Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

AMBIENTE / Contro i veleni sabato in 20mila a Taranto

Diciotto le associazioni promotrici, nove gli obiettivi da perseguire, 20mila le persone che ci si augura possano partecipare alla grande manifestazione contro l’inquinamento in programma sabato prossimo a Taranto.
27 novembre 2008
Sabrina Esposito
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

- TARANTO - Diciotto le associazioni promotrici, nove gli obiettivi da perseguire, 20mila le persone che ci si augura possano partecipare alla grande manifestazione contro l’inquinamento in programma sabato prossimo a Taranto.

«Alta marea» comincia a travolgere e a scuotere. Merito della grande forza di volontà di alcuni rappresentanti delle associazioni che hanno dato vita a questo progetto di unione, alcuni in prima linea nella lotta per la tutela della salute e dell’ambiente da oltre dieci anni. Merito anche di una campagna di informazione massiccia e capillare che, grazie alle nuove tecnologie, internet in primis, è riuscita ad arrivare nelle case di tutti i cittadini, costringendoli a riflettere. Merito dell’interesse dei mass media nazionali che hanno individuato in Taranto un caso da studiare, indagare, analizzare.

Tutti insieme, senza colori politici, senza bandiere, senza steccati ideologici, solo un semplice fazzoletto bianco, candido e pulito, per dire «basta» alle continue offese ricevute dai grandi inquinatori. Sabato la città di Taranto alza la testa, apre gli occhi e, finalmente, si fa sentire. Tutti i cittadini sono chiamati a far parte dell’«Alta marea» che squarcerà il silenzio durato troppi anni. E sarà solo l’inizio, promettono i promotori, perché da sabato riprenderà il lavoro di studio e di ricerca finalizzato a inchiodare la grande industria al rispetto delle leggi nazionali e internazionali finalizzate ad una pacifica convivenza tra mondo del lavoro e comunità residente, preservando salute pubblica e ambiente.

Preannunciata da Alessandro Marescotti di Peacelink una nuova indagine sul benzopirene, elemento tossico che fa parte dei micidiali idrocarburi policiclici aromatici, affidata al dottor Federico Valerio, chimico ambientale, ex consulente della Procura di Genova, incaricato tempo fa di osservare la cokeria Ilva del capoluogo ligure, che, a seguito dei preoccupanti dati raccolti, di indubbia attendibilità scientifica, fu chiusa.

Ma «Alta marea» dice anche «no» al raddoppio della raffineria Eni e all’utilizzo dell’inceneritore, approva l’iniziativa regionale di una legge che abbassi i limiti di emissione di diossina, è favorevole al rilascio dell’Aia (Autorizzazione integrata ambientale) a Ilva, Cementir, Eni, Ex Edison entro il 31 marzo 2009 a condizione che vengano rispettate le norme più restrittive a tutela della salute della cittadinanza, dei lavoratori e dell’ambiente.

«Alta marea» annuncia poi che si batterà per elevare la sicurezza negli ambienti di lavoro, realizzare un modello di sviluppo ecocompatibile, ottenere una bonifica delle aree inquinate. Sul versante sanitario, le associazioni chiedono inoltre il potenziamento del Registro tumori e lo sviluppo del Polo oncologico.

Articoli correlati

  • Processo Ilva
    Dalle carte dell'indagine Ambiente Svenduto

    Perché Altamarea e PeaceLink erano temute dall'ILVA

    Un breve passaggio che evidenzia l'importanza e l'efficacia dei comunicati stampa "numerosi e costanti"
    31 luglio 2016
  • Altamarea incontra il garante Esposito
    Taranto Sociale
    Comunicato stampa

    Altamarea incontra il garante Esposito

    Chiediamo che il Garante faccia mettere a disposizione del pubblico relazioni, progettazioni, pareri, comunicazioni e pretenda, nel contempo, che le osservazioni che scaturiranno dal pubblico siano esaminate seriamente e debitamente valorizzate. Il Garante deve far sì che gli uffici tecnici degli enti locali si aprano ai cittadini anziché opporre pretestuosi “segreti d’ufficio”
    15 febbraio 2013 - Biagio De Marzo
  • Legambiente: “I nuovi dati confermano la drammaticità della situazione"
    Taranto Sociale
    Ilva, studio Sentieri, a Taranto aumentata la mortalità

    Legambiente: “I nuovi dati confermano la drammaticità della situazione"

    Necessari provvedimenti urgenti e una valutazione dell’impatto sanitario che orienti le prescrizioni dell’Aia
    22 ottobre 2012 - Legambiente Taranto
  • ILVA: A Vendola piace l'AIA (ma non l'ha letta)
    Taranto Sociale
    Comunicato stampa

    ILVA: A Vendola piace l'AIA (ma non l'ha letta)

    Vendola legga le carte prima di fare affermazioni di pura fantasia. Anche perché la prescrizione della magistratura all'ILVA è quella di non produrre e non inquinare mentre l'AIA concessa è l'autorizzazione a continuare a produrre e a inquinare
    22 ottobre 2012 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)