Moderna

Dal 1492 al 1789
25 Articoli - pagina 1 2 3
  • I cinesi definivano gli europei i "barbari dal grande naso"

    Il terrificante potere dei cannoni

    Quando nel 1517 Fernao Peres gettò l’ancora nel porto di Canton, la prima cosa che fece fu di sparare una salva di cannonate di saluto. Ma, per dirla col professor Chang, «non era mai passato per la testa dei cinesi che un’esibizione di strumenti di guerra potesse essere una dimostrazione di rispetto o un’espressione di cortesia». La gente fu presa dal terrore e i mandarini fecero ampie proteste. I portoghesi bevevano vino rosso ma i cinesi pensavano che bevessero sangue.
    14 dicembre 2003 - Carlo Maria Cipolla
  • Scienza ed esperienza nel secolo XVII

    Quando la controinformazione si chiamava scienza

    Nel corso del Seicento, come spiega lo storico della scienza russo Jurij Ivanovic Solov’ev, il mondo si aprí via via al progresso scientifico. Gli sconvolgenti risultati delle indagini astronomiche, naturalistiche e matematiche trovarono nelle attività delle Accademie, associazioni di scienziati e letterati aperti a nuove forme di collaborazione, fiorite in tutta Europa, la loro cassa di risonanza. In tale contesto la sperimentazione dei fenomeni, e le eventuali leggi che ne scaturivano, divennero le regole con cui dovette misurarsi ogni forma di conoscenza. Ciò che non poteva essere comprovato, sia che appartenesse a dogmi religiosi, o facesse parte della filosofia degli antichi, venne rigettata dai nuovi scienziati come materia incomprensibile.
    14 dicembre 2003 - Jurij Ivanovic Solov’ev
  • Osarono criticare ogni potere

    L’odissea degli anabattisti

    Fra le varie componenti della Riforma protestante, quella formata dagli anabattisti fu senz’altro la meno nota e la piú appartata, ma anche la piú radicale e la piú perseguitata. L’uso di battezzarsi da adulti, la pratica di una vita rigidamente conformata alle Sacre Scritture, ma tollerante nei confronti degli altri credi, il rifiuto di aderire alle istituzioni dello stato e di impugnare le armi, ne fecero, come spiega in questo brano lo storico americano Roland H. Bainton, un movimento temuto da tutte le autorità costituite, sia cattoliche che protestanti, per le sconvolgenti concezioni politiche e religiose professate; e per questo venne ferocemente combattuta ed emarginata.
    14 dicembre 2003 - Roland H. Bainton
  • La conquista dell'America

    La denuncia di Bartolomeo de Las Casas contro le atrocità dei colonizzatori

    La sete dell’oro degli spagnoli e l’asservimento degli indios determinò rivolte, massacri e crudeltà indescrivibili, che il frate domenicano spagnolo Bartolomeo de Las Casas, in seguito vescovo, denunciò apertamente e coraggiosamente nel suo paese, attirandosi l’odio, il rancore e le repliche ideologiche di molti suoi compaesani. La figura del religioso spagnolo ha suscitato in seguito vaste polemiche, essendo stato egli responsabile, al fine della salvaguardia degli indios, del progetto di importare in America schiavi neri dall’Africa per alimentare l’economia spagnola. Nelle seguenti pagine appare tutto il campionario di quella prima oppressione coloniale: la guerra, la tortura, la spartizione degli abitanti, il lavoro servile, la grande mortalità.
    14 dicembre 2003 - documento storico
  • La storia comincia nel 1642

    Pena di morte contro i minorenni negli Stati Uniti

    Gia' prima dell'indipendenza dall'Inghilterra e' stata applicata la pena capitale su minori.
    14 dicembre 2003 - Amnesty International
pagina 3 di 3 | precedente - successiva
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)