Paladini della pace

Victor Schoelcher, l’antischiavista

Lotta anche contro la pena di morte, per il miglioramento della condizione delle donne e per la protezione dei bambini. Durante la guerra franco-prussiana del 1870, si pronuncia a favore del pacifismo e dell’alleanza dei popoli.
Redazione PeaceLink
Fonte: "Pace. 40 paladini della pace"

Victor Schoelcher Chi è

Politico e giornalista francese, nato nel 1804 a Parigi, morto il 1893 a Houilles.

Nel 1828, durante un viaggio d’affari, il francese Victor Schoelcher visita Messico, Florida, Luisiana e Cuba. Scoperto l’ignobile trattamento riservato agli schiavi, decide di mettersi alla guida della lotta abolizionista. Nominato segretario di Stato nel governo provvisorio della neonata Seconda Repubblica, il 27 aprile del 1848 firma il decreto di abolizione della schiavitù nelle colonie francesi. Ma il governo rifiuta la sua proposta di indennizzare gli ex schiavi e di attribuire loro dei lotti di terreno.

Cosa scrivevano sulla schiavitù

"In verità, se ciascuno strumento sapesse, in risposta a un ordine o per una sorta di presentimento, portare a termine l’opera che gli tocca — come, a quanto si dice, facevano le statue di Dedalo e i tripodi di Efesto che, come dice il poeta, da soli entravano nell’assemblea divina —, e se, allo stesso modo, le spole e i plettri tessessero e suonassero da sé, né gli architetti dovrebbero far ricorso ai muratori, né i padroni agli schiavi".

Aristotele, IV secolo a.C.

“La ragione che induce un negro a fuggire dal padrone è, in molti casi, una malattia della mente: tuttavia è facilmente curabile. Con appropriati consigli medici, questa fastidiosa abitudine che molti schiavi hanno di scappare via può essere quasi interamente prevenuta”. 

Samuel A. Cartwright (chirurgo e psicologo)

New Orleans Medical Journal (1851)

L’umanista

Victor Schoelcher lotta anche contro la pena di morte, per il miglioramento della condizione delle donne e per la protezione dei bambini.

Durante la guerra franco-prussiana del 1870, si pronuncia a favore del pacifismo e dell’alleanza dei popoli.

Schiavitù

Uno schiavo appartiene al padrone, che lo obbliga a lavorare gratuitamente e lo costringe a obbedire con la violenza e la paura. Può essere venduto, noleggiato, regalato, scambiato o affrancato (che significa liberato).

La schiavitù ha avuto varie giustificazioni.

Oggi la schiavitù è vietata da una Convenzione ONU.

Decreto

“La schiavitù è un attentato contro la dignità umana” (decreto del 1848). Mette fine a quasi duecento anni di tratta degli schiavi in Francia.

Ideali

Padre dell’abolizione della schiavitù nelle colonie francesi.

Martinica

E’ stato eletto due volte deputato della Martinica (isola caraibica delle Piccole Antille) nel 1848 e nel 1871.

Come si pronuncia Schoelcher

Clicca qui per la corretta pronuncia.

Antischiavismo

Per un approfondimento sull'antischiavismo clicca qui.

Chiudi

Fonte: Wikipedia

Note: Le informazioni di questa scheda sono tratte principalmente dal libro (che consigliamo vivamente per un uso didattico a scuola):

"Pace. 40 paladini della pace"

https://www.libreriauniversitaria.it/pace-40-paladini-pace-ediz/libro/9788847735392

Schoelcher: un libro da leggere
https://www.libreriauniversitaria.it/abolizione-schiavitu-esame-critico-pregiudizio/libro/9788871642239

L'abolizionismo https://it.wikipedia.org/wiki/Abolizionismo

Articoli correlati

  • L’antimilitarismo tra i secoli
    Pace
    Motivo centrale delle proteste antimilitariste è l'uso repressivo dei militari durante gli scioperi

    L’antimilitarismo tra i secoli

    I temi dell'antimilitarismo: le spese militari, l’autoritarismo nelle caserme, l’impiego delle truppe per reprimere le manifestazioni popolari. Le spese militari nel 1906 erano in continuo incremento e la prima deliberazione specifica contro di esse risale al congresso convocato a Milano nel 1891
    4 ottobre 2021 - Laura Tussi
  • Pacifisti e testimoni di pace
    Storia della Pace
    Una selezione delle figure più importanti

    Pacifisti e testimoni di pace

    Le donne e gli uomini che si sono battuti contro le guerre e che hanno promosso la cultura della pace in Italia e nel mondo. Un elenco ordinato dalla A alla Z che comprende anche chi è stato perseguitato per le proprie idee nonviolente e per essere stati obiettori di coscienza.
    26 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pablo Picasso, l’artista che ripudiava la guerra
    Storia della Pace
    I paladini della pace

    Pablo Picasso, l’artista che ripudiava la guerra

    Dipinse Guernica, dopo il bombardamento nazista del 1937. Quel quadro rappresentava in maniera plastica e simbolica l’orrore devastante della guerra. Mise la sua fama al servizio della pace e del disarmo. Celebri divennero le sue colombe della pace.
    11 luglio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Victor Hugo, lo scrittore visionario
    Storia della Pace
    Paladini della pace

    Victor Hugo, lo scrittore visionario

    Grande scrittore francese e intellettuale impegnato, Victor Hugo presiede il Congresso Internazionale della Pace che si tiene a Parigi nel 1849 e fa appello a una “fraternità europea”. Frase celebre: “Verrà un giorno in cui le pallottole e le bombe saranno sostituite dai voti”.
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)