Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Riflessioni sulla "sfida del labirinto"

    L'Ilva, Taranto e il movimento di cittadinanza attiva

    Avremmo vinto da tempo se non avessimo fra noi persone molto limitate e autolesioniste
    11 gennaio 2016 - Alessandro Marescotti
  • Informare i cittadini sull'aria che respirano in questo momento
    PeaceLink fa il monitoraggio dell'aria in tempo reale a Taranto

    Informare i cittadini sull'aria che respirano in questo momento

    E' quello che abbiamo deciso di fare, visto che la ASL di Taranto ha consigliato di aprire le finestre quando l'inquinamento è meno elevato. Vogliamo informare non-stop la popolazione sugli IPA cancerogeni.
    24 dicembre 2015 - Alessandro Marescotti
  • Polveri sottili, i picchi favoriti dal meteo
    Intervento sul "Quotidiano"

    Polveri sottili, i picchi favoriti dal meteo

    Come è possibile che in questi giorni a Taranto ci siano dei picchi di inquinamento se l’ILVA produce di meno?
    16 dicembre 2015 - Alessandro Marescotti
  • Decreto di emergenza sull'ILVA

    Ilva, game over

    Questo nono decreto non si può più definire neppure "decreto Salva-ILVA". Infatti il governo rinuncia a salvarla e la vende. Vende ILVA dopo non esser riuscito a salvarla dal disastro. Oggi ILVA ha i conti ulteriormente peggiorati a cause di perdite mensili che oscillano intorno alla spaventosa cifra di 50 milioni di euro al mese. Chi vorrà comprare una fabbrica che il tribunale elvetico ha sprezzantemente definito "una società fallita"?
    15 dicembre 2015 - Alessandro Marescotti
ILVA

Smettetela di difendere a oltranza l'indifendibile

Vedrete che alla fine quando morira' una azienda che ha devastato una citta' intera (con un destino segnato che si puo' gia' conoscere leggendo una cartella clinica fatta di bilanci in rosso) la colpa la daranno agli ambientalisti che hanno denunciato crimini, violazioni, malattie, inquinamento, imbrogli, menzogne, malagestione e malapolitica.
15 gennaio 2016 - Carlo Gubitosa

Vedrete che alla fine quando morira' una azienda che ha devastato una citta' intera (con un destino segnato che si puo' gia' conoscere leggendo una cartella clinica fatta di bilanci in rosso) la colpa la daranno agli ambientalisti che hanno denunciato crimini, violazioni, malattie, inquinamento, imbrogli, menzogne, malagestione e malapolitica. emissioni afo1

Come se un cornuto desse la colpa delle sue corna all'amico che gli rivela di aver visto per strada sua moglie in dolce compagnia di un altro uomo.

Le corna sulla testa di Taranto le hanno messe politici corrotti, industriali incapaci, giornalisti venduti, cittadini ignavi, operai asserviti, sindacalisti complici.

Ma alla fine daranno la colpa di tutto agli ambientalisti che da anni chiedono di investire sulla green economy, indicano i percorsi possibili per uno sviluppo industriale eco-compatibile, si sono presi la briga di studiare a fondo i casi di altre citta' come Pittsburgh che sono approdate a nuove economie dopo essere passate attraverso l'economia siderurgica.

Ai tarantesi asserviti e ignavi che iniziano a gettare la croce del disastro economico e ambientale su chi non lo ha provocato, dico di prendere esempio da Vincenzo Fornaro, che ha avuto l'azienda di famiglia distrutta dalla diossina, e non dagli ambientalisti che ne hanno solo segnalato la presenza nel formaggio e nel latte.

Vincenzo si e' rimboccato le maniche, ha riconvertito la sua terra dall'allevamento alla canapa tessile, e ora la sua produzione crea lavoro e cancella l'inquinamento, visto che le coltivazioni di canapa bonificano il terreno su cui vengono realizzate.

Cari operai di Taranto della frangia pro-Ilva, smettetela di fare i bulli sui social network praticando il ricatto occupazionale per conto terzi, smettetela di fare i servi fedeli di un'azienda che ha gia' dimostrato in piu' occasioni di non tenere in alcuna considerazione la vostra sicurezza, la vostra salute, la vostra vita e il vostro lavoro, smettetela di difendere a oltranza l'indifendibile, preparatevi alla chiusura di una azienda decotta, condannata dal mercato libero e dalle leggi in vigore (e non dagli ambientalisti) aprite la mente per immaginare alternative, lasciate perdere i piagnistei, non aspettatevi che la mammella statale si porga a voi senza che voi dobbiate muovere un dito, e sappiate che se volete imparare un nuovo mestiere rispettoso dell'uomo e dell'ambiente, quel volontariato che ora incolpate di tutte le vostre disgrazie sara' comunque pronto a sostenere qualunque iniziativa di riconversione, qualunque microimpresa locale, qualunque progetto per superare l'eta' dell'acciaio cosi' come abbiamo superato quella della pietra.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies