CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Cina: la corruzione si combatte sul web.

Ho pagato una bustarella

Sull'esempio del sito web indiano "I-paid-a-bribe", anche i blog cinesi sono all’opera per smascherare la corruzione, nonostante i rischi di oscuramento.
30 agosto 2011 - Redazione China Daily
Fonte: People's Daily Online - English - 09 agosto 2011

I siti web che smascherano la corruzione in Cina hanno messo in scena un ritorno tranquillo al termine di un mese di limbo a causa delle incertezze sul loro status giuridico.
I paid a bribe

Questi siti, dai nomi diversi ma che esprimono tutti la stessa idea, “Ho preso una mazzetta”, hanno ripreso tranquillamente i loro servizi online a metà luglio, dopo aver ottenuto il permesso di registrarsi presso le autorità che regolamentano Internet.

“Sono stato un po’ sorpreso quando ho saputo che la registrazione poteva essere approvata, “ ha detto Xiaoxiaosheng, fondatore di uno dei primi siti anti-corruzione, che ha sempre voluto condurre il suo sito con discrezione ed essere identificato solo con il suo nickname.

Le leggi cinesi prevedono che tutti gli Internet content provider in Cina registrino i siti web che gestiscono presso i locali uffici di gestione della comunicazione. I siti web che non riescono ad ottenere il permesso dalle autorità vengono oscurati.



Xiaoxiaosheng ha detto di non aver nutrito troppe speranze riguardo all’approvazione dopo che il sito è stato costretto alla chiusura alla fine di giugno proprio per mancanza di quella registrazione.

Al sito è stata consentita la registrazione presso l’autorità di regolamentazione il 14 luglio, quasi un mese dopo il suo lancio.

Chen Hong, fondatore di un sito web simile, ha detto che il suo sito ha ottenuto il permesso di registrazione il 24 giugno. A metà giugno, i siti “antibustarelle” sono aumentati rapidamente in Cina, quasi tutti ispirati da un sito web indiano che si chiama "I-paid-a-bribe" (Ho pagato una tangente).



Come il sito indiano, quelli cinesi forniscono uno spazio online in cui gli utenti di Internet possono condividere le loro esperienze quotidiane di corruzione.

Wu Yuliang, vice segretario del Partito Comunista della Commissione Centrale per le Ispezioni Disciplinari, ha affermato il 22 luglio che i siti web dovrebbero attenersi alla normativa che regola Internet in Cina.

Quando il suo sito è stato riaperto agli Internauti che si lamentano per la corruzione dilagante in Cina, Chen lo ha rinominato “Cina Trasparente”, e ha iniziato a cercare volontari che lo aiutassero a farlo funzionare.

Chen ha aggiunto che stava prendendo in considerazione la possibilità di una revisione del sito per prevenirne il coinvolgimento in accuse di diffamazione.

Tradotto da Antonella Recchia per PeaceLink . Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy