Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Turi Vaccaro arrestato dopo un'azione nonviolenta contro il MUOS

    Video e testimonianze certificano l'assoluta pacificità della sua iniziativa, il 19 a Gela per sostenere Turi
    13 luglio 2013 - Coordinamento regionale dei comitati No MUOS
  • Ora liberateci dal MUOS

    Ora liberateci dal MUOS

    8/14 luglio:prima settimana dell'estate di lotta contro la militarizzazione della Sicilia
    8 luglio 2013 - Coordinamento regionale dei comitati No MUOS
  • Cominciamo dai centri contaminati dove tutti abbiamo capito

    Il 7 aprile tutti in piazza. Contro chi inquina e chi lascia inquinare

    I nostri territori sono oltraggiati. Le malattie dei nostri figli sono grafici da non collegare, per confonderci. Ma non è ancora finita: riescono a fare leggi per fermare i giudici. Basta. Servono garanzie per i territori prima di metterli nelle mani di un industriale. La nostra incolumità deve essere sacra. Diciamolo nelle piazze, a cominciare da Taranto, Brescia, Gela, da Colleferro ...
    1 aprile 2013 - Associazione PeaceLink
  • Imponente manifestazione a Taranto contro il decreto Salva-Ilva
    Decreto-legge Salva-Ilva o Ammazza-Taranto?

    Imponente manifestazione a Taranto contro il decreto Salva-Ilva

    I media nazionali non parlano della manifestazione del 15 dicembre e l'opinione pubblica è in parte convinta che la popolazione di Taranto gradisca il provvedimento del Governo che interferisce pesantemente con l'attività dei magistrati. Per sgombrare il campo da equivoci, basta sapere che molti nella città lo hanno battezzato decreto "Ammazza-Taranto"; pensano sia possibile puntare invece su salute, ambiente, cultura e reddito.
    18 dicembre 2012 - Lidia Giannotti

No Muos: mobilitazione dal 5 all'11 Agosto. Il 9 tutti a Niscemi per il corteo fino alla base

5/11 agosto: seconda settimana dell’estate di lotta contro la militarizzazione della Sicilia. Monta la protesta con l'occupazione di alcuni Comuni e l'indignazione per la "revoca della revoca" delle autorizzazioni da parte del governatore Crocetta
4 agosto 2013 - Coordinamento regionale dei comitati No MUOS

Striscione manifestazione NO MUOS 30 Marzo 2013

  • 5 agosto accoglienza al presidio in contrada Ulmo e festa d’accoglienza, dalle 19 incontro sulla lotta zapatista in Chiapas e proiezione del video “Marcia dei 40.000”
  • 6 agosto al presidio dalle 10 workshop con Nicola Teresi sulle azioni dirette nonviolente e con Shapur sugli aquilonidalle 19 Festival NoMuos con gruppi musicali , con cena sociale d’autofinanziamento
  • 7 agosto al presidio dalle 11 prosecuzione workshop di Shapur sugli aquiloni, dalle 17 workshop sul movimento contro gli euromissili a Comiso nell’83 e sulla lotta al Muos
  • 8 agosto al presidio prosecuzione del workshop sulla militarizzazione della Sicilia e dopo pranzopresenza NoMuos a Comiso, a 30 anni dalle cariche poliziesche contro l’Imac ’83, alle 19 assemblea in piazza Fonte Diana sui pericoli della militarizzazione della Sicilia, in conclusione la cantautrice Matilde Politi eseguirà “Cantata NoMuos” (e proiezione del film “NoMuos”)

9 agosto al presidio ore 10 presentazione del libro “Piazza NoMuos” con Antonio Mazzeo,

9 agosto alle 16,30 corteo NoMuos fino alla base

 

  • 10 agosto al presidio incontro dal primo pomeriggio fra le resistenze territoriali in Sicilia ed in Italia ( NoMuos, NoPonte, NoTav, NoGrandi Navi, NoDalMolin, forum dell’acqua, comitati NoTriv, NoDiscariche, comitato operai e cittadini Taranto, NoElettrodotto) , nel tardo pomeriggio (18/21) assemblea a Niscemi con i rappresentanti delle resistenze territoriali e la cittadinanza niscemese, prosecuzione incontro al presidio, alle 22 torneo di poesia
  • 11 agosto al presidio alle ore 17 workshop sulla comunicazione con i giornalisti Manolo Luppichini e Sebastiano Gulisano, alle 19 incontro con il movimento NoTav e alle 22 proiezione di “Fratelli di Tav”, spettacolo teatrale NoTav.

Nel corso della settimana ci saranno varie mobilit/azioni di disobbedienza civile

 

IN SICILIA GLI PSICOTERAPEUTI HANNO DISCUSSO DI PARABOLE MUOS

Ieri sera all’interno del Meeting Annuale dell’Istituto di Psicoterapia della Gestalt HCC Italy, tenutosi a Catania presso l’Hotel Nettuno, è stato proiettato il docu-film “Io sono contro il Muos”. Dopo la proiezione il regista del film Enzo Rizzo e il video maker suo collaboratore Sergio Mustile hanno incontrato gli psicoterapeuti provenienti da diverse regioni italiane discutendo del movimento No Muos, delle parabole satellitari militari in costruzione a Niscemi e delle 46 antenne funzionanti. La visione del film ha suscitato tra i presenti rabbia ed emozione e dopo la visione del film si è acceso un intenso dibattito anche sulle ultime vicende del Muos e sulle ultime scelte del Governatore Crocetta di far riaprire i cantieri. Diversi psicoterapeuti provenienti dal centro nord (Lombardia, Veneto, Liguria) sono rimasti colpiti dal silenzio mediatico dei mezzi di informazione nazionali attorno a questa vicenda: hanno sottolineato che “vaste aree del Paese non conoscono la drammatica vicenda Muos e gli operatori dell’informazione nazionale potrebbero fare di più”. Il direttore dell’Istituto, Margherita Spagnuolo Lobb, è rimasta colpita dalla passione degli attivisti No Muos e in particolar modo delle mamme e ha sottolineato la natura nonviolenta delle diverse azioni No Muos riprese nel film impegnandosi a mandare video e materiale cartaceo ai colleghi psicoterapeuti americani di New York: “Anche loro devono sapere e spero che aprano un dibattito negli USA sulle tecnologie di guerra e i droni militari”. Michele Ammirata, psicoterapeuta di origini palermitane, ha intravvisto nelle tecniche collettive nonviolente degli attivisti un utilizzo intelligente dei corpi che ha esaltato il concetto di gruppo e di comunità. Peppe Cannella, attivista No Muos e psichiatra e psicoterapeuta, nel suo intervento ha richiamato il concetto di responsabilità che dovrebbe avere ogni cittadino: “Essere psicoterapeuta ed essere cittadino del mondo sono dimensioni inscindibili. Non possiamo tacere come esperti della salute mentale sui potenziali danni organici e psicologici che potrebbero essere provocati dalle onde elettromagnetiche e dobbiamo far emergere i cambi disfunzionali di abitudini che sta causando il cantiere del Muos a Niscemi. Madri e bambini, soprattutto, hanno sviluppato in questi mesi livelli alti di ansia, irritabilità e insonnia. La stessa idea di avere a pochi chilometri tre torri gigantesche che ospitano parabole militari è fonte di stress e di intense preoccupazioni: in atto è registrabile un vero e proprio danno esistenziale”.

Catania, 27 Luglio 2013

                                                                                      

 

Crocetta dice che i Marines hanno speso 18 miliardi di euro per le stazioni MUOS nel mondo? Noi rispondiamo che le spese militari non possono essere difese da chi governa le istituzioni pubbliche.

Crocetta è preoccupato per i 18 miliardi che i marines americani stanno spendendo per le stazioni MUOS in giro per l’intero pianeta? Noi crediamo che difendere le spese militari (per giunta di un esercito di un altro governo) sia l’atto più ingiusto ed esecrabile che possa essere fatto da chi governa la cosa pubblica. In ogni caso, Crocetta aveva queste notizie sin dall’inizio e, se ne fosse stato spaventato, come dice ora di essere, non avrebbe dovuto iniziare l’iter legale di revoca, tanto sbandierato a livello mediatico, in questi mesi, da lui e dalla signora Lo Bello, sempre in occasione di grandi manifestazioni popolari e di elezioni. L’impianto MUOS in Italia è in costruzione in un territorio già malsano per inquinamento ambientale causato dal petrolchimico di Gela: a maggior ragione, Crocetta dovrebbe rafforzare la posizione di rifiuto dell’installazione del MUOS a Niscemi chiedendo agli americani di smantellare le 46 antenne già attive e di installare le parabole del MUOS altrove. In tutta l’intera vicenda, la grande protagonista è la menzogna nei confronti dell’opinione pubblica: politici e mass media, nella generalità, non affrontano la presenza e coesistenza, nello stesso territorio, oltre del petrolchimico di Gela, anche di due impianti militari ad emissione di onde elettromagnetiche che andranno, pertanto, a sommarsi: le 46 antenne dell’impianto già attivo da vent’anni, appunto, più le parabole del MUOS non ancora istallato e già considerato non nocivo. I fattori di rischio sono tre che si sovrappongono e tutti di elevata gravità: chi governa la cosa pubblica dovrebbe richiedere a gran voce l’attuazione del principio di precauzione a difesa della salute della gente e dello sviluppo reale del territorio di cui è espressione.

Note:

Chi guida l’Istituto Superiore di Sanità (ISS) che si è espresso sul MUOS?
http://www.nomuos.info/chi-guida-listituto-superiore-di-sanita-iss-che-si-e-espresso-sul-muos/

CROCETTA DIMETTITI ... PALERMO SI SVEGLIA NO MUOS
http://www.nomuos.info/crocetta-dimettiti-palermo-si-sveglia-muos/

I No Muos occupano il Comune di Niscemi
http://www.nomuos.info/report-28-luglio-occupazione-comune-di-niscemi/

GLI ATTIVISTI NO MUOS OCCUPANO IL CONSIGLIO COMUNALE DI CALTAGIRONE
http://www.nomuos.info/gli-attivisti-muos-occupano-il-consiglio-comunale-di-caltagirone/

Contro lo scellerato atto di Crocetta, che ridà le autorizzazioni per il MUOS, alle ore 10, occupata l’aula consiliare del Comune di Ragusa
http://www.nomuos.info/contro-lo-scellerato-atto-di-crocetta/

Un altro comune in buone mani: i No MUOS occupano l’aula consiliare di Piazza Armerina
http://www.nomuos.info/altro-comune-buone-mani-muos-occupano-laula-consiliare-di-piazza-armerina/

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy