I poeti e la guerra

War Poets

Allo scoppio della Prima Guerra Mondiale sono stati molti i giovani inglesi ad arruolarsi volontariamente per combattere una guerra che si credeva rapida e vittoriosa ma la sconcertante realtà vissuta nelle trincee fu alla base per la nascita di una nuova poesia.
29 novembre 2020
Redazione PeaceLink

Poeti e guerra

"Allo scoppio della Prima Guerra Mondiale sono stati molti i giovani inglesi ad arruolarsi volontariamente per combattere una guerra che si credeva rapida e vittoriosa e che oggi è ricordata come una delle più grandi tragedie dell’umanità.
La sconcertante realtà di quegli anni vissuti nelle trincee, inimmaginabile per noi che non l’abbiamo vissuta, riecheggia nell’opera di un gruppo di giovanissimi soldati-poeti britannici, i War Poets, testimoni di orrori e speranze raccontati attraverso una poesia cruda e vivida".

Questo scrive Irene Belfiore in una sua analisi dei War Poets nella quale sottolinea anche che "Siegfried Sassoon che, sopravvissuto alla Guerra, si fece portavoce del dissenso".

La figura di Sassoon è strettamente legata a quella di Wilfred Owen. 

Scrive Luca Fumagalli: "Siegfried Sassoon (1886-1967) è il più importante dei cosiddetti “War Poets”. Forse i suoi versi non sono all’altezza di quelli di Wilfred Owen – solitamente considerato il migliore tra quegli inglesi che scrissero poesie sulla dura condizione dei soldati nelle trincee della Prima Guerra Mondiale – ma è innegabile che se non ci fosse stato lui, la produzione di Owen, di cui tra l’altro fu maestro, non avrebbero mai raggiunto il grande pubblico. Owen, infatti, venne ucciso nel 1918 sul Fronte Occidentale, una delle ultime vittime di quel terribile conflitto che aveva cambiato irrimediabilmente il volto dell’Europa. Sassoon, al contrario, visse a lungo, avvicinandosi progressivamente a Cristo e al cattolicesimo. La sua vita, al pari della sua poesia, fu dunque un pellegrinaggio verso la Verità".

Scrive Raf Scorsone: "La poesia si fa testimone del trauma storico ed è in questo che risiede gran parte della sua potenza. La Prima Guerra porta uomini, donne e scrittori a portare il linguaggio ai suoi limiti, perché vi era un livello di violenza senza precedenti, dove per la prima volta, a causa delle bombe, le persone saltavano in aria a pezzi. Ma ciò che distingue eccellenti poeti come Wilfred Owen e Siegfried Sassoon, è che loro ci trasportano con le loro poesie in quelle zone di guerra, possiamo quasi sentire il linguaggio mentre cerca di comprendere e raccontare quelle esperienze cruente. Possiamo anche avvertire lo sforzo da parte del poeta di descrivere una realtà indescrivibile".

Articoli correlati

  • Vademecum pace
    Pace
    Cosa possiamo fare per la pace?

    Vademecum pace

    Guida ai link dell'arcipelago pacifista. Un elenco di associazioni, coordinamenti, centri di ricerca e iniziative di pace. Questo è un vademecum per collaborare in rete ed elaborare competenze di cittadinanza per la costruzione di una società giusta che sia libera dalla paura e dalla violenza.
    4 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Pacifisti e testimoni di pace
    Storia della Pace
    Una selezione delle figure più importanti

    Pacifisti e testimoni di pace

    Le donne e gli uomini che si sono battuti contro le guerre e che hanno promosso la cultura della pace in Italia e nel mondo. Un elenco ordinato dalla A alla Z che comprende anche chi è stato perseguitato per le proprie idee nonviolente e per essere stati obiettori di coscienza.
    26 aprile 2021 - Alessandro Marescotti
  • Gli Stati Uniti e la Corte Penale Internazionale (CPI)
    Schede
    La CPI si occupa di genocidio, crimini contro l'umanità e crimini di guerra

    Gli Stati Uniti e la Corte Penale Internazionale (CPI)

    Gli USA si riservano di impiegare qualsiasi mezzo, anche militare, per liberare i soldati statunitensi che venissero tratti in arresto dalla CPI, che ha aperto un’inchiesta sui possibili crimini di guerra e crimini contro l’umanità commessi dagli Stati Uniti nella guerra in Afghanistan.
    7 aprile 2021 - Redazione PeaceLink
  • Odio gli indifferenti
    Editoriale
    La Città Futura (1917)

    Odio gli indifferenti

    Chi vive veramente non può non essere cittadino, e parteggiare. L’indifferenza è il peso morto della storia. L’indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia.
    30 gennaio 2021 - Antonio Gramsci
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)