Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Stefàno a Vendola, le case parcheggio non possono aspettare

Dopo il sopralluogo il sindaco, insieme agli assessori Cervellera e Pennuzzi, ha scritto al presidente della Regione chiedendo un intervento urgente. «Mi hanno molto colpito - ha raccontato il sindaco - le condizioni in cui vivono queste persone, l’ambiente malsano che neanche in Africa mi è capitato di riscontrare. Eppure, sia le mamme che i bambini avevano il sorriso sulle labbra».
2 ottobre 2008
Fonte: Corriere del Giorno

Nichi Vendola Da ieri la vertenza delle case parcheggio del rione Tamburi è sul tavolo del presidente della Regione, Nichi Vendola. Il sindaco Stefàno, infatti, ha tenuto fede alla parola data al presidente della circoscrizione Tamburi-Lido Azzurro, Egidio Di Todaro, dopo il sopralluogo effettuato nella zona nei giorni scorsi. Così, prese carta e penna, ha inviato una lettera, firmata anche dagli assessori all’Urbanistica e alle Politiche sociali, Alfredo Cervellera e Mario Pennuzzi, al presidente Vendola descrivendo la situazione in cui versano le case parcheggio del quartiere Tamburi-Lido Azzurro e per chiedere un aiuto per risolvere questa grave situazione.

Lo stesso Stefàno, recatosi nei giorni corsi per far fronte all’emergenza, aveva constatato le condizioni estremamente precarie in cui sono ridotti gli edifici, aggravate da tubazioni malridotte dalle quali fuoriescono continuamente liquami, infiltrazioni d’acqua dai terrazzi, tubazioni arrugginite, portoni d’ingresso inesistenti, grosse buche per le strade e topi che girano indisturbati.

«Elemento di ulteriore gravità - afferma Stefàno nella lettera - è che dalle lesioni delle pareti emerge la coibentazione in amianto, usato all’epoca per le costruzioni. Un fatto, questo, che costituisce un grave attentato alla salute dei suoi abitanti. La particolare gravità della situazione - continua il sindaco nella lettera insieme a Cervellera e Pennuzzi - ed il danno che ne deriva alla salute dei cittadini richiede misure urgenti e straordinarie come potrebbe essere lo svincolo di somme previste nell’Apq del quartiere Tamburi per destinarli all’acquisto di alloggi sul libero mercato. Inoltre - precisa ancora - nella città di Taranto rimangono sfitte o invendute per mancanza di acquirenti centinaia di abitazioni».

Ragion per cui, sia Stefàno che Cervellera e Pennuzzi, chiedono al presidente Vendola se è praticabile l’idea di poter intervenire con tempestività «acquistando attraverso un bando pubblico unità immobiliari da affidare agli abitanti delle case parcheggio».

In attesa dell’intervento della Regione, il sindaco Stefàno ha affidato allo stesso Iacp, proprietario di parte delle 285 abitazioni, gli immediati interventi strutturali all’interno delle abitazioni e all’Amiu la bonifica dei siti vicini invasi dai rifiuti di ogni genere e dai topi. Gli abitanti delle case parcheggio preferirebbero continuare a vivere in queste abitazioni. Una possibilità che sembra poco praticabile dal momento che lo stesso presidente della circoscrizione, Egidio Di Todaro, è convinto che ciò non possa avvenire perchè «la quasi certa presenza dell’amianto nei pavimenti porterà sicuramente l’amministrazione comunale a cercare una sistemazione alternativa per salvaguardare la salute delle famiglie, soprattutto di bambini ed anziani».

Sembra indirizzarsi verso una soluzione positiva la difficile situazione abitativa delle case parcheggio. Ad imprimere una forte accelerazione, come raccontato nei giorni scorsi dallo stesso sindaco, è stata una visita che il primo cittadino ha reso nei giorni scorsi ai cittadini che risiedono in quelle unità abitative.

«Mi hanno molto colpito - ha raccontato il sindaco - le condizioni in cui vivono queste persone, l’ambiente malsano che neanche in Africa mi è capitato di riscontrare. Eppure, sia le mamme che i bambini avevano il sorriso sulle labbra. E con il sorriso sulle labbra mi hanno chiesto, consapevoli del fatto che il Comune non è nelle condizioni economiche di poter realizzare nuove abitazioni dove trasferirli, di sistemare la guaina dei tetti in modo che, almeno, non piova in casa. Ecco perché - ha concluso - ho riunito tecnici ed enti interessati alla problematica perchè si possano adottare i provvedimenti del caso nel più tempo breve possibile».

Articoli correlati

  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA
    Editoriale
    Condanne durissime, condannati anche i politici

    Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA

    Nessuno aveva mai parlato della diossina a Taranto prima del 2005. Fummo noi a prenderci la responsabilità e i rischi di denunciarlo pubblicamente. Oggi è una grande giornata di liberazione dopo una lunga resistenza e tante vittime. Venivamo chiamati "allarmisti" ma avevamo ragione noi.
    31 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il momento più duro
    Ecologia
    Riflessioni dopo la condanna di Nichi Vendola

    Il momento più duro

    Sono stata portavoce di Nichi nel 2005 la prima volta che si è candidato alla presidenza della Puglia. Il problema vero è che Nichi ha cercato di avere come interlocutori, e di più, come alleati, i Riva. All’epoca già sotto inchiesta. Parlava di stima reciproca.
    7 giugno 2021 - Francesca Borri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)