Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Nichi Vendola: contro le mafie, insieme

«Chiedo scusa a nome delle istituzioni che rappresento»

«Non vi parlo come Nichi, ma a nome delle istituzioni che rappresento e vi chiedo scusa». E’ la prima frase che il presidente della Regione Puglia ha rivolto ai familiari delle vittime di mafia seduti nelle prime file sotto il palco di piazza della Libertà a Bari, dove si è conclusa la lunga marcia che con oltre 100mila persone
15 marzo 2008
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

La Puglia contro le mafie BARI – Lacrime e commozione sul palco di Bari allestito in piazza della Libertà per celebrare la Giornata della memoria per le vittime di mafia. Ha pianto il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, che ha chiesto scusa e perdono ai famigliari delle vittime. E piange don Ciotti che grida «basta», chiedendo alle istituzioni e a tutti di fare la propria parte.

«Non vi parlo come Nichi, che vi ha conosciuto da tanti anni, ma vi parlo a norme delle istituzioni e vi chiedo scusa». E’ la prima frase che il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ha rivolto ai familiari delle vittime di mafia seduti nelle prime file sotto il palco di piazza della Libertà.

«Dobbiamo chiedervi perdono – ha detto con la voce rotta dall’emozione e le lacrime agli occhi mentre la gente lo applaudiva – per lo spettacolo indegno di complicità e protezioni, vi voglio chiedere scusa a nome di coloro che per una manciata di voti hanno costruito una rete di connivenze, scusa per coloro che dopo una condanna hanno festeggiato con i cannoli».

Durante la breve e accorata richiesta di perdono gridata da Vendola, i famigliari delle vittime si sono alzati in piedi, applaudendo, mentre Vendola sul palco continuava a piangere e ad abbracciare i parenti delle vittime di mafia che gli erano accanto.

Il momento di profonda commozione ha attraversato tutti i presenti sul palco, anche il presidente della Camera, Fausto Bertinotti, che ha abbracciato con forza e per lungo tempo il presidente della Regione Puglia in lacrime.

«Quanti siamo non importa» il presidente di Libera , don Luigi Ciotti non vuole indicare numeri per il grande corteo – si parla di oltre 100mila persone - che stamani ha percorso il lungomare di Bari nella 13esima giornata della memoria delle vittime di mafia.

«Ciò che importa – ha detto don Luigi Ciotti – è che sempre più nella coscienza il cambiamento ha bisogno del 'noi', delle scelte e dell’impegno del nostro sporcarci le mani: ci sono scuole, gruppi da tutta Italia, per la prima volta 30 paesi europei sono rappresentati, questa società responsabile si mette in gioco, oggi con noi ci sono centinaia di parenti delle vittime di mafia ma vogliamo ricordare anche le vittime sul lavoro, per il terrorismo e delle altre forme di violenza».

«Siamo a Bari che ha avuto tante vittime di mafia ma anche gli anticorpi per reagire» ha aggiunto e quindi, dopo aver ricordato la cooperativa agricola che lavora nel Salento su terreni confiscati alla criminalità organizzata, don Luigi Ciotti ha chiesto che non siano dimenticate le parole di Paolo Borsellino, anni fa nel momento di massimo successo di lotta alla mafia, in quei giorni di euforia, ha ricordato don Luigi Cioptti, Borsellino disse in modo profetico «attenzione alle perniciose illusioni».

Infatti, ha proseguito il presidente di Libera «ci vuole coerenza e continuità da parte di tutti, occorre colpire le alleanze, le compiacenze con il mondo degli affari, della finanza e della politica e i patrimoni mafiosi».

Articoli correlati

  • Ecoreati: non fermate i processi!
    Ecologia
    Firma la petizione al Governo e al Parlamento

    Ecoreati: non fermate i processi!

    Vogliamo raccogliere le voci di cittadini e associazioni per chiedere una modifica della legge che salvi i grandi processi per disastro ambientale e per altri gravi ecoreati. Il rischio della riforma Cartabia è quello di vanificare l'impegno dei magistrati nella lotta agli ecoreati.
    30 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Questa riforma va in senso esattamente contrario al sogno di giustizia di Paolo Borsellino
    Sociale
    Riforma della giustizia

    Questa riforma va in senso esattamente contrario al sogno di giustizia di Paolo Borsellino

    Siamo purtroppo alle Termopili, è una battaglia disperata ma le battaglie, se giuste, se sacrosante, vanno in ogni caso combattute ed è quello che faremo, chiamando a raccolta la Società Civile, fino alla fine.
    30 luglio 2021 - Salvatore Borsellino
  • Una riforma che favorirà l'impunità a molti inquinatori, alle cosche mafiose e alla malapolitica
    Editoriale
    Appello alla società civile

    Una riforma che favorirà l'impunità a molti inquinatori, alle cosche mafiose e alla malapolitica

    PeaceLink si associa al grido di allarme che proviene dal mondo della magistratura ed esprime forti timori rispetto alla riforma della giustizia. Se non siete d'accordo sulla riforma della giustizia condividete questo testo
    23 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)