Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

L'Ente Irrigazione chiude, al suo posto Acqua spa

Acqua spa gestirà le dighe e le reti idriche delle due regioni. Sia De Filippo sia Vendola non hanno escluso di coinvolgere nella società la Regione Campania e lo Stato. Eppure su enti come questi si era abbattuta la scure della Finanziaria
29 aprile 2008
Michelangelo Borrillo
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- Nella scorsa Finanziaria l'Ente per lo sviluppo dell'irrigazione e la trasformazione fondiaria in Puglia, Lucania e Irpinia era finito nella cosiddetta lista degli «enti inutili». Insieme alle Opere laiche palatine pugliesi e le Comunità montane (sotto i 500 metri).

Su enti come questi si era abbattuta la scure della Finanziaria. E da ieri la fase finale della vita dell'Ente irrigazione, istituito il 18 aprile 1947 con decreto del Capo provvisorio dello Stato e soppresso a partire dalla fine del prossimo mese di giugno è cominciata ufficialmente.

Con la firma di un'intesa che sancisce l'ingresso della Regione Puglia, con una quota del 40%, nel capitale di Acqua spa, di cui la Regione Basilicata ha in portafoglio il restante 60%. La firma sull'intesa è stata apposta dai due governatori, il lucano Vito De Filippo e il pugliese Nichi Vendola: Acqua spa (che ha un capitale di 1,7 milioni di euro, per cui il 40% della Puglia ha un valore di 680mila euro) gestirà le dighe e le reti idriche delle due regioni.

Sia De Filippo sia Vendola non hanno escluso di coinvolgere nella società la Regione Campania e lo Stato, che si è accollato i debiti accumulati dall'Ente irrigazione (circa 120 milioni di euro). In definitiva, all'Ente irrigazione subentra Acqua Spa con lo Stato che, uscito dalla porta, potrebbe rientrare dalla finestra.

«Siamo in grado - ha spiegato De Filippo - di gestire gli impianti e di progettare la captazione dell'acqua, nell'ambito di un rapporto con la Puglia che ha fatto scuola in Italia». Al «dialogo fra le due Regioni, basato sulla solidarietà» ha fatto riferimento anche Vendola: «L'Ente irrigazione - ha concluso - è il simbolo di una lunga stagione in cui lo Stato ha svolto compiti che oggi spettano alle Regioni che, nel caso attuale, possono svolgerlo con profitto».

Intanto, la prima conseguenza della nascita della nuova spa non è positiva per la Puglia: il comitato per l'attuazione dell'Accordo di programma tra Basilicata, Puglia e Ministero delle Infrastrutture - firmato nel 1999 - ha infatti approvato la modifica delle tariffe all'ingrosso per l'acqua per uso irriguo, potabile e industriale, che entrerà in vigore dal prossimo luglio.

Con le nuove tariffe, l'Acquedotto Pugliese pagherà ad Acqua spa l'acqua potabile più del doppio di quanto non facesse all'Ente irrigazione: da circa 25 lire al metro cubo a oltre 56. La tariffa dell'acqua all'ingrosso è costituita da due componenti, quella di compensazione ambientale (che va interamente alla Regione Basilicata) e quella industriale (per la manutenzione delle dighe e delle condotte).

Se il costo della componente ambientale era già stato definito (poco meno di 8 centesimi al metro cubo, oltre 20 milioni di euro all'anno che l'Aqp paga alla Basilicata), mancava la determinazione del costo industriale dell'acqua all'ingrosso.

Che è la seguente: tariffa per uso irriguo, 0,01549 euro a metro cubo (pari a 30 lire); per uso potabile: 0,02895 euro a metro cubo (pari a 56,07 lire); per uso industriale: 0,2079 euro a metro cubo (pari a 402,64 lire). Considerando che l'Acquedotto Pugliese preleva circa 250 milioni di metri cubi all'anno, si tratterà di un incremento di costi annuale pari a circa 4,5 milioni che graverà sull'Acquedotto Pugliese. E, probabilmente in un futuro prossimo, anche sui pugliesi: i costi dell'acqua vengono infatti normalmente trasferiti in tariffa, ma la modifica deve essere recepita dal Piano d'Ambito.

Nell'incontro di ieri non si è invece discusso di un'altra vicenda che si trascina da anni: quella della quota della Regione Basilicata in Acquedotto Pugliese. Nel dicembre del 2002 venne decisa la nascita dell'Acquedotto Lucano da un ramo di azienda di Aqp, in cambio della quota azionaria dell'Acquedotto Pugliese in mano alla Regione Basilicata (12,892%). Secondo gli accordi raggiunti il 27 maggio del 2004, la Puglia ha versato alla regione confinante 11,7 milioni di euro. Ma quello era solo un acconto: il saldo sarebbe dovuto essere versato entro il 31 dicembre 2006 (una volta portata a termine la privatizzazione, che però non c'è stata, oppure con un riconoscimento a titolo forfettario e definitivo quantificato «da un soggetto qualificato incaricato dalle due Regioni »).

Ma l'operazione non è stata mai conclusa: la Basilicata - che quindi non ha nessuna fretta - non solo ha ancora in portafoglio le azioni di Aqp ma ha anche incassato l'acconto di 11,7 milioni. «Mi sembra ha commentato ieri l'assessore pugliese alle Opere Pubbliche Onofrio Introna - che alcuni mesi fa sia stato consentito alla Basilicata di valutare la quota. Non ne abbiamo parlato ieri perché sono due cose che viaggiano su piani di responsabilità istituzionali diversi».

Articoli correlati

  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA
    Editoriale
    Condanne durissime, condannati anche i politici

    Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA

    Nessuno aveva mai parlato della diossina a Taranto prima del 2005. Fummo noi a prenderci la responsabilità e i rischi di denunciarlo pubblicamente. Oggi è una grande giornata di liberazione dopo una lunga resistenza e tante vittime. Venivamo chiamati "allarmisti" ma avevamo ragione noi.
    31 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il momento più duro
    Ecologia
    Riflessioni dopo la condanna di Nichi Vendola

    Il momento più duro

    Sono stata portavoce di Nichi nel 2005 la prima volta che si è candidato alla presidenza della Puglia. Il problema vero è che Nichi ha cercato di avere come interlocutori, e di più, come alleati, i Riva. All’epoca già sotto inchiesta. Parlava di stima reciproca.
    7 giugno 2021 - Francesca Borri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)