Scampia, ricordata Stefania Formicola, vittima di femminicidio, con una targa

Il Giardino dei continenti e della Nonviolenza

A Napoli nel quinto anniversario, posa della targa nel "Giardino dei Continenti e della Nonviolenza". In questo cerchio di fratellanza e sorellanza sono stati presenti anche gli studenti.
Laura Tussi27 ottobre 2021

Il mondo della Scuola e dell'Associazionismo civile e culturale contro la violenza strutturale e di genere e contro il femminicidio

Scampia, ricordata Stefania Formicola, vittima di femminicidio, con una targa.

In foto: il mondo della Scuola e dell'Associazionismo civile e culturale contro la violenza strutturale e di genere e contro il femminicidio 

Volti impegnati della nostra terra, la comunità vera che scende in campo e fa la propria parte. Nel ricordo di Stefania a cinque anni dalla tragica scomparsa (vittima di femminicidio), si sono riunite un gruppo di associazioni, cittadini e giovani, per condividere intenti, emozioni e testimonianze.

Volti belli della nostra terra che hanno reso speciale la giornata, e che, accanto a un sole che sembrava volesse accarezzare il volto di ogni partecipante, con la loro presenza hanno testimoniato che un'alternativa alla violenza è possibile. Sabato 23 ottobre presso il "Giardino dei cinque continenti e della nonviolenza" in Largo "D. Battaglia" a Scampia - Napoli, nato dalla rete del Progetto Pangea di Scampia, é stata inaugurata la targa di intitolazione dell'ulivo della Pace che fu piantato nell'aiuola della Pace quattro anni fa dedicato a Stefania Formicola, la Mamma Coraggio uccisa barbaramente il19 Ottobre dell'anno 2016 da colui che aveva amato senza riserve. L'iniziativa è stata promossa dal "Movimento Internazionale per la Pace e la Salvaguardia del Creato III Millennio" presieduto da Agnese Ginocchio, in sinergia con Rete Pangea rappresentata da Aldo Bifulco e l'Associazione Dream Team Donne in Rete presieduta da Patrizia Palumbo.

Accanto all'ulivo dedicato a Stefania vittima di femminicidio, i suoi genitori, il papà Luigi e la mamma Adriana, il cui intervento é stato davvero toccante. La Mamma di Stefania ha esortato a non tacere di fronte a gesti di violenza, ma a trovare sempre il coraggio di parlare con i propri genitori, con i maestri, con le istituzioni. "La donna non si tocca, l'unico gesto che le va fatto è quello di donarle un fiore". Ha concluso. Stefania pochi giorni fa è stata ricordata anche presso Rione Don Guanella, con una messa celebrata da don Manganiello, e dove è presente la Panchina rossa a lei dedicata.

Un'altra Panchina dedicata a Stefania si trova proprio presso il "Giardino della Pace, della Nonviolenza e della memoria" in Alife - Caserta voluta fortemente dal Movimento per la Pace con lo scopo di sensibilizzare contro tutte le violenze di genere e i femminicidi. Purtroppo anche questa opera recentemente è stata oggetto di gravi azioni vandaliche, ma successivamente, dopo l'esposto presentato alla locale stazione dei carabinieri, è stata rimessa a nuovo, "perchè" ha ricordato Agnese Ginocchio, "l'Amore deve vincere su ogni gesto di odio, l' amore è la forza della Pace e la Pace si fonda sull'azione della nonviolenza".

A seguire le testimonianze dei familiari di Claudio Miccoli e Antonio Landieri.

Sono state presenti portando il loro saluto Alessandra Clemente e Paola del Giudice, Consigliere del Comune di Napoli e di Municipalità. Quindi è seguita la posa di una stola fatta ad uncinetto e mandala, sulla scultura: "l'Approdo", sita nella vicina aiuola del Mediterraneo, dedicata a tutti i bambini che attraversano ed hanno attraversato il nostro mare con la speranza di aver trovato una vita migliore.

Fare memoria significa anche impegno e mettersi all'opera per la cura delle aiuole adottate come bene comune del nostro territorio.

In questo cerchio di fratellanza e sorellanza sono stati presenti anche nella parte attiva gli studenti delle classi 4P e 4E con le docenti Caccavale e Mariniello dell'ISIS Vittorio Veneto di Scampia, le ragazze della squadra di calcio femminile Dream Team ArciScampia, le associazioni: Circolo la Gru Legambiente Scampia, Il Gridas, La Scuola Calcio Arciscampia, Dream Team Donne in Rete, l'associazione AQuaS, l'associazione Claudio Miccoli, il CDA Gatta Blu il gruppo scout Napoli 14, il gruppo Dignità e Bellezza, la Comunità di Base del Cassano, Comunità di base del Cassano, Gruppo Dignità e Bellezza, Gruppo Taize' Scampia, Agesci Na14, il Centro diurno di salute mentale "La Gatta blu". E tanti amici che accompagnano costantemente in questi anni di cura del ProgettoPangea-Scampia, fra questi Fedele Salvatore e "Dada", l'africano originario del Mali, ormai parte integrante del Progetto Pangea. Quest'ultimo ha subito aiutato alla messa a dimora di una piantina floreale ai piedi dell'ulivo dedicato a Stefania.

Articoli correlati

  • "Per chi dobbiamo votare?"
    Laboratorio di scrittura
    Ogni elettore deve essere il cane da guardia del proprio partito

    "Per chi dobbiamo votare?"

    A volte i miei studenti mi hanno chiesto per chi votare. E non ho mai risposto. Ho sempre detto: vota per chi vuoi, ma vota persone oneste. E vota dopo aver controllato i programmi e dopo aver letto la Costituzione italiana. Li ho invitati a considerare i valori della Costituzione la loro bussola.
    21 settembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Se il mondo va in guerra
    Cultura
    Poesia

    Se il mondo va in guerra

    Se il mondo va in guerra / voglio solo dirti che ti amo, / che l'amore non basta / in questa terra di fiori e di roghi,/ che dovrebbe esserci / la tua bellezza in ogni angolo
    26 febbraio 2022 - Dale Zaccaria
  • Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari
    Laboratorio di scrittura
    Attenzione a non diffondere notizie "tendenziose" che possano "deprimere lo spirito pubblico"

    Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari

    Se un pacifista distribuisce ai militari dei volantini che "recano nocumento agli interessi nazionali" viene condannato a una pena non inferiore a quindici anni. Non è una legge della Russia di Putin ma l'articolo 265 del codice penale, ancora in vigore in Italia, sul "disfattismo"
    8 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile
    Pace
    Eirenefest: non solo una fiera di libri, ma soprattutto un ambito di convergenza

    Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile

    Mancano pochi giorni al via del primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza, un mega evento che si terrà a Roma dal 2 al 5 giugno prossimi: un tentativo di sfidare le radici della guerra - egoismo, violenza, sopraffazione - coltivando, tutti insieme, una convergenza di valori opposti.
    22 maggio 2022 - Olivier Turquet
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)