Storia della Pace

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Antica

    Dall'invenzione della scrittura (circa 3.000 a.C.) alla fine dell'Impero Romano d'Occidente (476 d.C.)
    12 Articoli - pagina 1 2
    • Gesù e la pace

      La fuga nell'interiore - Pace, politica, Gesù - Soldati di Cristo - Gesù nonviolento forte - Pace con la morte
      20 febbraio 2007 - Enrico Peyretti
    • Le due filosofie che hanno caratterizzato la politica dell'impero cinese

      La Cina fra confucianesimo e legalismo

      L'impero cinese pur basando la propia società ed organizzazione statale sull'etica confuciana ha spesso rinunciato agli ideali di giustizia e benevolenza quando era necessario reprimere le rivolte nel sangue.
      9 aprile 2005 - Massimiliano Pizzirani
    • Storia del più famoso imperatore indiano

      La politica del dhamma di Ashoka

      Ashoka due secoli e mezzo prima di Cristo cercò di creare uno stato pacifico e giusto rispettoso della via del Buddha, un governo che doveva esprimere, seguire e promuovere un'etica di giustizia e benevolenza.
      15 marzo 2005 - Massimiliano Pizzirani
    • Intellettuali e pace

      Tacito e la pax romana

      Nell'Agricola fa dire ad un capo caledone queste parole a proposito dei romani: "Là dove fanno il deserto gli danno il nome di pace". Già Sallustio si era espresso in merito all'imperialismo romano.
      26 dicembre 2004 - Daniele Marescotti
    • Intellettuali e potere

      Tacito e la libertà di opinione

      A partire da Augusto una opinione “scomoda” poteva diventare un reato perseguibile dalla legge.
      20 dicembre 2004 - Daniele Marescotti
    • Nacque nel 61 d.C. e morì nel 113 d.C.

      Plinio il Giovane tra tolleranza e repressione

      Intellettuale dell'impero romano, ricoprì la carica di console e di legato imperiale. Voleva trattare gli schiavi con umanità ma condannò a morte i cristiani.
      21 novembre 2004 - Daniele Marescotti
    • Storia romana

      Perché crollò l’Impero Romano d’Occidente?

      “Noi moriamo ogni giorno; ogni giorno infatti ci è tolta una parte della vita, e anche quando cresciamo la vita decresce. E’ passata l’infanzia, poi la puerizia, poi l’adolescenza”, scriveva Seneca.
      1 ottobre 2004 - Daniele Marescotti
    • I barbari e gli storici

      Tacito, uno storico che rivaluta i barbari

      Mentre molti uomini di cultura hanno costruito lo stereotipo del barbaro "incivile", nell'impero romano Tacito compie un'operazione rovesciata e li rivaluta. Ecco perché.
      21 settembre 2004 - Alessandro Marescotti
    • In difficoltà l’economia per le spese militari

      Le ragioni della crisi dell’Impero romano

      L'esercito nominava e manovrava l’imperatore. Forti tasse per mantenerlo. La crisi finanziaria provocò un irrigidimento della società che costrinse ogni persona a svolgere la sua professione a vita e obbligò i sudditi a tramandare la loro professione ai loro figli. Nasceva la servitù della gleba.
      6 maggio 2004 - Francesco Castronovo - 1 DL Liceo Scientifico Tecnologico Righi (Taranto)
    • Pace nel mondo greco

      12 marzo 2004 - Zetesis
    pagina 1 di 2 | precedente - successiva
    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies