Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Nucleare, Vendola attacca Fitto

Vendola: «Occorre alzare immediatamente un argine popolare. Così come occorrebbe fare contro la malsana idea di venirci a proporre anche solo l'ombra di una centrale nucleare. Palese sventolasse le interviste e poi, però, si facesse seguire dai carri armati per difendersi dalle popolazioni inferocite. La Puglia regala al sistema Paese l'80% dell'energia che produce, larga parte generata col carbone: dunque pagata al prezzo di malattia e morte».
25 maggio 2008
Francesco Strippoli
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

L'azzurro Palese obietta e richiama recenti interviste a scienziati come Veronesi e Zichichi che spengono l'allarme. Lei che ne pensa?

Nichi Vendola «Palese sventolasse le interviste e poi, però, si facesse seguire dai carri armati per difendersi dalle popolazioni inferocite. La Puglia regala al sistema Paese l'80% dell'energia che produce, larga parte generata col carbone: dunque pagata al prezzo di malattia e morte. Ha, perciò, tutte le ragioni per chiedere che la discussione sul nucleare non venga neppure avviata».

Non ritiene che lo scontro frontale con il governo potrebbe causarle difficoltà con il Pd, che ha scelto la linea morbida?

«Non credo. La lotta per un federalismo fiscale che sia solidale e non una secessione è condivisa da tutte le Regioni del Sud e dal Pd. La battaglia sul nucleare, qui in Puglia, è condivisa da tutti. I sindaci di centrodestra non si lasceranno affascinare dalla rassegna stampa di Palese».


Lei ha incontrato Mercedes Bresso a Torino. Di cosa ha discusso con la presidente del Piemonte?

«Di temi energetici, per cominciare. Le nostre Regioni hanno una direzione di marcia comune verso le energie rinnovabili. Ma anche di federalismo fiscale».

A proposito, a Bresso è piaciuta l'iniziativa dei governatori del Sud contro il modello lombardo?

«Di quella iniziativa si è scandalizzato solo Fitto. Nei giorni scorsi si sono riuniti i governatori del centro Italia. Spesso assistiamo all'atteggiamento quasi lobbistico di quelli del Nord. L'esperienza dei presidenti del Sud è nata sotto il governo Prodi. Non vedo perché non vivere anche con Berlusconi».

Articoli correlati

  • Conferenza di revisione del Trattato di Non Proliferazione nucleare
    Disarmo
    La Decima Conferenza si è chiusa senza un documento ufficiale

    Conferenza di revisione del Trattato di Non Proliferazione nucleare

    Il Trattato è composto di 11 articoli e mira a scongiurare la catastrofe di un conflitto nucleare. Ancora oggi, lungi dal preservare la pace e la sicurezza, le armi nucleari sono utilizzate come strumenti di politica, legati alla coercizione, all'intimidazione e all'intensificarsi delle tensioni.
    19 settembre 2022 - Maria Pastore
  • Conferenza di Vienna sulle armi nucleari
    Disarmo
    Inizia il 20 giugno 2022 e vi partecipa l'ICAN, premio Nobel per la Pace

    Conferenza di Vienna sulle armi nucleari

    La conferenza riunisce rappresentanti statali, organizzazioni internazionali, comunità scientifica, sopravvissuti e società civile per discutere ed esplorare ricerche consolidate e nuove sulle conseguenze umanitarie e sui rischi delle armi nucleari.
    19 giugno 2022 - Redazione PeaceLink
  • Proposta indecente: armi "beni essenziali" esenti da iva
    Disarmo
    Commissione UE: armi " beni essenziali"

    Proposta indecente: armi "beni essenziali" esenti da iva

    Sinistra Europea nell’Europarlamento ha lanciato una campagna per bloccare l’iniziativa: "La proposta di finanziare con le nostre tasse, attraverso l’abbattimento dell’Iva, il commercio delle armi, è una proposta semplicemente criminale", ha commentato Paolo Ferrero, vice presidente di SE
    13 novembre 2021 - Gregorio Piccin
  • Abolizione nucleare e diritto alla pace: l'attivismo in piazza
    Ecologia
    Cop26 Glasgow, respingiamo l'innaturale alleanza nucleare-rinnovabili

    Abolizione nucleare e diritto alla pace: l'attivismo in piazza

    E' molto grave la dichiarazione della presidente della Commissione UE, al termine del vertice del 23 ottobre: "Il nucleare serve all'Europa per fare i conti con la crisi energetica".
    30 ottobre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)