Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

29 Novembre 2008: La marcia contro la diossina

Il mio augurio è quello che si ritorni a dare attenzione e amore a ciò che per amore gratuito ci è stato donato.
30 novembre 2008


"Pillola azzurra: fine della storia, domani ti sveglierai in camera tua e crederai a quello che vorrai; pillola rossa: resti nel paese delle meraviglie e vedrai quant'è profonda la tana del bianconiglio"
The Matrix - Morpheus.

29.11.08
Taranto ha scelto di andare a fondo sulla questione ambientale: il recupero della nostra dignità, del nostro vivere civile, del nostro essere Tarantini hanno, con la giornata di oggi, una punto di ripartenza.

Abbiamo preso la “pillola rossa” e quello che ho visto oggi credo sia solo l’inizio.

Siamo in tanti, tantissimi, tutti uniti sotto il segno di un fazzoletto bianco che non è un segno di resa ma voglia di purezza, desiderio di un ambiente pulito.

Siamo più di quelli che si possono contare: sono con noi i lavoratori delle grandi industrie inquinanti che ora sono lì, in prima fila.


Sono con noi i tanti tarantini sparsi nel mondo che avrebbero voluto raggiungerci così come molti “fuori sede” più fortunati sono riusciti a fare oggi.

Sono con noi i fratelli morti sul lavoro, i loro familiari.

Sono con noi tutti coloro che hanno conosciuto il mistero della sofferenza e della malattia causata da ciò che respiriamo.

Abbiamo tolto le bende dagli occhi, abbiamo deciso di volgere il nostro sguardo in maniera seria e responsabile verso il nostro ambiente.

Abbiamo deciso di urlare e cantare “Niente paura”,”vieni a ballare in Puglia” per gridare in modo forte e chiaro a coloro che “pensano che il protocollo di Kioto sia un film erotico giapponese”.

Un grazie sincero alle tante persone di buona volontà che hanno organizzato la manifestazione, ai tanti, tantissimi che hanno partecipato, ai professori delle scuole superiori che hanno scelto di insegnare educazione civica ai propri alunni questa mattina, ai bambini che ci hanno commosso con i loro cartelloni colorati preparati con cura e dedizione, ai tifosi che hanno dimostrato ancora una volta che l’amore per la squadra di calcio è solo il riflesso di un amore più grande per la propria città, ai politici presenti oggi che hanno scelto di non salire sul palco.

Per tutta la durata della manifestazione e degli interventi in piazza abbiamo tenuto i bimbi più piccoli stretti a noi: un giorno forse i nostri figli ci chiederanno: “Papà, perché non siamo andati via da questa città visto che era così martoriata?” gli risponderemo con un sorriso dicendo: “Perché dai problemi non bisogna scappare ma affrontarli e, con il dialogo e l’aiuto di tutti, superarli.”

Siamo stati chiamati a custodire il creato: questa nostra madre e sorella terra è stata per troppo tempo calpestata.

Sorella aria: deturpata e offesa.
Sorella acqua: privata della sua purezza.

Il mio augurio è quello che si ritorni a dare attenzione e amore a ciò che per amore gratuito ci è stato donato.

Articoli correlati

  • Processo Ilva
    Dalle carte dell'indagine Ambiente Svenduto

    Perché Altamarea e PeaceLink erano temute dall'ILVA

    Un breve passaggio che evidenzia l'importanza e l'efficacia dei comunicati stampa "numerosi e costanti"
    31 luglio 2016
  • Altamarea incontra il garante Esposito
    Taranto Sociale
    Comunicato stampa

    Altamarea incontra il garante Esposito

    Chiediamo che il Garante faccia mettere a disposizione del pubblico relazioni, progettazioni, pareri, comunicazioni e pretenda, nel contempo, che le osservazioni che scaturiranno dal pubblico siano esaminate seriamente e debitamente valorizzate. Il Garante deve far sì che gli uffici tecnici degli enti locali si aprano ai cittadini anziché opporre pretestuosi “segreti d’ufficio”
    15 febbraio 2013 - Biagio De Marzo
  • Legambiente: “I nuovi dati confermano la drammaticità della situazione"
    Taranto Sociale
    Ilva, studio Sentieri, a Taranto aumentata la mortalità

    Legambiente: “I nuovi dati confermano la drammaticità della situazione"

    Necessari provvedimenti urgenti e una valutazione dell’impatto sanitario che orienti le prescrizioni dell’Aia
    22 ottobre 2012 - Legambiente Taranto
  • ILVA: A Vendola piace l'AIA (ma non l'ha letta)
    Taranto Sociale
    Comunicato stampa

    ILVA: A Vendola piace l'AIA (ma non l'ha letta)

    Vendola legga le carte prima di fare affermazioni di pura fantasia. Anche perché la prescrizione della magistratura all'ILVA è quella di non produrre e non inquinare mentre l'AIA concessa è l'autorizzazione a continuare a produrre e a inquinare
    22 ottobre 2012 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)