Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Resta sul tappeto la questione riguardante i cattivi odori

"Italcave, nessun rischio per la salute"

Riferendo dei risultati dei campionamenti effettuati presso la discarica, i tecnici di Arpa e Sisp hanno confermato che quel tipo di rifiuto, allo stato della normativa di riferimento, può essere regolarmente smaltito in discarica.

Florido e l'Italcave

Nessuna sostanza nociva rilevata per la salute: è questo il dato saliente dei controlli effettuati nella discarica Italcave dal Tavolo tecnico promosso dalla Provincia di Taranto su iniziativa del presidente Gianni Florido.

Ieri mattina (3 ottobre), a Palazzo del Governo, con la sola assenza del Comune di Taranto, si sono ritrovati i rappresentanti di Sisp-Asl, Arpa, Spesal-Asl, università di Pisa, Comitato tecnico della Provincia di Taranto, Comune di Statte (rappresentato dal commissario prefettizio dott. Antonio Paglialonga) per fare il punto sulle verifiche avviate così come concordato nel corso della riunione tenutasi il 20 settembre. Due settimane di intenso lavoro per accertare se il conferimento di rifiuti alla discarica Italcave provenienti da altre regioni può far temere per la salute dei cittadini di Statte.

Riferendo dei risultati dei campionamenti effettuati presso la discarica, i tecnici di Arpa e Sisp hanno confermato che quel tipo di rifiuto, allo stato della normativa di riferimento, può essere regolarmente smaltito in discarica.

Resta sul tappeto la questione riguardante i cattivi odori rispetto ai quali proprio l'Arpa si è impegnata a produrre altri specifici accertamenti; cattivi odori che, comunque, per ammissione di Arpa e Sisp non sono riferibili a sostanze nocive per la salute dei cittadini. Inoltre, il Comitato tecnico provinciale ha accertato la regolarità sulle procedure autorizzative esperite mentre lo Spesal, per la sola materia di sicurezza sul lavoro, ha prescritto procedure per l'adeguamento alla normativa vigente.

Il tavolo tecnico ha escluso qualsiasi possibilità recentemente paventata che nella discarica si smaltiscano rifiuti tossici. Inoltre, l'orientamento generale emerso nel corso della riunione è che sia necessario, in attesa di ulteriori elementi di ricerca scientifica tesi alla individuazione dell'agente che produce l'aggressione odorigena, approdare a forme di contingentamento delle quantità di rifiuti oggetto di conferimento nella discarica Italcave.

Il tavolo tecnico produrrà una relazione conclusiva comprendente le eventuali ulteriori misure da adottare per il contenimento dei cattivi odori.

Note: La vignetta che Michele De Benedetto aveva realizzata è veramente ingenerosa verso il Presidente della Provincia, occorre ammetterlo. Altro che dormire, in questi giorni si è lavorato sodo per accertare che... è tutto in regola con la discarica Italcave di Statte. Puzza da morire, ma è tutto in regola.
A.M.

Articoli correlati

  • Lettera al Ministro Di Maio: "Ritiri il ricorso contro il Ministero dell'Ambiente"
    Ecologia
    Il ministro del MISE sarà a Taranto il prossimo lunedì 24 giugno

    Lettera al Ministro Di Maio: "Ritiri il ricorso contro il Ministero dell'Ambiente"

    PeaceLink ritorna su una storia davvero kafkiana in cui il Ministero dello Sviluppo Economico ha fatto ricorso contro il ministero dell'Ambiente per non applicare a Taranto il principio europeo "chi inquina paga". Al centro la questione della bonifica dei terreni contaminati dalla diossina
    21 giugno 2019 - Alessandro Marescotti
  • Si conferma il trend delle emissioni inquinanti della cokeria ILVA
    Taranto Sociale
    A Taranto si è riunito il tavolo convocato dalla Procura

    Si conferma il trend delle emissioni inquinanti della cokeria ILVA

    La tendenza all'aumento è confermata dalle prime due settimane di marzo. Le slides presentate in un'assemblea a Statte da Alessandro Marescotti (PeaceLink)
    18 marzo 2019 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    La contaminazione dei terreni agricoli vicino alle discariche ILVA

    Peacelink a sindaco Statte: individuare inquinatori

    Secondo Peacelink, "gli inquinanti che hanno superato i valori di legge sono tutti nel catalogo delle note emissioni inquinanti di un'acciaieria: diossine, Pcb, IPa, benzoapirene, mercurio, arsenico. E' importante sapere se sono state condotte delle indagini ad hoc per conoscere la reale provenienza di tali inquinanti".
    9 giugno 2018 - Agenzia stampa AGI
  • Ecologia
    Discariche ILVA e contaminazione del territorio

    Quattro domande al Sindaco di Statte

    A Statte, in provincia di Taranto, nel terreno e nella falda gli inquinanti che hanno superato i valori di legge. Occorre applicare il principio "chi inquina paga" e dare ai consumatori i l diritto di conoscere. Ognuno ha diritto di scegliere in modo informato i cavolfiori, i pomodori o i carciofi e di rivendicarne la tracciabilità. E' un principio fondamentale.
    9 giugno 2018 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)