Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Dopo lo scandalo della Hidrochemical, pubblichiamo su Internet alcune foto di denuncia

Ecco come uccidono il mare di Taranto

Sono state scattate fra la fine del 2004 e il maggio 2005 nella zona prospiciente l’area Agip e Hidrochemical. Ci permettiamo anche di chiedere: dopo che la Provincia autorizza uno scarico idrico industriale cosa succede, se ne disinteressa? E’ solo una pratica burocratica o c’è un addetto che si preoccupa degli effetti e di come viene gestito quello scarico? Ogni quanto viene aggiornato il censimento degli scarichi industriali?
20 marzo 2006
Legambiente Taranto (legambiente.taranto@mail.legambiente.com)

Macchie 1: foto scattata presso il pontile della raffineria a Taranto

Queste sono alcune delle foto che come Legambiente abbiamo scattato nel periodo fine 2004-maggio 2005 nella zona prospiciente l’area Agip e Hidrochemical.

Sotto riportiamo una legenda delle foto.

Un paio furono anche pubblicate a maggio scorso da un giornale locale per denunciare pubblicamente il fatto.

Chiaramente non siamo in grado di affermare che tale inquinamento fosse legato a sversamenti della Hidrochemical.

Certo è che l'allarme è rimasto lettera morta. Macchie 2

Macchie 1-2

Nei pressi del pontile della raffineria molte mattine a prima ora, a mare calmo prima che la brezza spazzasse via tutto, apparivano questi fenomeni.

Sono macchie scure che si addensano quando il movimento ondoso le accumula.


La foto n.1 è scattata presso il pontile della raffineria.

La foto n.2 inquadra il Mar Piccolo subito dopo aver passato il Ponte Girevole.

Si notano le motonavi dell'Amat ormeggiate nei pressi dell'Arsenale. Queste foto risalgono al 19 marzo 2005 (San Giuseppe perdonerà?) alle ore 9.30 circa.

Prelievo 1


Prelievo 1-2-3

Si ripete il fenomeno ed è molto accentuato presso il pontile raffineria. Questo materiale denso e rossiccio quando si arresta vicino ad un ostacolo si addensa e anche se impalpabile può essere prelevato.
Prelievo 2


Non ha consistenza, sembra olio ma non unge, lascia soltanto delle macchie nere, dopo un po' di tempo che galleggia, quando si addensa, cambia di peso e precipita sul fondo in maniera molto lenta (effetto lampada anni '80).

Queste sono state scattate il 22 maggio 2005 (a primavera inoltrata) alle ore 8.30.
Prelievo 3


Di questo materiale abbiamo conservato 3 fazzolettini imbevuti.

Schiuma

Sulla spiaggetta di S.Nicolicchio, tra Agip e V sporgente, apparivano queste schiume. Alla vista apparivano sporche.

Quando la schiuma evaporava ecco ciò che rimaneva.
Schiuma inquinata a Taranto

Queste foto risalgono al 25 dicembre 2004 ore 11.54, mentre ci preparavamo al pranzo di Natale.

Qualche domanda su questa brutta vicenda

Apprendiamo con favore la notizia che la magistratura di Taranto ha aperto un’inchiesta per far luce sui controlli pubblici messi in atto in questa vicenda dello sversamento a mare dei rifiuti, ci aiuterà a ricostruire la vicenda e ad individuare eventuali responsabilità ed omissioni.
Schiuma inquinata


Alle forze dell’ordine ed alla magistratura la nostra solidarietà ed il nostro sostegno.

Il loro lavoro ed impegno non devono però esimere gli enti che hanno responsabilità, in particolare Provincia ed Arpa, a chiarire alla cittadinanza tutti i particolari di questa vicenda allarmante.

Per esempio, ci lascia un po’ perplessi la dichiarazione fatta dal Presidente della Provincia in occasione della conferenza stampa quando afferma "i dati ci erano noti (...) si è però ritenuto di non sovrapporre provvedimenti amministrativi all’inchiesta giudiziaria assolutamente riservata, al fine di non precludere gli esiti".

Cosa significa? Che pur sapendo dello sversamento si è lasciato che continuassero ad inquinare per quasi due anni senza muovere dito? La decisione di non intervenire è stata presa a seguito di una richiesta dei Carabinieri e/o della Procura oppure è stata una decisione autonoma della Provincia? E quando e da chi è stata presa?

Ci permettiamo anche di chiedere: dopo che la Provincia autorizza uno scarico idrico industriale cosa succede, se ne disinteressa? E’ solo una pratica burocratica o c’è un addetto che si preoccupa degli effetti e di come viene gestito quello scarico? Ogni quanto viene aggiornato il censimento degli scarichi industriali?

Inoltre, l’area interessata ha bisogno o no di essere bonificata? Quando, come e cosa si decide?

Note: I comunicati di Legambiente a Taranto

TRAFFICO ILLEGALE DI RIFIUTI A TARANTO
http://lists.peacelink.it/taranto/2006/03/msg00016.html

ANCORA QUALCHE DOMANDA, PER ANDARE A FONDO
COGLIAMO L’OCCASIONE DI QUESTA BRUTTA VICENDA PER INVERTIRE LA ROTTA
http://lists.peacelink.it/taranto/2006/03/msg00019.html

Articoli correlati

  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
  • La roulette russa a Taranto
    Editoriale
    Un video ideato per la manifestazione contro l'inquinamento a Taranto del prossimo 26 febbraio

    La roulette russa a Taranto

    Il nuovo video del regista Giuseppe Giusto dura appena due minuti ma è un vero e proprio colpo allo stomaco. Tra l'estremo e il paradossale, ci scaraventa dentro il dramma dell'inquinamento partendo dall'immagine di una pistola puntata alla tempia e dalla metafora della roulette russa
    16 febbraio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Conferenza stampa per la fiaccolata del 26 febbraio 2020 a Taranto
    Taranto Sociale
    Comunicato stampa

    Conferenza stampa per la fiaccolata del 26 febbraio 2020 a Taranto

    La conferenza stampa è stata moderata da Roberto MIssiani e si è svolta presso la biblioteca del convento di San Pasquale
    16 febbraio 2020
  • A Taranto la roulette russa continua
    Taranto Sociale
    E' giusto vivere così?

    A Taranto la roulette russa continua

    Il nuovo video del regista Giuseppe Giusto arriva a sostegno della fiaccolata per le vittime dell'inquinamento che si terrà il 26 febbraio.
    16 febbraio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)