Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Possiamo farcela a bloccare lo #SbloccaItalia

Indicazioni operative per la buona riuscita del presidio del 15 ottobre a Montecitorio contro il decreto legge n. 133/2014, detto SbloccaItalia dal governo e #Sbloccacemento dagli ambientalisti
11 ottobre 2014
Fulvia Gravame

Stamattina si è tenuta, presso la libreria Gilgamesh di Taranto, una conferenza stampa congiunta tra Comitato Verità per Taranto, Peacelink, Taranto Respira e WWF Taranto per informare la popolazione delle iniziative programmate in città o contro il decreto legge n. 133/2014, detto SbloccaItalia dal governo e #Sbloccacemento dagli ambientalisti e criticato persino da BankItalia.

Erano presenti Ada Le Noci per il Comitato Verità per Taranto, Fulvia Gravame per Peacelink, Giovanni Carbotti per Taranto Respira e Adriano Peluso per il WWF Taranto.

A seguire riporto alcune informazioni per far funzionare meglio la mobilitazione contro il decreto.                                                                     comitato nazionale contro lo SbloccaItalia

1) Ringrazio i donatori che hanno contribuito a creare un fondo cassa per far partire alcuni disoccupati e studenti per il presidio;
2) ci sono ancora posti per andare a Roma con il pullman che parte martedì 14 alle 23 e rientra entro la mezzanotte del 15. Più siamo e meno paghiamo. Scrivere a fulviagravame@gmail.com o volontari@peacelink.it per le adesioni;
3) sono graditi gli striscioni di ciascun comitato e, se potete, altri con le scritte Taranto #SbloccaItalia “Blocca lo Sblocca Italia”, difendi la tua terra!; 
4) è ancora utile scrivere ai parlamentari agli indirizzi a seguire e contattare i giornalisti per comunicati e simili perché la manifestazione goda della necessaria visibilità anche a livello locale.http://www.acquabenecomune.org/raccoltafirme/index.php?option=com_content&view=article&id=2852:scrivi-anche-tu-ai-parlamentari-qdifendi-la-nostra-terra-blocca-lo-sblocca-italia&catid=53&Itemid=67;
5) lo #SbloccaItalia a Taranto riguarda le discariche, le trivellazioni nello Jonio, il demanio, la cementificazione, le bonifiche ecc Sono tutti argomenti buoni per i cartelli in aggiunta a quello principale;
6) Francesco Colamaria (Piazza pulita)  Antonio D Lenti (sudente tarantino) Lucia Summa Ugo Leo sii occuperanno degli striscioni. Chi può collabori;
7) i comitati, collettivi, associazioni che volessero dare l'adesione, a prescindere dalla presenza peraltro utile, possono mandare la mail a nosbloccaitalia@gmail.com e saranno inseriti nell'elenco che viene aggiornato ogni due giorni;
8) il Comitato Verità per Taranto preparerà qualcosa, chi è interessato può sentire Ada Le Noci, specialmente famiglie con bambini;
9) ci sono amici di Brindisi e forse del Salento disponibili a venire con noi; 
10) sarà una gran fatica, ma a Roma cinquanta persone di Taranto fanno un bell'effetto.

Note: "Blocca lo Sblocca Italia”, difendi la tua terra!
OLTRE 130 ORGANIZZAZIONI A ROMA IL 15 e 6 OTTOBRE "BLOCCA LO SBLOCCA ITALIA"
www.peacelink.it/ecologia/a/40808.html

Articoli correlati

  • Il mediattivismo pacifista
    Pace
    Riflessioni sulla tattica della comunicazione nonviolenta

    Il mediattivismo pacifista

    Il movimento per la pace dovrebbe imparare a dire verità scomodissime, a cercarle e documentarle rapidamente. Occorre smentire le bugie di guerra subito e non un mese dopo. La velocità della comunicazione è fondamentale per gestire il conflitto informativo in modo efficace.
    11 ottobre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Unire il popolo della pace
    Editoriale
    I sessanta anni della marcia Perugia Assisi e i trent'anni di PeaceLink

    Unire il popolo della pace

    In questi trent'anni ci siamo orientati sullo spirito della "omnicrazia" che abbiamo declinato nel versante digitale precorrendo i tempi della rivoluzione telematica che ha cambiato il mondo. Mentre la violenza e il fascismo tentano di mettere radici nella società, continuiamo a creare link di pace.
    11 ottobre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Discorso all'ONU
    Ecologia
    Nel giorno dedicato alla nonviolenza una delegazione delle Nazioni Unite è giunta a Taranto

    Discorso all'ONU

    Dopo il 2012 vi sono stati eccessi di mortalità nei quartieri più vicini alle emissioni inquinanti dell'ILVA. Questi eccessi di mortalità sono avvenuti al ritmo di circa cento morti in più all'anno rispetto all'atteso. I responsabili di tutto ciò andrebbero deferiti a un tribunale internazionale.
    Alessandro Marescotti
  • Cambiare social si può: da Facebook a Mastodon
    CyberCultura
    Alternative concrete allo strapotere dei social proprietari.

    Cambiare social si può: da Facebook a Mastodon

    Risposta all'articolo "E' il momento di cambiare i social" di Riccardo Luna (Repubblica, 5 ottobre 2021)
    5 ottobre 2021 - Nicola Vallinoto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)