Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Perplessità riguardo all’ipotesi di accensione dell’inceneritore di Taranto

Ma l’inceneritore non è la migliore soluzione

In Italia, poi, si sta vergognosamente sfruttando l’emergenza campana, dovuta alle enormi collusioni tra politica, imprenditoria e camorra, per portare avanti a suon di bugie il "partito degli inceneritori". L’incenerimento non rappresenta assolutamente un’alternativa alla discarica.
9 gennaio 2008
Giulio Farella
Fonte: Corriere del Giorno

Egregio Direttore,
Inceneritore scrivo per esprimere le mie perplessità riguardo all’ipotesi di accensione dell’inceneritore di Taranto, ventilata anche dal consigliere comunale dell’Udeur Massimiliano Stellato sulle pagine del Suo giornale. Stellato ha definito "terrorismo psicologico" l’utilizzo della parola "inceneritore", indicando la necessità di chiamare l’impianto "termovalorizzatore". Sarebbe il caso di ricordare a Stellato che la Comunità Europea ha attivato una (ennesima) procedura di infrazione nei confronti dell’Italia proprio perché ha ritenuto i termini "termovalorizzatore" e "termoutilizzatore" delle truffe ai infatti, produce circa 400 kg di ceneri per tonnellata di rifiuto bruciato che dovranno poi essere stoccati in discariche speciali con costi esorbitanti sia in termini ambientali che economici.

Di conseguenza è bene che i cittadini di un comune dissestato come il nostro sappiano che l’incenerimento è in assoluto la procedura di smaltimento dei rifiuti più costosa, con enormi aggravi sulla già altissima Tassa sui Rifiuti Solidi Urbani. E’ mia opinione che un’Amministrazione Comunale che cerchi realmente di segnare un punto di svolta nella storia della città di Taranto debba applicare le migliori soluzioni a disposizione per risolvere il prodanni dei cittadini. Come al solito il Bel Paese riesce in ogni campo a distinguersi per i cronici ritardi con cui recepisce i risultati delle ricerche scientifiche ed economiche, in questo caso legate all’utilizzo degli inceneritori. Già da alcuni anni i maggiori paesi europei hanno iniziato procedure di dismissione degli inceneritori in favore di tecnologie a minore impatto economico e sanitario che non prevedono la combustione dei rifiuti e, soprattutto, di una capillare ed efficiente raccolta differenziata.

In Italia, poi, si sta vergognosamente sfruttando l’emergenza campana, dovuta alle enormi collusioni tra politica, imprenditoria e camorra, per portare avanti a suon di bugie il "partito degli inceneritori". E’ bene ricordare, infatti, che l’incenerimento del rifiuto urbano indifferenziato sviluppa fumi altamente tossici, contenenti diossine e polveri ultrafini estremamente pericolose ed impossibili da filtrare poiché molto più piccole dei famosi PM10 (si parla di PM 0,5). E’ stato dimostrato da centri di ricerca di fama internazionale che queste particelle tendono ad accumularsi nell’organismo e nei prodotti agricoli coltivati in prossimità dell’impianto, causando nell’uomo tumori e diverse altre gravi patologie.

Bisogna inoltre chiarire che l’incenerimento non rappresenta assolutamente un’alternativa alla discarica: un inceneritore "a griglia" come quello di Taranto, blema dei rifiuti, e non accettare passivamente soluzioni obsolete, dannose e costose per la comunità. La soluzione del problema dei rifiuti deve obbligatoriamente partire da una seria politica di incremento della raccolta differenziata, prevedendo poi soluzioni tecnologicamente avanzate come il Trattamento Bio-Meccanico a freddo (TBM).

Sarebbe poi un grave errore politico se questa amministrazione, nel pieno della battaglia per ottenere dalla grande industria il rispetto dell’ambiente e della salute dei cittadini, consentisse l’attivazione dell’ennesimo impianto altamente inquinante nel martoriato territorio tarantino.

Per risolvere il problema dei rifiuti sarebbe sufficiente, in definitiva, seguire l’esempio delle tante città italiane e straniere che hanno attivato politiche mirate allo "Zero waste", sbarazzandosi così in tempi rapidissimi di discariche ed inceneritori e con forti sgravi fiscali per i cittadini virtuosi.

Distinti saluti.
Dott. Giulio Farella

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    Ci costituiamo in base all'art. 11 della nostra Carta Costituzionale: "L'Italia ripudia la guerra"

    Documento del Comitato per la Pace di Taranto

    Sabato 26 febbraio saremo in presidio a Taranto esprimendo la nostra preoccupazione per l'escalation militare. Chiediamo all'Italia e all’Europa di adoperarsi diplomaticamente per evitare il conflitto. Diciamo no all'estensione della Nato all'Ucraina e a nuove armi nucleari Usa in Europa.
    21 febbraio 2022 - Comitato per la Pace di Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)