Il Presidio Nazionale a Roma

Verità sulla trattativa Stato-mafia e protezione per i Magistrati

Gli amici dell'associazione Agende Rosse che ci scrivono ci ricordano che l'appuntamento del 12 aprile a Roma ci riguarda tutti, che la mafia è un problema spaventoso per noi e tocca a tutti fare qualcosa, accanto ai Magistrati e a chi nelle Istituzioni vuole sconfiggerla davvero
12 aprile 2014

Agende Rosse, come l'agenda scomparsa del giudice Paolo Borsellino

Dall'Associazione Agende Rosse

Dal 20 gennaio di quest’anno è in corso, davanti al palazzo di Giustizia di Palermo un presidio della Scorta Civica, costituitasi a Palermo, con l’adesione di numerose associazioni, per manifestare solidarietà a Nino Di Matteo ed al pool di magistrati che, per avere istruito e portato avanti il processo sulla scellerata trattativa mafia-Stato, corrono gravi pericoli per la loro stessa vita

Con la loro presenza fisica, a turno, per tutti i giorni della settimana, queste associazioni manifestano la loro solidarietà a questi magistrati a fronte delle esplicite minacce, anzi di un una vera e propria condanna a morte lanciata dal carcere da parte da parte di Totò Riina, dal puntuale ricomparire di una lugubre sigla, la Falange Armata, che si è sempre materializzata nei momenti più oscuri del nostro paese, quelli che precedono e seguono le stragi di Stato, e, dall’altra, dalle carenze dello stesso Stato, dal silenzio e delle false promesse delle Istituzioni. 

In tutto il paese si sono moltiplicate analoghe iniziative di Scorta Civica con presidi simbolici in tante città italiane, ma tutto questo non basta. E’ necessario fare di più, dobbiamo pretendere che lo Stato, le Istituzioni mettano davvero in atto quei mezzi che sarebbero indispensabili per potere davvero proteggerli. Le parole, le false promesse, non bastano, non vogliamo piangere dopo degli altri giudici e uomini delle loro scorte massacrati a causa dell’inerzia e della complicità dello Stato, è necessario agire prima, finché siamo in tempo.
A Roma, il 12 Aprile, davanti al Ministero dell’interno, andremo a manifestare la nostra rabbia per le promesse non mantenute, per il silenzio delle Istituzioni, per i macigni posti sulla strada Verità da chi, appare volere garantire una scellerata congiura del silenzio durata per venti anni piuttosto che accompagnare il nostro paese sulla difficile strada della Giustizia.
Associazione Agende Rosse

Pagine facebook dell'evento
Note: Il Presidio non è davanti al Viminale, ma nei suoi pressi (piazza Beniamino Gigli, davanti al Teatro dell'Opera, dalle 12.00 alle 17.00 circa)

"Prima che sia troppo tardi"
http://www.19luglio1992.com/index.php?option=com_content&view=article&id=7918:presidio-12-aprile-a-roma-prima-che-sia-troppo-tardi&catid=42:documenti

Pagina facebook di Agende Rosse
https://www.facebook.com/agenderosse.palermo

Articoli correlati

  • Ricordando la strage di via D'Amelio
    Pace
    Una lotta che non abbiamo mai abbandonato

    Ricordando la strage di via D'Amelio

    Pensai, come tutti, che la mafia stava sterminando i migliori tra i nostri compagni che non eravamo stati capaci di difendere. E pensai, come tutti, che occorreva resistere. Pensai ai resistenti di Stalingrado che salvarono l'umanità dal trionfo hitleriano.
    18 luglio 2020 - Peppe Sini
  • Perché ricordare Aldo Moro
    Caso Moro
    Il 9 maggio del 1978 fu eliminato uno statista inviso agli Stati Uniti e che aveva parlato troppo

    Perché ricordare Aldo Moro

    PeaceLink ha dedicato uno spazio ad Aldo Moro. Esplorate questo spazio di informazione e scoprirete che ciò che vi hanno detto per tanti anni non è tutta la verità e in certi casi non è la verità.
    9 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Peppino vive!
    Editoriale
    In memoria di un giovane coraggioso che lottò contro la mafia

    Peppino vive!

    Il 9 maggio 1978 fu assassinato Peppino Impastato e nello stesso giorno venne ritrovato il corpo senza vita di Aldo Moro
    8 maggio 2020 - Laura Tussi e Fabrizio Cracolici
  • Non abbandoniamo l'Italia
    Sociale
    La solidarietà nella pandemia da coronavirus

    Non abbandoniamo l'Italia

    In Italia le persone muoiono come mosche e la Germania tentenna fino al punto che provare imbarazzo per qualcun altro non è più un’espressione figurata
    13 aprile 2020 - Petra Reski
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)