Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

L'altro volto del Borgo

23 novembre 2004
Cosimo Salvatorelli

Nel Borgo ci sono circa 200 famiglie che non riescono nemmeno a provvedere al loro sostentamento nutrizionale, vivono grazie agli aiuti effettuati dalla Parrocchia di San Antonio e qualche lavoretto saltuario, mal pagato o in nero. È questa la notizia clamorosa dataci dal responsabile della Charitas, Antonio Pasquali. Ciò significa che nel “cuore di Taranto” ci sono persone che non possono permettersi il minimo indispensabile per la sopravvivenza.
Questo fenomeno, oltre a violare l’art. 22 della “Dichiarazione dei diritti dell’uomo” sancita dall’ONU, è stato alimentato dall’avvento dell’euro, quindi è in continua crescita. Infatti, le famiglie che usufruiscono di questo ‘servizio” non sono necessariamente con un reddito pari a zero ma anche coppie di anziani che percepiscono una sola pensione di vecchiaia minima, tanto da non riuscire a raggiungere il cosiddetto “fine mese”. La condizione economica tarantina e la precarietà dei posti di lavoro contribuisce al mancato soddisfacimento di molte famiglie tarantine.
La scarsità del lavoro a Taranto è ben visibile su molti siti internet di varie industrie e privati che offrono soltanto lavori a contratto interinale, cioè prestazioni di lavoro manuale non qualificato e temporaneo. L’intervento effettuato dalla Charitas consiste nella fornitura di alcuni alimenti necessari, oppure nel pagamento di bollette e bombole del gas. Un nucleo familiare può ricevere un tipo di aiuto una volta al mese; quindi il signor Pasquali, a questo proposito, definisce il loro aiuto non risolutivo ma integrativo. Inoltre, la crescita del fenomeno coincide con l’esaurimento dei fondi da parte del servizio sociale e qui il responsabile della Charitas conferma l’inefficienza di quest’ultima, infatti in dei casi la gente è mandata direttamente dal servizio sociale alla Parrocchia, poiché, ribadisce il signor Pasquali, i fondi non sono abbastanza per “soddisfare tutti”.
Quindi, la ricchezza del Borgo, con le sue nuove strade, marciapiedi, fioriere e pavimentazioni, è solo una maschera, infatti la gente che ne ha la possibilità si trasferisce nella periferia di Taranto, come Taranto due. La povertà del Borgo non è una novità per la Parrocchia di San Antonio che è fiera di aiutare le persone con condizioni precarie senza aiuti dei servizi sociali o dell’amministrazione tarantina.

Articoli correlati

  • Bocciato l'ordine del giorno di Angelo Bonelli sull'ILVA di Taranto
    Ecologia
    Ennesimo decreto Salva IILVA

    Bocciato l'ordine del giorno di Angelo Bonelli sull'ILVA di Taranto

    Il 13 marzo è stato convertito in legge l'ultimo decreto in materia di ILVA con un iter blindato e senza che ci fosse la possibilità di introdurre norme a difesa dell'ambiente e della salute. Nonostante ciò, la battaglia non è finita. Taranto resisti! Taranto non sei sola.
    21 marzo 2024 - Fulvia Gravame
  • Presentate le osservazioni al dissalatore presso il fiume Tara
    Ecologia
    La cittadinanza jonica si è mobilitata

    Presentate le osservazioni al dissalatore presso il fiume Tara

    Oltre dieci associazioni della provincia di Taranto si sono attivate per salvare il fiume Tara dal progetto di dissalatore che lo distruggerebbe e aumenterebbe la contaminazione delle acque del mare. “Ci si salva soltanto assieme!”, come ha detto Papa Francesco.
    19 marzo 2024 - Fulvia Gravame
  • Angelo Bonelli fa una domanda difficile al governo. Avremo mai risposta?
    Ecologia
    Interpellanza in merito al futuro degli impianti ILVA

    Angelo Bonelli fa una domanda difficile al governo. Avremo mai risposta?

    Se il governo non consideri prioritario destinare le risorse assegnate all'intervento «Utilizzo dell'idrogeno in settori hard-to-abate» di DRI d'Italia a progetti che invece potrebbero concretamente risolvere, una volta per tutte, l'emergenza ambientale e sanitaria della città di Taranto.
    21 marzo 2024 - Fulvia Gravame
  • Dissalatore al fiume Tara: che succede ora?
    Ecologia
    Comunicato stampa

    Dissalatore al fiume Tara: che succede ora?

    E' nato il Comitato per la Difesa del Territorio Jonico che si è riunitoo inizialmente per combattre contro il progetto del dissalatore al fiume Tara, ma ha in programma un'azione più ampia.
    13 marzo 2024 - Fulvia Gravame
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)