuattro

1 novembre 2007 - Luigi Restelli (Vice Presidente Fondazione Pangea Onlus)
Fonte: da Persona a Persona 10/07 (www.pangeaonlus.org) - 01 novembre 2007
Donna nepalese con velo Parliamone ora. Pangea ha posto al centro del proprio essere la condivisione, il dialogo, il rapporto diretto con le persone, fra le persone; per creare una relazione forte fra chi vive qui in Italia e chi, là, sta subendo un disagio profondo. Alcuni hanno approfittato di questo disagio, altri lo hanno taciuto o lo hanno reso spettacolo, sperpero, falsificandolo. Pangea, come pochi, si è rimboccata le maniche e insieme alle donne del mondo ha costruito nuovi sentieri di sviluppo concreto, ha creato progetti, corsi, microcrediti, storie, filmati, libri, articoli, reportage, calendari, messaggi, parole parlate e scritte (come questo giornale); abbiamo partecipato a innumerevoli incontri, manifestazioni, conferenze e ci siamo fermati per strada, in tram, in treno a parlare con la gente, perché capissero, perché avessero la possibilità, tramite Pangea, di accendere un contatto diretto con le donne del mondo, così lontane, apparentemente, eppure così vicine nei sorrisi, nelle speranze, negli obiettivi, nella vita. Perché Pangea è i progetti che coordina, Pangea è le beneficiarie, Pangea è i risultati che le donne del mondo hanno raggiunto, grazie ai progetti. Uno dei mezzi che permette di far girare questo cerchio vivo e vitale è, naturalmente, la raccolta fondi. Potete ben capire come sia per Pangea difficile e artificioso accedere a finanziamenti pubblici, istituzionali, politici e comunitari e come sia più importante che i soldi, che permettono di far partire i progetti, di ampliarli, di diversificarli, vengano dalle persone, da chi condivide, da chi ha capito e vuole partecipare. Anche la raccolta fondi di Pangea avviene “da persona a persona”, intendendo come “persona”, donne, uomini, famiglie, comunità, gruppi, aziende dove le persone lavorano, anche chi lavora nelle istituzioni, ma a partire dalla persona, non dall’istituzione… Il 25 novembre, nella sua simbolica eco, oltre la denuncia, la riflessione, il superamento, è un’occasione per consolidare e garantire, con una donazione.
48584: questo numero rimarrà verde di rabbia per tutte le schifezze contro la donna che vengono quotidianamente perpetrate in tutto il mondo, anche il nostro, ma potrà diventare verde di speranza, di una nuova speranza solo se, tu che leggi, lo utilizzi per una donazione.
È vero… è importante parlarne, ma è altrettanto importante agire, costruire, cambiare concretamente il mondo. E, visti i tempi, lo possiamo fare solo noi, persone, insieme: 48584, la vita di una donna rinasce da qui.
Note:

da Persona a Persona - Fondazione Pangea Onlus

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)