Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Rifkin con Vendola, la Puglia a idrogeno

Rinnovabili - Un megaprogetto per avere auto a energia pulita. E' la prima regione al mondo. Viaggiare a bordo di auto ecologiche, spinte solo dal sole e dal vento? Finalmente si può. E tra non molto anche in Italia. In Puglia in particolare, dove è in corso la «terza rivoluzione industriale: quella dell'idrogeno».
11 aprile 2008
Stefano Milani
Fonte: Il Manifesto

Idrogeno L'annuncio è di Jeremy Rifkin, presidente della Foundation on Economic Trends, ieri a Roma per presentare questo progetto rivoluzionario, frutto di tre anni di lavoro e grazie alla supervisione tecnica dell'Università dell'idrogeno. Non parliamo di fantascienza, nè di prototipi pronti nel 2050. La costruzione dei primi cinque distributori partirà già dal mese prossimo. Così, tra qualche anno, gli eco-automobilisti italiani potranno fare il pieno della loro utilitaria scegliendo fra tre opzioni di carburante: idrogeno puro, idrometano verde (miscela al 70% di metano e 30% di idrogeno) e metano.

L'investimento previsto è, almeno per la prima fase, di cinque milioni di euro: tre dei quali stanziati dal ministero dell'Ambiente e due dalla Regione Puglia. «E' questa la strada per far crescere il paese - ha detto Pecoraro Scanio nel corso della conferenza stampa di presentazione e in una delle sue ultime apparizioni nella veste di ministro - Utilizzeremo le tecnologie più avanzate spendendo i soldi in opere pubbliche che siano veramente utili. Noi lo chiamiamo l'ambientalismo del fare bene».

Una rivoluzione che pone la Puglia all'avanguardia, persino più avanti della California che per prima ha realizzato gli impianti a idrogeno là dove l'elemento chimico più leggero in natura non viene interamente prodotto da fonti alternative ma anche ricavato da idrocarburi.

Questo nuovo sistema consentirà di abbattere le emissioni atmosferiche inquinanti del 20 per cento. Da tempo l'industria automobilistica sta testando in tutto il mondo auto a idrogeno e già nel 2014 dovrebbero essere pronti i primi modelli per la vendita al grande pubblico. Nel nostro Paese sono quasi 600mila le auto a metano omologate solo negli ultimi due anni, e che potranno usufruire della miscela senza intervenire sul motore.

«L'obiettivo idrogeno è più vicino. Nascerà una rete di energia diffusa che alleggerisce l'impatto inquinante e la bilancia commerciale», ha detto Rifkin. Ma non solo, l'obiettivo è anche quello di dare una mano al trasporto pubblico. «Costruiremo anche un servizio di taxi basato sul sistema idrogeno, fuel cell, motore elettrico. Le auto pubbliche a idrogeno aspetteranno i loro clienti negli aeroporti pugliesi e, visto che in ogni città ci sarà un distributore a idrogeno, potranno fare il pieno su tutto il territorio regionale e tornare alla base».

Articoli correlati

  • L'introduzione dell’idrogeno nel processo produttivo dell’acciaio
    Ecodidattica
    La produzione di DRI (direct reduced iron)

    L'introduzione dell’idrogeno nel processo produttivo dell’acciaio

    Ad Amburgo ArcelorMittal costruirà un impianto pilota che utilizzerà idrogeno su scala industriale per la riduzione diretta del minerale di ferro (DRI o preridotto), tagliando le emissioni di CO2. Attualmente la produzione di DRI avviene utilizzando gas naturale.
    Elisa Bonomelli
  • L'ARPA Puglia ha un nuovo strumento per segnalare le puzze
    Ecologia
    Il portale pugliese per le segnalazioni degli eventi odorigeni

    L'ARPA Puglia ha un nuovo strumento per segnalare le puzze

    Come funziona l'attività di monitoraggio alle emissioni odorigene in Puglia? Quello delle puzze è un fenomeno spesso segnalato dai cittadini che vivono vicino alle discariche, agli oleifici e alle fabbriche.
    21 giugno 2021 - Fulvia Gravame
  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)