Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Padre Kizito nuovamente sotto attacco
    Accuse infondate a sfondo sessuale per appropriarsi dei beni della comunità

    Padre Kizito nuovamente sotto attacco

    PeaceLink esprime a padre Renato Kizito Sesana la propria solidarietà. Contro di lui si è avviata una campagna indegna e infondata. Come se non bastasse, domenica 29 maggio è stato sferrato un attacco armato contro la sua comunità a Nairobi, a dimostrazione di quanto la situazione stia davvero diventando pericolosa per lui.
    31 maggio 2011 - Associazione PeaceLink
  • Lettera di PeaceLink agli amici e ai sostenitori
    Ecco quello che abbiamo fatto e che stiamo facendo

    Lettera di PeaceLink agli amici e ai sostenitori

    Il 2011, tra l'altro, è un anno particolare: PeaceLink compie 20 anni. Siamo partiti infatti nel settembre del 1991. Ci piacerebbe che anche tu diventassi socio di PeaceLink
    27 febbraio 2011 - Associazione PeaceLink
  • Padre Kizito è innocente
    Fine di una montatura. Assieme a tante associazioni, anche PeaceLink aveva solidarizzato con padre Kizito

    Padre Kizito è innocente

    Nel mese di giugno del 2009, tre giovani e un ragazzo accusarono di pedofilia il missionario italiano padre Renato Kizito Sesana. Un anno e mezzo dopo, Mrs. Alice Ondieki, Sostituto Procuratore della Repubblica in Kenya, scrive al Direttore delle Investigazioni Criminali a Nairobi: “Non ci sono prove sufficienti per procedere contro l’indiziato”.
    21 dicembre 2010 - Eric Sande
  • Parte un volontario per l'Africa e abbiamo deciso di aiutarlo
    Da questa missione dipende il futuro dell'ospedale di Kimbau in Congo, dove le persone vivono con 20 centesimi al giorno

    Parte un volontario per l'Africa e abbiamo deciso di aiutarlo

    Vogliamo farti sapere che esistono le nostre speranze, i sogni, i progetti di un domani migliore. E che abbiamo bisogno anche del tuo aiuto.
    21 ottobre 2010 - Alessandro Marescotti
La campagna "PeaceLink for Africa"

Meno bombe, più container

Da oggi il 50% dei fondi che saranno donati a PeaceLink andranno in Africa. Ti spieghiamo come.
27 maggio 2005 - Alessandro Marescotti

Un aiuto per Kimbau

L'iniziativa del 28 maggio per l'Africa trova PeaceLink già impegnata su questo terreno. A Nairobi, in Kenya, sosteniamo il missionario comboniano Renato Kizito Sesana. A Kimbau, in Congo, sosteniamo la dottoressa Chiara Castellani. Stiamo offrendo uno spazio informativo all'Aifo per far conoscere i progetti di cooperazione e ricostruzione dopo anni di guerra. Quello di PeaceLink è un sostegno informativo che sta producendo un impatto imprevedibile. Quando parte l'informazione dal sito scopriamo che c'è gente straordinaria che fa cose incredibili. Ad esempio la dottoressa Chiara Castellani aveva bisogno di un computer portatile e gliene sono arrivati sette. Segnaliamo che è un container è in allestimento per il Congo e arrivano due mulini! A Nairobi sono andati i peacelinkers Enrico Marcandalli e Francesco Iannuzzelli, esperti di Internet, e ora lì c'è il software di PeaceLink che farà girare un intero portale africano. A Kimbau, nel cuore della savana del Congo, arriva l'e-mail via radio grazie ad un progetto dell'Aifo che si interfaccia benissimo con il sito http://www.kimbau.org creato con il software PhPeace di PeaceLink. Stiamo così diventando un collegamento di solidarietà e di pace (PeaceLink vuol dire "legame di pace") che fa stringere collaborazioni e amicizie a distanza: per aiutare chi ha bisogno.
E' segnale concreto: il cambiamento è possibile e l'informazione può essere al servizio del cambiamento. Non vogliamo dare una semplice assistenza "buonista". Vogliamo promuovere azioni di giustizia e di trasformazione. Vogliamo un'Africa della partecipazione sociale. Non crediamo nella "carità" passiva ma sosteniamo quella società civile africana che potrà trasformare l'Africa e ridare speranza. L'Africa ha bisogno di container per rinascere, non di armi per morire.

Oggi ti scriviamo per comunicarti una scelta importante che crediamo incontrerà il tuo favore.

Abbiamo infatti deciso di dare un ulteriore contributo concreto a questa nostra scelta di campo destinando all'Africa, a partire da oggi, il 50% dei fondi che saranno donati a PeaceLink. E' la campagna PeaceLink for Africa: meno bombe più container. Accantoneremo una somma che potrà servire a pagare il viaggio di un volontario a Kimbau il quale rimonterà le attrezzature mediche nell'ospedale. Finanzieremo la spedizione di un nuovo container per il Congo: stanno arrivando sempre nuove attrezzature mediche donate per l'ospedale di Kimbau e ormai il primo container è strapieno. La scelta del Congo non è casuale: la nazione rischia una nuova guerra civile. Ed è importante riportare l'attenzione di tutti - tramite gesti concreti - su quella nazione ricchissima e poverissima al tempo stesso.
La Repubblica Democratica del Congo


L'altro 50% della vostra donazione a PeaceLink servirà a sostenere invece l'infrastruttura tecnica della nostra rete, per potenziare sempre di più la telematica per la pace. E' un servizio di comunicazione diventato sempre più gravoso e impegnativo e che tuttavia offriamo gratuitamente con entusiasmo a quasi diecimila utenti al giorno. Nessun euro andrà a pagare il nostro servizio, perché siamo tutti volontari.

Chi versa a PeaceLink una libera donazione e lo segnalerà a volontari@peacelink.it saprà in tempo reale quanti fondi andranno per aiutare la dottoressa Chiara Castellani che con un meraviglioso impegno (si legga il suo libro "Una lampadina per Kimbau", edito da Mondadori) sta facendo rinascere l'ospedale di Kimbau, in Congo, unico presidio per difendere la salute e la vita di centomila persone in un'area isolata dal mondo - sperduta nella savana - e grande quanto la Svizzera. A Kimbau dai rubinetti non esce l'acqua, non c'è luce, non c'è telefono, non ci arrivano i postini. C'è solo un gruppo elettrogeno e il collegamento alla posta elettronica via radio.

Noi ce la stiamo mettendo tutta: se ti piacciono le imprese "impossibili" collegati a http://www.kimbau.org e tieniti in contatto con noi.
Aspettiamo il tuo contributo. Da anni combiniamo la lotta per la pace con la lotta per ridare voce e giustizia all'Africa dei più poveri. Ci è sembrato che dare la metà all'Africa, in un punto collegato al resto del mondo solo tramite "radio email", fosse un gesto di condivisione concreto.

Questo è un impegno che ha il sapore magico dell'utopia perché se si riesce ad aiutare Kimbau allora si sta compiendo un gesto "al limite".

Spingiamoci oltre la banalità quotidiana.

Scrisse Max Weber: "Se gli uomini non tentassero continuamente l'impossibile, il possibile non verrebbe mai raggiunto". Weber non era un utopista, né un sognatore ma un uomo pragmatico.

E anche noi amiamo la concretezza.

Crediamo nelle utopie concrete.

Se riusciremo ad aiutare Kimbau potremo dire: è possibile aiutare il mondo intero.

Note:

Per fare un versamento per Kimbau usa il conto corrente postale 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink. Il 50% andrà a Kimbau e segnala il versamento a volontari@peacelink.it indicando i tuoi dati. L'altro 50% servirà a sostenere l'infrastruttura tecnica di PeaceLink.

Si può effettuare un versamento a Kimbau anche usando il conto corrente postale dell'Aifo n. 7484 (causale "Kimbau container" e avvisare dell'avvenuto versamento simona.venturoli@aifo.it indicando i tuoi dati).

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy