Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Enipower, centrale termoelettrica di Taranto

L'Arpa Puglia smentisce l'ENI. Occorre il controllo continuo delle emissioni inquinanti

Altamarea riporta la lettera del prof. Giorgio Assenato, Direttore Generale dell'Arpa Puglia: "Si prescrive il campionamento continuo".
17 ottobre 2009
Altamarea

COMUNICATO DI ALTAMAREA
Logo Altamarea

E’ vero che l’Arpa non vuole il controllo continuativo delle emissioni della centrale termoelettrica Enipower?

Assolutamente no.

Abbiamo ricevuto una lettera molto chiara del Direttore Generale dell’Arpa Puglia, Giorgio Assennato, che smentisce l’ENI.

L’ENI ha dichiarato infatti di avere ottenuto “il parere favorevole anche del rappresentante dell’Arpa” nel trasformare il controllo continuativo delle emissioni inquinanti in controllo semestrale. L’ENI, facendosi scudo di un parere mai dato dall’Arpa, ha chiesto al Ministero dell’Ambiente di “provvedere alla correzione dei documenti nella loro versione finale” al fine di eliminare il controllo a ciclo continuo (detto “campionamento continuo”).

E’ veramente sconcertante che l’ENI dichiari cose che l’Arpa smentisce. Ed è grave che le comunichi al Ministero dell’Ambiente per sottrarsi al controllo 24 ore su 24 delle emissioni di sostante organiche volatili della centrale Enipower di Taranto.

Pertanto richiediamo a gran voce al Ministero dell’Ambiente di mantenere il “campionamento continuo” fra le prescrizioni dell’Autorizzazione Integrata Ambientale, rigettando il tentativo dell’ENI di distorcere la realtà fattuale addebitando all’Arpa posizioni difformi da quelle assunte.

Non è secondario annotare che la comunicazione di ENI al Ministero dell’Ambiente per accantonare il “campionamento continuo” è stata rigirata per email dal Ministero dell’Ambiente ad Altamarea e agli enti locali (Regione, Provincia, Comune). E’ stato un tentativo di far passare questo stravolgimento dei controlli attraverso il meccanismo del silenzio assenso? Qualcuno si aspettava forse che nessuno leggesse con attenzione le email? E’ toccato ad Altamarea accorgersi dell’e-mail con l’accantonamento del “campionamento continuo”. Altamarea ha così rotto il “silenzio assenso”, inviando una vibrata protesta al Ministero dell’Ambiente e avvisando l’Arpa della mossa dell’ENI, rivelatasi maldestra alla luce delle dichiarazioni del professor Giorgio Assennato. L’Arpa non aveva ricevuto l’email giunta ad Altamarea e non sapeva di essere stata dipinta da ENI come una “sostenitrice” del controllo semestrale sostitutivo di quello giornaliero.
Quanto è accaduto è estremamente grave.
Altamarea terrà vigile l’attenzione a tutela degli interessi dei cittadini e invita tutti i cittadini a mobilitarsi per la grande manifestazione del 28 novembre. E’ in gioco il nostro futuro, la nostra salute, la nostra dignità.
Riportiamo qui di seguito integralmente la lettera inviata dall’Arpa ad Altamarea.

-----------

Spettabile Associazione Altamarea,
leggo con sorpresa il vostro comunicato inerente un presunto assenso dell’Agenzia finalizzato ad “accantonare il “campionamento continuo “ delle sostanze organiche volatili” per quanto riguarda il monitoraggio al camino E3 di Enipower a Taranto.
Rispondendo al Vostro quesito, devo precisare che non esiste alcun documento difforme dal verbale sottoscritto dal rappresentante dell’Agenzia il 2 settembre u.s. in cui si prescrive il campionamento continuo e misure mensili.
Comunico, infine, di aver già predisposto ogni attività istruttoria volta a fare chiarezza sulle oscure circostanze da Voi riportate e vi Invito a voler rendere pubblico integralmente questa nota, onde evitare che la verità fattuale possa essere distorta.
Cordiali saluti.

Prof. Giorgio Assennato (Direttore Generale Arpa Puglia)

-----
Per informazioni su questo comunicato di ALTAMAREA
cell. 3471463719
Ricordiamo che Enipower è la centrale termoelettrica dello stabilimento Eni di Taranto. Enipower vorrebbe essere autorizzata a triplicare la propria potenza. C'è il parere contrario della Regione e quello favorevole del Ministero dell'Ambiente.

Coordinamento di “ALTAMAREA contro l’inquinamento”

Gaetano Barbato, Luigi Boccuni, M.Giovanna Bolognini, Giovanni Carbotti, Serena Cesaria, Leo Corvace, Paola D’Andria, Biagio De Marzo, Lino Dione, Paola Fedele, Clara Fornaro, Lunetta Franco, Alessia Gira, Giancarlo Girardi, Antonello Leogrande, Paola Lodeserto, Alessandro Marescotti, Fabio Matacchiera, Giuseppe Merico, Luigi Oliva, Etta Ragusa, Giuseppe Todaro, Mino Briganti.

Aderiscono ad Altamarea anche le seguenti associazioni: ARCI, AIL (Associazione Italiana contro le Leucemie), AVO (Associazione Volontari Ospedalieri), Bambini contro l’inquinamento, Blu Taranto, Centro culturale Filonide, Centro di Cultura Renoir, Centro Ittico Tarantino, Comitato per Taranto, Ecomunita, Impatto zero, Legambiente, Libera, LIDU (Lega Italiana Diritti Umani), LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli), Pax Christi, PeaceLink, Sensibilizzazioni libere e concrete, Tarantoviva, UDU (Unione degli Universitari), Vigiliamo per la discarica, WWF.

Articoli correlati

  • L'inquinamento dell'aria a Taranto: sotto accusa la cokeria ILVA
    Taranto Sociale
    I dati 2021 pubblicati recentemente da Arpa Puglia

    L'inquinamento dell'aria a Taranto: sotto accusa la cokeria ILVA

    Tra i dati che fanno riflettere c'è il benzene che è aumentato del 131% rispetto al 2019 e del 169% rispetto al 2018. Le deposizioni di benzo(a)pirene nel quartiere Tamburi sono tra le 8 e le 16 volte superiori rispetto al quartiere periferico di Talsano. I Wind Days sono stati 32.
    3 agosto 2022 - Redazione PeaceLink
  • L'inquinamento dell'aria a Roma
    Citizen science
    Democratizzazione dei dati ambientali per una "comunità monitorante"

    L'inquinamento dell'aria a Roma

    La mappa dei dati rilevati e dei modelli di previsione georeferenziati. Una panoramica degli impatti sulla salute della popolazione. Alcuni strumenti di citizen scienze per la didattica ambientale basata sul'ecologia della vita quotidiana.
    1 luglio 2022 - Redazione PeaceLink
  • La storia dell'operaio Nicola Lovecchio, sentinella della salute pubblica
    Ecologia
    Compila un elenco di 26 lavoratori affetti da tumori correlabili alle esposizioni in fabbrica

    La storia dell'operaio Nicola Lovecchio, sentinella della salute pubblica

    Questo lavoratore studia il processo produttivo dell'Enichem di Manfredonia e cerca di stabilire l’intensità dell’esposizione di ogni lavoratore nelle singole mansioni alle specifiche sostanze tossiche, raccoglie le documentazioni mediche dei sopravvissuti e dei colleghi già deceduti.
    Redazione PeaceLink
  • Un aggiornamento dei dati sui tumori infantili a Taranto
    Taranto Sociale
    L'89% dei pazienti si cura fuori delle strutture sanitarie della provincia

    Un aggiornamento dei dati sui tumori infantili a Taranto

    Si conferma un numero di casi osservati superiore al numero dei casi attesi. Coordinatrice: Lucia Bisceglia. Curatori e curatrici: Rossella Bruni, Danila Bruno, Maria Giovanna Burgio Lo Monaco, Vincenzo Coviello, Francesco Cuccaro, Ivan Rashid.
    16 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)