Effetto domino

Dopo due settimane dal terremoto in Giappone, l'industria dell'IT incontra ancora duri ostacoli
25 marzo 2011
Martyn Williams (IDG News)
Fonte: PCWorld - 25 marzo 2011

Effetto domino Sono passate due settimane da quando un terremoto di magnitudo 9.0 e il successivo tsunami hanno scosso il Giappone orientale, e mentre si va avviando un nuovo inizio tra i produttori di tecnologia del paese, potrebbero passare parecchi mesi prima che le cose si normalizzino.

Molte fabbriche sono state chiuse subito dopo il terremoto, e la maggior parte stanno gradualmente tornando alla produzione in quest’ultima settimana. Una gruppo di stabilimenti sono stati colpiti più duramente e potrebbero restare offline per mesi.

Le società devono affrontare un compito arduo.

Il più grande terremoto del Giappone mai registrato, e lo tsunami che ha generato, hanno lasciato più di 10.000 morti e un numero ancora maggiore di dispersi; diverse centrali nucleari rimangono in condizione di emergenza e continuano a vomitare radiazioni nell'ambiente; centinaia di migliaia di persone sono senza casa, e l'economia è costretta ad adattarsi a cadute di tensione e interruzioni delle forniture. La fine del disastro non è ancora all’orizzonte.

Per le aziende IT, la perdita di produzione di questi impianti potrebbero avere effetti di ampia portata per l'industria elettronica.

L’impianto della Texas Instruments in Miho, a nordest di Tokyo, è una delle fabbriche che è stata più duramente colpita. L'impianto, che produce i chip e dispositivi per proiettori DLP, ha subito "danni sostanziali" e non sarà attivo fino a maggio, quando riprenderà una produzione parziale. La produzione a pieno regime non è prevista fino a metà luglio, e potrebbe essere ulteriormente ritardata da problemi di alimentazione, come ha detto la società.

Toshiba stima che la produzione nella sua fabbrica di display per telefoni cellulare a Saitama, a nord di Tokyo, sarà fermata per un mese a causa di danni subiti nel terremoto.

Più a nord nella prefettura di Miyagi, un certo numero di fabbriche nei pressi della città colpita dal terremoto di Sendai ha danni enormi.

Un impianto della Sony deputato ai nastri magnetici e dischi Blu-ray è stato inondato di acqua quando lo tsunami ha attraverso la città di Tagajyo ed è uno dei sei stabilimenti Sony attualmente inattivo. Due stabilimenti Nikon sono stati gravemente danneggiati e non saranno in produzione almeno fino alla fine di marzo. E l’importante impianto di chip di Fujitsu in Aizu Wakamatsu è ancora chiuso senza nessuna stima di quando riprenderà la produzione.

Ma alcuni dei più grandi sconvolgimenti potenziali potrebbero venire dalla chiusura di due impianti gestiti dalla Shin-Etsu Chemical. Anche se non è un nome noto ai consumatori, l'azienda è una dei maggiori fornitori di piastre di silicio. Uno degli impianti si è arrestato, l’impianto di Shirakawa nella regione di Fukushima, è responsabile di circa il 20 per cento della produzione mondiale di piastre, secondo IHS iSuppli.

"Le piastre realizzate con questo strumento vengono utilizzate principalmente per la fabbricazione di dispositivi di memoria, come le memorie flash e DRAM", ha dichiarato Len Jelinek, un analista di IHS iSuppli, in una dichiarazione. "Per questo motivo, l'offerta mondiale di memorie a semiconduttore sarà colpita più gravemente di qualsiasi segmento del settore dei chip per l'interruzione della produzione."

Le ripercussioni del terremoto alla catena di approvvigionamento globale si fanno già sentire.

Sony ha sospeso la produzione di televisori Bravia LCD, fotocamere digitali e altri prodotti in cinque fabbriche lontano dalla zona di terremoto, perché non è possibile ottenere materie prime e componenti. I fornitori non sono in grado di consegnare a causa di danni conseguenti al terremoto e tsunami o a causa di interruzioni alla rete di distribuzione.

Le industrie, anche al di là dell'elettronica di consumo, iniziano a percepire gli effetti di questi problemi.

L'industria automobilistica è un grande cliente delle società di chip e i prodotti che acquista sono spesso su misura.

"Prodotti come microcontrollori e DSP non possono essere semplicemente scambiati con un altro chip, sia dello stesso fornitore, sia di un altro", ha detto Tom Starnes, analista dei processore embedded ad all'Objective Analysis, Austin, Texas. "I programmi sono difficilmente trasferibili tra i processori, e anche cambiando altri chip come quelli analogici possono variare costi, qualità, o problemi di affidabilità inizialmente non previsti."

L'effetto a lungo termine per i produttori di elettronica giapponese e la catena di approvvigionamento rimane difficile da valutare. Molte grandi aziende hanno detto che rinvieranno l'assunzione di nuovi lavoratori, di solito svolta il 1° aprile, e alcuni hanno modificato o annullato i pagamenti di dividendi agli azionisti. Mentre un inizio di ripresa sembra essere in corso e alcune fabbriche stanno tornando online, ci vorranno settimane prima che la portata dei danni al mercato dell'IT a livello globale della catena di montaggio diventi più chiaro.

Tradotto da Giacomo Alessandroni per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
N.d.T.: Titolo originale: "Two Weeks After Japan Earthquake, IT Industry Faces Hurdles"

Articoli correlati

  • Tempi di Fraternità - Intervista a Vittorio Agnoletto
    Storia della Pace
    Tempi di Fraternità e PeaceLink intervistano Vittorio Agnoletto

    Tempi di Fraternità - Intervista a Vittorio Agnoletto

    Sono passati quasi vent’anni da Genova 2001. Un momento che ha segnato la vita di molte persone e che ancora oggi, dopo tante analisi politiche, indagini, processi, è una ferita aperta nella storia italiana 
    6 ottobre 2019 - Laura Tussi
  • I perché di Genova 2001
    Pace
    La critica alla globalizzazione

    I perché di Genova 2001

    Tempi di Fraternità e PeaceLink intervistano Vittorio Agnoletto medico, docente universitario, portavoce del Genoa Social Forum nel 2001
    9 luglio 2019 - Laura Tussi
  • Mafie in Abruzzo, il ventre oscuro dei colletti bianchi. Mentre la politica smarrisce spesso la polis …
    PeaceLink Abruzzo

    Mafie in Abruzzo, il ventre oscuro dei colletti bianchi. Mentre la politica smarrisce spesso la polis …

    Queste pagine, così come i precedenti capitoli, vengono dedicate alla memoria di Guido Conti, che quasi tutta la sua vita ha dedicato a combattere gli avvelenatori della nostra Regione a quasi un anno dalla sua tragica morte, Roberto Mancini, il cui esempio e la cui memoria sono fari per chi denuncia e lotta le eco camorre e i colletti bianchi che devastano l’ambiente e la salute, e Michele Liguori, la cui famiglia finalmente in queste settimane ha visto riconosciuto che è morto “vittima del dovere”.
    30 ottobre 2018 - Alessio Di Florio
  • Il Giornale Giapponese Akahata intervista gli attivisti ICAN
    Pace
    Giornale Akahata: tiratura 1 milione di copie. Da Milano Minetaka Shimada

    Il Giornale Giapponese Akahata intervista gli attivisti ICAN

    Gli attivisti ICAN chiedono al governo italiano di aderire al Trattato di Proibizione delle Armi Nucelari (TPAN) che è stato approvato alle Nazioni Unite il 7 Luglio 2017
    8 luglio 2018 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)