Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La Rivista “DIFESA AMBIENTE”, realizzata da EURO EDIZIONI e diretta da Alfonso NAVARRA, promuove ideali universali e principi sociali imprescindibili per costruire insieme comunità e società di Pace, oltre i muri della discordia

    "Difesa Ambiente": la rivista del Dialogo e della Pace

    La democrazia e la forza della verità devono prevalere sull'egoismo più abietto, contro la perversa logica capitalista del potere che vuole mercificare tutto tramite le grandi lobby del libero mercato e le multinazionali del liberismo più sfrenato, che disprezzano il valore dell'ambiente, della persona, del rispetto dei diritti umani, travalicando il vero significato e il prioritario principio del bene comune.
    10 novembre 2011 - Laura Tussi
  • Recensione di Nanni Salio, Presidente del Centro Studi Sereno Regis di Torino

    "Educazione e Pace" Mimesis, Milano 2011

    L’Autrice, nota per il suo impegno nel campo educativo, raccoglie e rielabora in questo agile volumetto i suoi principali contributi su temi che fanno parte della più ampia costellazione dell’educazione alla pace: memoria e dialogo, razzismo e antirazzismo, dialogo interculturale, pedagogia della shoah, pensiero delle differenze, cittadinanza planetaria, sostenibilità e trasformazione nonviolenta dei conflitti.
    26 ottobre 2011 - Laura Tussi
  • Il 4 Novembre "Vogliamo la Pace" contro ogni guerra. Il disarmo è l'obiettivo, la riduzione delle spese militari la strategia.

    "Ogni vittima ha il volto di Abele"

    L'iniziativa nonviolenta "Ogni vittima ha il volto di Abele", promossa da importanti istituti di ricerca per la pace, nella sua assoluta compostezza ed addolorata austerita' ha costituito, nel ricordo e nel nome delle vittime, un esplicito appello all'impegno per la cessazione delle guerre, per il disarmo e la smilitarizzazione dei conflitti, per la pace, la democrazia, la legalita' che salva le vite; per la difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani. A mio avviso questi nobili e alti ideali devono essere trasmessi in primis dall'istituzione scolastica.
    6 novembre 2011 - Laura Tussi
  • Recensione di Nanni Salio, Presidente del Centro Studi Sereno Regis di Torino

    "Educazione e Pace" Mimesis, Milano 2011

    L’Autrice, nota per il suo impegno nel campo educativo, raccoglie e rielabora in questo agile volumetto i suoi principali contributi su temi che fanno parte della più ampia costellazione dell’educazione alla pace: memoria e dialogo, razzismo e antirazzismo, dialogo interculturale, pedagogia della shoah, pensiero delle differenze, cittadinanza planetaria, sostenibilità e trasformazione nonviolenta dei conflitti.
    26 ottobre 2011 - Laura Tussi
Un "collegamento di pace" che si è rinnovato anno dopo anno

Quindici anni fa nasceva PeaceLink

Qualche mese prima era accaduto un fatto incredibile: per sfuggire alla prima guerra del Golfo tanti ragazzi, in età di leva, telefonavano chiedendo il manualetto "per la diserzione". In quei momenti drammatici nacque l'idea di fare PeaceLink... Se hai una storia anche tu da raccontare, collegata a PeaceLink, se vuoi lasciare un messaggio per i 15 anni di PeaceLink, se vuoi raccontare come hai conosciuto PeaceLink... clicca qui... http://italy.peacelink.org/pace/indices/index_2124.html
21 novembre 2006 - Alessandro Marescotti

Taranto chiama Livorno
Quindici anni due pacifisti italiani, in un lungo colloquio telefonico, definirono il nome: PeaceLink, "collegamento di pace". Ma la traduzione consentiva anche "legame di pace", decisamente più empatico. Nasceva il nucleo di una rete telematica di contoinformazione. Di quei due pacifisti uno era Marino Marinelli, educatore scout e membro dell'Associazione per la Pace di Livorno. L'altro ero io, insegnante di Lettere e attivista dell'Associazione per la Pace di Taranto.
"Dubito che convincerai qualcuno ad assumerti come colomba"

Dalla sconfitta in piazza alla rinascita in rete
Perché quella scelta? Pensavamo ad un sistema per "rendere permanente" il contatto fra i gruppi impegnati contro la guerra. Era da poco finita Desert Storm. E i pacifisti avevano perso. Anche nei sondaggi di opinione. Con la fine della guerra rischiava disperdersi l'intero patrimoniodi esperienze e di aggregazione sorto attorno a quella guerra. Quindici anni fa furono in molti ad avvertire che il movimento sconfitto era destinato al riflusso definitivo se non si fosse creata una "rete" di collegamento permanente. E la parola "rete" apparve in molte sigle.

Il logo di PeaceLink
Per i quindici anni di PeaceLink il vignettista Mauro Biani ha realizzato una versione "a fumetto" del logo. Eccola qui sopra...
Il logo di PeaceLink ha una lunga storia, per molti sconosciuta. La "colomba che entra nel computer" la disegnai infatti nel 1983, per illustrare un volantino contro la guerra atomica per errore. Era il momento del drammatico confronto Est-Ovest fatto di missili, falsi allarmi, computer che sbagliavano e che potevano comandare la rappresaglia nucleare. Nei cinema si proietta il film Wargame e nei negozi faceva capolino il mitico Commodore 64. La "colomba nel computer" era un disegno approssimativo e mi rimase per molti anni nella pagine di un libro. Sarà poi Enrico Marcandalli, da buon grafico, a farne il "restyling". In seguito vi sarà un'interpretazione della "colomba con il computer" realizzata anche di Vauro.
Il problema era: come mantenere in vita queste reti? Le reti di coordinamento concentravano il potere. Moltiplicavano lo stress. Morivano dopo pochi mesi. Occorreva invece un sistema di rete che distribuisse i poteri anziché concentrarli. La scelta di PeaceLink ricalcava PeaceNet, l'esperienza di telematica per la pace statunitense nata nel 1984.

L'ottusa epopea del fax
L'idea di fondo era sostanzialmente questa: un sistema di consultazione permanente non poteva reggere sul telefono e neppure sul fax in quanto sono sistemi uno-a-uno. Occorreva un sistema molti-a-molti che rendesse condivisibili le informazioni e offrisse un piano paritario al processo comunicativo. Una rete, insomma. Una vera rete, in cui non vi fossero nodi centrali e nodi periferici, in cui tutti fossero allo stesso livello. E occorreva ideare un sistema che replicasse in automatico i documenti: una sorta di "fotocopiatrice in rete" gratuita.

Manuale per la disobbedienza alla guerra
L'urgenza si manifestò alla vigilia della Guerra del Golfo. Avevo preparato un manuale per chi non voleva partire per la guerra. In realtà io non ero un disertore nato, né un obiettore di coscienza. Anzi, avevo fatto il corso AUC (Allievi Ufficiali di Complemento). Ma ero convinto che, nel momento in cui avessero impartito un ordine contrario alla mia coscienza, avrei disobbedito. E quindi avevo studiato molto bene i regolamenti militari, la Costituzione, la formula del giuramento, le procedure legali. Sulla base di tutto ciò, dopo essermi consultato con alcuni avvocati, scrissi un manuale per "obbedire alla Costituzione e disobbedire alla guerra". Lo segnalai al Manifesto che pubblicò poche righe dal titolo "Deserto? Diserto!" nell'ambito della finestra informativa curata dalla "Rete nonviolenta di informazione". Sul giornale fu pubblicato anche il mio numero di telefono.

Il telefono squillava ad ogni ora
Eravamo ad un passo dalla guerra. Il caso volle che in quei giorni partirono anche tante cartoline che obbligavano i giovani a presentarsi ai distretti militari. Si diffuse il panico. Incominciai a ricevere decine e decine di telefonate. Non avevo più il tempo per andare la fotocopiare e a spedire la "guida per disobbedire" che arrivavano altre richieste e la cosa non aveva più fine. In un primo momento fu entusiasmante sentirsi così utile agli altri. Dopo alcuni giorni la vita divenne assolutamente caotica, col telefono che squillava in continuazione e la casa che era diventata un ufficio postale. Se ci fosse stata PeaceLink allora!
Vignetta di Vauro per PeaceLink


Un senso di profonda ignoranza
Fu probabilmente quell'esperienza che mi portò a pensare in un primo tempo ad una catena di distribuzione di dischetti che ognuno potesse duplicare e replicare potenzialmente all'infinito. E poi un giorno lessi che esisteva un sistema per distribuire automaticamente i cosiddetti "file": era la telematica. Provai un senso di profonda ignoranza, quasi di umiliazione.

Ipnotizzati dall'assurdo Videotel
Allora esisteva il Videotel, ma costava venti milioni diventare fornitori di informazioni on line. Inoltre erano informazioni che si potevano solo leggere sul video senza stamparle e a costi salatissimi: un vero bidone. Le più grandi (e ricche) associazioni mostravano in pubblico quanto fosse bello e utile il Videotel... Assurdo. Occorreva invece un sistema più economico. E più potente.

Un operaio
Non fu un intellettuale a condurmi per mano verso la telematica. La mia fortuna fu quella di incontrare a Taranto Giovanni Pugliese, un operaio con la passione per la telematica. Con infinita pazienza mi spiegò tutto, dalla A alla Z.

"C'è qualcuno che ha già provato?"
I mesi fra la fine del 1991 e l'inizio del 1992 furono mesi di ricerca per tutta l'Italia. Chiedevamo: ci sono altre persone che hanno avviato la telematica per la pace?

Non avremmo mai immaginato
Cominciò il tam tam anche sui giornali e sulle riviste vicine al movimento pacifista: il Manifesto, Avvenimenti, Azione Nonviolenta, ecc. ecc. Non avremmo mai e poi mai pensato che in Italia la telematica per la pace la stavamo iniziando proprio noi.

Note:

Questo articolo apparirà sul mensile di Pax Christi "Mosaico di Pace".

Disegni di Charles M. Schulz
(c) United Feature Syndicate
La vignetta è stata realizzata da Mauro Biani utilizzando liberamente per scopi creativi e non commerciali immagini tratte da fumetti coperte da copyright dei rispettivi editori.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy