Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Il 25 febbraio "Giustizia per Taranto" anche per Peppino e Nicola
    L'invito a partecipare alla manifestazione contro l'inquinamento

    Il 25 febbraio "Giustizia per Taranto" anche per Peppino e Nicola

    Hanno pagato a caro prezzo il diritto al lavoro, hanno pianto come bambini nel sapere che non avrebbero visto crescere i propri nipoti e le proprie bambine
    10 febbraio 2017 - Sabrina Corisi
  • Report di PeaceLink alla Commissione industria del Senato
    Audizione sull'ILVA oggi a Taranto (prefettura ore 19)

    Report di PeaceLink alla Commissione industria del Senato

    Taranto subisce una tossicità del PM10 superiore a quella valutata ufficialmente dal governo. PeaceLink ricompila la graduatoria 2016 di Legambiente per le polveri sottili: Taranto si aggiudica la maglia nera.
    26 gennaio 2017 - Alessandro Marescotti
  • Lo Stato dà i soldi del patteggiamento all'ILVA? PeaceLink scrive alla Commissione Europea per impedirlo
    Comunicato stampa

    Lo Stato dà i soldi del patteggiamento all'ILVA? PeaceLink scrive alla Commissione Europea per impedirlo

    L'articolo 107 del TFUE (Trattato di Funzionamento dell'Unione Europea) che, come è noto, vieta a livello europeo l'uso del denaro pubblico per aziende in crisi. Tali operazioni si configurerebbero come "aiuto di stato" e sono vietate dall'articolo 107 del TFUE. L'Italia è già sotto procedura di infrazione dopo che PeaceLink aveva segnalato l'uso di fondi pubblici per le attività produttive dell'ILVA. Ma dopo le dichiarazioni emerse nell'audizione parlamentare, PeaceLink si è nuovamente rivolta alla Commissione Europea per segnalare con preoccupazione l'annuncio che una quota di questa notevole somma derivante dal patteggiamento servirà al rilancio produttivo dell'ILVA. In altri termini lo Stato restituisce la somma sequestrata alla stessa fabbrica che ha inquinato senza alcuna sicurezza che l'eccesso di malattie e morti non prosegua in futuro e senza definire un programma chiaro e condiviso che indichi i tempi e le modalità per la decontaminazione del terreno e della falda, cosa che invece era stata richiesta dalla Commissione Europea al governo italiano.
    21 gennaio 2017 - Associazione PeaceLink
  • ILVA patteggia ma lo Stato non deve restituire all'ILVA i fondi destinati alla decontaminazione dei suoli
    Comunicato di PeaceLink sul nuovo rinvio del processo all'ILVA

    ILVA patteggia ma lo Stato non deve restituire all'ILVA i fondi destinati alla decontaminazione dei suoli

    Chiediamo invece che il "tesoretto" dei Riva venga usato per la decontaminazione dei suoli e della falda e ci opporremo in tutte le sedi al suo trasfermento verso usi finalizzati alle attività produttive dell'acciaieria, perché se ciò avvenisse ci troveremmo di fronte ad un aiuto di Stato sanzionabile dalla Commissione Europea.
    17 gennaio 2017 - Alessandro Marescotti
Esami choc a Taranto

Naftalina trovata nelle urine delle donne

Il naftalene, fra gli IPA cancerogeni, è la principale emissione in massa della cokeria. E’ un tipico tracciante quindi della cokeria. Chiediamo il fermo della cokeria anche alla luce del fatto che i valori emissivi in cokeria sulle emissioni in fase di spegnimento continuano a superare i valori prescritti nell’AIA (25 g/t coke), come certificato dagli stessi report trimestrali ILVA. Anche in fase di spegnimento, oltre che di distillazione, viene prodotto il naftalene.
11 febbraio 2017 - Alessandro Marescotti (Prasidente di PeaceLink)

Il Quotidiano di Taranto oggi è uscito con un titolo a tutta pagina sulle analisi che hanno evidenziato la presenza di naftalina nelle urine di 120 donne di Taranto sottoposte ad un biomonitoraggio. La locandina del Quotidiano

In tutta la Taranto e provincia nelle edicole è stata affissa la locandina: "Esami choc: naftalina trovata nelle urine delle donne".

Il naftalene, fra gli IPA cancerogeni, è la principale emissione in massa della cokeria. E’ un tipico tracciante quindi della cokeria, lo sanno bene gli esperti. Uno dei prodotti di scarto della cokeria è la “naftalina”. Naftalene e naftalina sono la stessa cosa. La naftalina di cokeria è stata venduta per tanto tempo come prodotto antitarme. Ma oltre a far morire le tarme può far morire le persone. E’ infatti classificata dallo IARC, l’agenzia internazionale di ricerca sul cancro, fra le sostanze nel gruppo 2B, ossia fra i cancerogeni possibili. Come antitarme adesso è sostituita da altri prodotti ed è vietata. L'esposizione al naftalene può inoltre aumentare il rischio di aberrazioni cromosomiche. I bambini esposti al naftalene hanno mostrato segni di danno cromosomico, come dimostrato nella letteratura scientifica in merito.
PeaceLink chiederà di effettuare a Taranto uno studio mirato sul naftalene per individuare la sorgente che ha determinato il valore anomalo nelle donne analizzate.
Data la rilevanza del problema e data la scoperta choc, chiederemo una convocazione a Bari della cabina regionale di regia dell’aria e porremo il problema del fermo della cokeria ILVA per il principio di precauzione. Saranno i controlli a dire quanto ha impattato la cokeria. Ma noi nel frattempo ne chiediamo il fermo cautelativo. E chiediamo che siano effettuate analisi mirate per donne in gravidanza. Chiediamo il fermo della cokeria anche alla luce del fatto che i valori emissivi in cokeria sulle emissioni in fase di spegnimento continuano a superare i valori prescritti nell’AIA (25 g/t coke), come certificato dagli stessi report trimestrali ILVA. Anche in fase di spegnimento, oltre che di distillazione, viene prodotto il naftalene.
Va sottolineato che il naftalene della cokeria sfugge alle classiche analisi in quanto è un solido che sublima, cioè passa direttamente allo stato gassoso, a temperatura e pressione ambiente. Le analisi dell’aria classiche degli IPA cercano gli inquinanti nel PM10 mentre per il naftalene andrebbe campionato come gas e quindi occorrono sistemi e tecniche di misurazione particolari.
Taranto è una città tutta particolare, con una delle più grandi cokerie d’Europa e sarebbe importante capire la quantità effettiva di naftalene che fuoriesce dalla cokeria, i suoi effetti sui lavoratori e sulla popolazione. Il naftalene della cokeria sfugge totalmente al monitoraggio ad alta risoluzione temporale con l’Ecochem PAS installato in cokeria in quanto quelle tecnologia non intercetta e quindi non misura gli IPA con due anelli benzenici, come il naftalene appunto. Sfugge in buona parte alle centraline ARPA che sono strutturate per analizzare gli inquinanti come da normativa vigente. Una maggiore quantità di naftalene è stata intercettata con le misurazioni ventoselettive per via della tecnica particolare. Ma occorre andare oltre e fare indagini ancora più mirate per trovare tutto il naftalene in circolo, e sarà una scoperta trovare ciò che fino ad ora è sfuggito ai controlli. Taranto è una città unica, con emissioni molto particolari. E richiede un monitoraggio molto specifico, che noi richiederemo.
I dati di emissione del naftalene nelle emissioni non convogliate dell’Ilva superiori di sei volte rispetto alle convogliate (si veda qui sotto la tabella tratta dalla Valutazione Danno Sanitario redatta da Arpa Puglia). Quindi è il ciclo produttivo che strutturalmente non va bene.

VDS - Tabella di valutazione dell'inquinamento ad AIA attuata

Note:

IARC: "Naphthalene is possibly carcinogenic to humans (Group 2B)".

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies