Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Critica la qualità dell'aria in città

Sul fronte degli ossidi di azoto in 18 città la metà o più delle emissioni è dovuto al traffico, con l'eccezione di Venezia e Taranto dove l'industria fa la parte da leone con il 74% e il 91 per cento. Rifiuti: Aumentano dell'8,9% i rifiuti del Belpaese.
11 marzo 2008
Nicoletta Cottone
Fonte: Il Sole 24 Ore

Calano le emissioni da trasporto nelle città italiane, ma la qualità dell'aria rimane critica. Cresce la produzione dei rifiuti, che tra il 2002 e il 2006 ha registrato un incremento del 5,1% nelle grandi città e dell'8,9% nella media nazionale. I dati emergono dal quarto rapporto Apat sulla qualità dell'ambiente urbano presentato a Roma. Le città, però, sono sempre più verdi. Il presidente dell'Apat Giancarlo Viglione ha ricordato che le informazioni contenute nel rapporto sono «un presupposto per pianificare interventi». Il ministro dell'Ambiente Alfonso Pecoraio Scanio ha sottolineato che la conoscenza della situazione «è un elemento essenziale per affermare un sistema più sostenibile per l'ambiente» e per coinvolgere i cittadini.

Aria e traffico. Le emissioni totali di polveri sottili (PM10) diminuiscono in tutte le città rispetto al 2000, dal -4% di Taranto al -67% di Brescia. In particolare, il contributo del settore «trasporti su strada», pur rimanendo la principale fonte di emissioni nella maggior parte delle città, ha registrato decrementi significativi: dal 29% di Prato all'82% di Brescia. Andamento analogo si registra per ossidi di azoto e di zolfo. I dati sulle emissioni di Pm10 segnalano che il trasporto su strada è il principale fattore di inquinamento in 19 delle 24 città considerate. In 11 città supera il 50% del totale con punte a Roma, Torino e Messina dove è superiore al 60 per cento. Sul fronte degli ossidi di azoto in 18 città la metà o più delle emissioni è dovuto al traffico, con l'eccezione di Venezia e Taranto dove l'industria fa la parte da leone con il 74% e il 91 per cento. Cresce il numero di veicoli in città, anche se in modo non omogeneo, visto che Milano registra un calo, mentre al Sud cresce il numero delle quattroruote: Taranto, per esempio, segna un + 10,8%, mentre Napoli registra un calo del 6 per cento. Roma è la città con più auto ogni mille abitanti, anche se nell'ultimo anno registra un calo del 4,5 per cento. Aumentano le vetture a basse emissioni con le Euro 4 che superano il 10% in tutte le città. In salita anche il numero dei motocicli e dei veicoli commerciali leggeri.

Rifiuti. Cresca la mondezza nel Belpaese, con una media dell'8,9%, e un incremento medio nelle grandi città del 5,1 per cento. La produzione dei rifiuti cresce, dunque, meno nelle grandi città, dove però diminuisce la popolazione. Nel 2006, infatti, nelle grandi città si registra una produzione di 622 chili per abitante, 72 in più rispetto alla media nazionale. La raccolta differenziata vede i migliori risultati a Padova (39%), seguita da Torino (36,7%) e Brescia (35,8 per cento). Restano al di sotto del 10% città come Cagliari, Napoli, Catania e Messina.

Acqua, gas ed energia. Diminuisce il consumo di acqua per uso domestico e riscaldamento nelle 24 città sotto l'obiettivo dell'Apat (dai 75,3 metri cubi del 2000 ai 69,4 del 2006. Le città meno «risparmiose» sono state Torino, Brescia e Roma. Le migliori, invece, Livorno, Foggia e Prato. Il consumo del gas pro capite per uso domestico, invece, è in salita. Dato molto evidente a Palermo, Catania, Genova e Bari. Dati in calo, invece, a Milano, Brescia e Cagliari. Sul fronte del consumo dell'energia elettrica per uso domestico i consumi più bassi pro capite si registrano a Foggia, mentre Cagliari e Roma si classificano come le città più «energivore». Il mare si conferma generalmente pulito con il 91,3% di acque balenabili. La situazione appare critica solo a Roma e Manfredonia.

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    Ci costituiamo in base all'art. 11 della nostra Carta Costituzionale: "L'Italia ripudia la guerra"

    Documento del Comitato per la Pace di Taranto

    Sabato 26 febbraio saremo in presidio a Taranto esprimendo la nostra preoccupazione per l'escalation militare. Chiediamo all'Italia e all’Europa di adoperarsi diplomaticamente per evitare il conflitto. Diciamo no all'estensione della Nato all'Ucraina e a nuove armi nucleari Usa in Europa.
    21 febbraio 2022 - Comitato per la Pace di Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)