Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Dioxin Free
    Cosa dicono i parlamentari

    Dioxin Free

    Un disegno di legge redatto in orario scolastico da alcuni studenti dell'Istituto Righi. E' un progetto didattico dal titolo "Un giorno al Senato". Nell'incontro a Roma cinque senatori e due deputati si sono detti favorevoli a presentare il Disegno di Legge "Dioxin Free"
    12 ottobre 2011 - Alessandro Marescotti
  • Taranto: la Asl blocca la vendita delle cozze del primo seno del Mar Piccolo
    Le analisi sono state compiute dall’istituto zooprofilattico di Teramo

    Taranto: la Asl blocca la vendita delle cozze del primo seno del Mar Piccolo

    Dai prelievi effettuati il 13 giugno, sarebbero risultati valori medi di pcb (policlorobifenili) e diossina sommati superiori agli 8 picogrammi per grammo previsti dalle norme.
    22 luglio 2011 - ANSA
  • L'inquinamento? E' tutta una balla
    Accade in queste ore. Il foraggio potrebbe arrivare in varie regioni italiane

    L'inquinamento? E' tutta una balla

    Raccolgono il foraggio vicino all'Ilva e all'inceneritore di Taranto. Attorno all'area industriale le pecore continuano a pascolare. Ecco le balle che tutti possono vedere. Gli animali che potrebbero mangiare inquinanti cancerogeni. Sulle tavole arriverà carne, latte e formaggio.
    18 giugno 2011 - Associazione PeaceLink
  • Autorizzazioni Integrate Ambientali

    Inquinamento industriale, Italia condannata

    La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha condannato l’Italia per inadempimento in relazione alla direttiva IPPC
    1 aprile 2011
I retroscena di una notizia

Parlano di cocaina nell'aria per non parlare di diossina

PeaceLink ha lanciato un dossier diossina che ha costretto l'avvio di una campagna di rilevazione di questo potentissimo cancerogeno. Basta un miliardesimo di grammo (un nanogrammo) di diossina per mettere a rischio il feto di una donna incinta
3 giugno 2007 - Alessandro Marescotti

Una sniffatina come si deve Il micidiale impianto di agglomerazione dell'Ilva l'11 giugno verrà monitorato. È da lì che si suppone che esca il 90% della diossina italiana, così come risulta dalle stime del registo INES, dati 2005.

E mentre questa è la notizia, in Italia viene messo in atto un depistaggio informativo sulla "cocaina" nell'aria.

Parlando di cocaina si devia l'attenzione dal principale scopo della ricerca: la "diossina".

"Non fatevi prendere per il culo, parlano di cocaina nell'aria per non parlare di diossina", ha gridato il Beppe Grillo al Palamazzola di Taranto.

Ma l'informazione sulla cocaina nell'aria ha già fatto le sue vittime. Chi la notizia se l'è "sniffata" è già finito sulle pagine dei giornali per gli effetti allucinogeni.

Sul Messaggero si legge che il Codacons (un'associazione di consumatori) a Roma chiede al sindaco di "bonificare e migliorare l'aria riducendo le tracce di droghe nell'atmosfera".

Quanta cocaina è stata trovata a Roma? In piazza Fermi nell'aria ne svolazzavano 0,007 nanogrammi.

Quanto è un nanogrammo? È 0,000000001 grammi ossia un miliardesimo di grammo. E a Cinecittà hanno trovato 0,02 nanogrammi.

"Tocca al sindaco Veltroni tutelare la salute dei cittadini", ha dichiarato il presidente degli eurodeputati di Forza Italia, Antonio Tajani.

Incredibile ma vero.

Un dubbio: ma il comico è Tajani o Grillo?

Note:

Il dossier diossina di PeaceLink è su Taranto Sociale

Per un commento sull'"allarme cocaina nell'aria"

"La fabbrica delle nuvole": il video degli amici di Beppe Grillo sull'inquinamento a Taranto

Gli amici di Beppe Grillo a Taranto

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy