Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Francia :  "Un Crack nella Sanità ?"
    In occasione della Giornata Mondiale del Rifiuto della miseria, 17 ottobre, l’associazione “Médecins du Monde” pubblica un sondaggio sull’accesso alle cure sanitarie in Francia:

    Francia : "Un Crack nella Sanità ?"

    Un altro passo verso l’esclusione dei più deboli dal sistema sanitario pubblico. Alla crisi economica, che si traduce in una aumento della povertà, si aggiunge la posizione dello stato che si preoccupa più della sicurezza che del sociale.
    Redazione Le Figaro
  • Perché no agli inceneritori
    Danni ambientali e sanitari

    Perché no agli inceneritori

    Parere scientifico fornito a Greenpeace sul problema degli inceneritori. Almeno duecento differenti composti chimici che possono creare problemi di salute.
    Valerio Gennaro
  • Documentario inchiesta mercoledì 5 agosto 2009 alle 23,40 su RAITRE

    Come inventare le malattie per fare profitti

    Con la complicità dei media viene diffusa l’implacabile forza d’urto del marketing, in grado di diffondere la paura per malattie inesistenti o semplicemente la paura di invecchiare. In inglese si chiama DISEASE MONGERING, che si potrebbe tradurre “commercializzazione delle malattie”.
    3 agosto 2009
  • Lettera aperta al presidente Lugo affinché non ratifichi la legge

    Paraguay: approvata legge che apre la strada agli agrotossici e alla monocoltura della soia

    L'utilizzo indiscriminato dei prodotti agrotossici nuoce alla salute
    28 giugno 2009 - David Lifodi

Guerra al cancro l'unica guerra giusta

Il digiuno ad oltranza di Francesco Ruggieri, presidente dell'Associazione "Aiutiamo Ippocrate" impegnata da anni nella lotta al cancro, e' un gesto coraggioso e importante per una citta' come Taranto che svetta in Italia per incidenza di tumori.
26 luglio 2000 - Alessandro Marescotti

Stiamo diffondendo su Internet l'appello a livello nazionale tramite PeaceLink.

La richiesta di "Aiutiamo Ippocrate" - sintetizzata nell'appello "un polo oncologico jonico, DEVE ESSERE INSTALLATO ED AVVIATO PRIMA DELLA FINE DELL'ANNO IN CORSO" - va considerata come il piu' importante atto politico da raggiungere per la citta' di Taranto.

Occorre inoltre intervenire alla radice per combattere i veleni delle fabbriche della morte. E' impensabile ad esempio che a Taranto ogni cittadino avverta con disgusto e con il proprio naso la puzza insopportabile nell'area della raffinera e che nessuna centralina antiinquinamento sia piazzata li' dove nasce il problema. Quanto silenzio, quante bocce cucite, quanta indifferenza, quanta superficialita', quante vite si potrebbero salvare.

Dice Francesco Ruggieri "Mentre il destino della nostra Città e della intera Provincia Jonica è quello di assistere ad un progressivo ed esponenziale aumento delle malattie da inquinamento, e in particolare di quelle tumorali, nulla si è ancora fatto - in concreto - per fronteggiare l'impatto ambientale della industria pesante e degli altri insediamenti produttivi del territorio (raffineria e cementificio). Continuiamo ad attendere che si definisca, una volta per tutte, la questione dell'acceleratore lineare. Il rischio concreto è che si arrivi al periodo delle grandi ferie estive con un nulla di fatto."

Il valore di questo digiuno ad oltranza lo troviamo anche nell'appello ad ognuno di noi "Il cancro non va in ferie e così le nostre coscienze".

L'acceleratore lineare per l'avvio del polo oncologico a Taranto va installato subito. La classe politica tarantina non puo' - nella sua gran maggioranza - piegarsi solo ai poteri forti e poi scordarsi dei cittadini. Per la nuova base navale e per costruire le portaerei (4 mila miliardi per la nuova portaerei Einaudi) i soldi ci sono sempre. Per un progetto ben piu' utile e dal costo mille volte inferiore (l'acceleratore lineare costa 3,5 miliardi) i soldi non ci sono mai perche'?

Per saperne di piu' clicca su
http://www.infinito.it/utenti/aiutiamoippocrate
aiutiamoippocrate@infinito.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy