La Rivista Magister nasce dal desiderio di mettersi in gioco per discutere temi e problemi, proposte e sensate esperienze del mondo dell’educazione...

Magister. Le Nuove Frontiere dell'Educazione

Il n. 1 della Rivista MAGISTER proporrà interventi di Laura Tussi, Roberto Zaccaria, Luciano Corradini, Moni Ovadia, Antonio Marziale, Stephan Bensimon, Simon Villani, Fortunato Di Noto, Antonino D’Anna, Luciano Nicastro ed avrà diffusione nazionale tramite l’agenzia di distribuzione Codex di Milano.



Laura Tussi13 ottobre 2010

 

Curata da un gruppo di docenti dell’Istituto d’Istruzione Secondaria ‘G. Verga’ di Modica (RG) ed edita dalle Edizioni Grafiche Santocono, è stato presentato da poco il n. ‘0’ della Rivista MAGISTER. Le Nuove Frontiere dell'Educazione.

 La Rivista nasce dal desiderio di mettersi in gioco per discutere temi e problemi, proposte e sensate esperienze del mondo dell’educazione, ma nasce anche per contribuire all’analisi di fenomeni sociali e culturali attuali di grande rilevanza, la cui ricaduta sul mondo della scuola è oggi particolarmente pregnante.

La Rivista raccoglie saggi, più o meno estesi, che avviano un dibattito o che fanno il punto, a volte in modo diacronico, altre volte in modo sincronico, su versanti attinenti, appunto, la condizione e la formazione delle giovani generazioni, il ruolo e gli strumenti degli insegnanti, degli educatori, dei genitori e di chi, a vario titolo, opera nel contesto dei processi di insegnamento-apprendimento.

Il numero 0, tra le altre, porta le firme di Simon Villani, Fortunato Di Noto, Luciano Nicastro, Antonino D’Anna, Andrea Cevenini, Daniele Colombo, Danilo Mazza, Donatello Barone, Piergiorgio Barone.

Il n. 1, la cui uscita è prevista per dicembre prossimo, proporrà interventi di Laura Tussi, Roberto Zaccaria, Luciano Corradini, Moni Ovadia, Antonio Marziale, Stephan Bensimon, Simon Villani, Fortunato Di Noto,  Antonino D’Anna, Luciano Nicastro…ed avrà diffusione nazionale tramite l’agenzia di distribuzione Codex di Milano.

 

 

Articoli correlati

  • Agenda Onu 2030: pensare la pace
    Pace
    La terrestrità unisce donne e uomini e ogni essere vivente in spazi e tempi di fraternità e sororità

    Agenda Onu 2030: pensare la pace

    In questi giorni, è stato l’anniversario della morte del colonnello sovietico Petrov che è riuscito a salvare l’umanità dalla terza guerra mondiale e nucleare, il giorno 26 settembre del 1983, in piena guerra fredda
    24 maggio 2020 - Laura Tussi
  • Giornata Internazionale delle donne per il Disarmo
    Pace
    Ricorre il 24 maggio la Giornata internazionale delle donne per il disarmo

    Giornata Internazionale delle donne per il Disarmo

    Solo la lotta del movimento di liberazione delle donne (alla cui scuola ed alla cui sequela tutti gli esseri umani possono e debbono porsi) libera l'umanita' dalla violenza
    23 maggio 2020 - Peppe Sini
  • Il principio speranza
    Pace
    Il sistema concentrazionario e gli orrori del nazifascismo 

    Il principio speranza

    Il principio speranza di Ernst Bloch e il principio responsabilità di Hans Jonas sono importanti moniti per la pace. La biblioteca civica popolare di Nova Milanese e l’archivio storico della città di Bolzano hanno raccolto più di 200 videotestimonianze
    12 maggio 2020 - Laura Tussi
  • Agenda ONU 2030: la pace vive!
    Pace
    Partendo dai grandi padri partigiani e dalle grandi madri costituenti della democrazia

    Agenda ONU 2030: la pace vive!

    Pedagogia della pace, didattica della storia, narrativa della memoria, ecodidattica sono locuzioni di senso e significato che implicano un interesse nei confronti della storia passata, della tutela dei grandi beni comuni della pace, della memoria e dell’ambiente
    9 maggio 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)