Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

I cittadini e la politica per se stessi

E ' stata una manifestazione grandiosa. La volontà politica era lì, con Nichi Vendola, i soldi non erano lì, perché Riva e Berlusconi non c'erano. E allora ho pensato che la «politica» era quella che sfilava per via Di Palma e via D'Aquino.
30 novembre 2008
Tommaso Anzoino
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

-
E ' stata una manifestazione grandiosa, possiamo dirlo. Secondo gli organizzatori quindicimila e anche più, secondo la Questura non lo sappiamo. Altamarea, il raggruppamento di tutte le sigle, non solo ambientaliste, può essere soddisfatta, ma anche la città è soddisfatta.

Migliaia e migliaia di cittadini, dai sei agli ottanta anni, hanno percorso l'asse dall'Arsenale a piazza Garibaldi, l'asse storico della città, con centinaia di cartelli, striscioni, cori, tamburi; non c'era una bandiera di partito, insomma come si fa adesso. E c'erano anche «i politici», soprattutto gli amministratori.

C'era il sindaco Stefàno, con assessori e consiglieri comunali; c'era il presidente Florido, con assessori e consiglieri provinciali, c'era il governatore Vendola, con assessori e consiglieri regionali. E c'era anche il sindaco di Bari, Emiliano.

Mancava solo la ministra Prestigiacomo, memore delle fischiate a Pecoraro Scanio dell'ultima manifestazione, quella dei bambini. C'era il sole, anche, e a un certo punto, anche, si sono messe a suonare le campane della chiesa del Carmine. Sembrava Pasqua, quella della resurrezione, e qualcuno, ovviamente, ha detto, poeticamente, che era la resurrezione di Taranto.

I più pragmatici hanno detto che il problema dell'inquinamento, degli inquinamenti, si può risolvere, se non completamente, almeno con una drastica riduzione dei danni. Ci vogliono la volontà politica e i soldi: le tecnologie ci sono, già sperimentate, in Europa e anche in Italia.

La volontà politica era lì, con Nichi Vendola, i soldi non erano lì, perché Riva e Berlusconi non c'erano. Si può fare, dicevano; si deve fare, aggiungevano. E allora ho pensato che la «politica» era quella, quella che sfilava per via Di Palma e via D'Aquino.

Quella dei consigli comunali, dei consigli provinciali, dei consigli regionali, era un'altra cosa, anche se si chiama pure lei «politica», la politica dei «sì, ma», dei «no, ma», la politica dei «distinguo », insomma roba da intelletti raffinati, e lì, nel grande corteo, non c'era tempo e modo di fare i raffinati.

Ma poi mi è venuto il sospetto che qualcuno, domani, incomincerà con i «sì, ma», incomincerà a parlare di «strumentalizzazione», che sta diventando la parola più diffusa del linguaggio «politico».

A me, invece, sembrava che i cittadini si stessero strumentalizzando da soli. I cittadini, non so chi l'ha detto, sono lo strumento non «con cui» altri fanno la politica, ma è uno strumento «che fa» la poltica: andatevi a studiare l'ètimo di questa parola.

Articoli correlati

  • Processo Ilva
    Dalle carte dell'indagine Ambiente Svenduto

    Perché Altamarea e PeaceLink erano temute dall'ILVA

    Un breve passaggio che evidenzia l'importanza e l'efficacia dei comunicati stampa "numerosi e costanti"
    31 luglio 2016
  • Altamarea incontra il garante Esposito
    Taranto Sociale
    Comunicato stampa

    Altamarea incontra il garante Esposito

    Chiediamo che il Garante faccia mettere a disposizione del pubblico relazioni, progettazioni, pareri, comunicazioni e pretenda, nel contempo, che le osservazioni che scaturiranno dal pubblico siano esaminate seriamente e debitamente valorizzate. Il Garante deve far sì che gli uffici tecnici degli enti locali si aprano ai cittadini anziché opporre pretestuosi “segreti d’ufficio”
    15 febbraio 2013 - Biagio De Marzo
  • Legambiente: “I nuovi dati confermano la drammaticità della situazione"
    Taranto Sociale
    Ilva, studio Sentieri, a Taranto aumentata la mortalità

    Legambiente: “I nuovi dati confermano la drammaticità della situazione"

    Necessari provvedimenti urgenti e una valutazione dell’impatto sanitario che orienti le prescrizioni dell’Aia
    22 ottobre 2012 - Legambiente Taranto
  • ILVA: A Vendola piace l'AIA (ma non l'ha letta)
    Taranto Sociale
    Comunicato stampa

    ILVA: A Vendola piace l'AIA (ma non l'ha letta)

    Vendola legga le carte prima di fare affermazioni di pura fantasia. Anche perché la prescrizione della magistratura all'ILVA è quella di non produrre e non inquinare mentre l'AIA concessa è l'autorizzazione a continuare a produrre e a inquinare
    22 ottobre 2012 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)