convegno

Economia, energia, petrolio, guerre: le alternative della nonviolenza

5 dicembre 2003
ore 21:00

Finita la fase apicale di quello che, probabilmente, è stato il più grande movimento per la pace che la Storia ricordi, rimangono tutte intere le ragioni che hanno condotto alla guerra in Iraq, che hanno portato alla guerra in Afghanistan e che destabilizzano molte regioni del mondo (per esempio la Cecenia): la tossicodipendenza energetica dal petrolio del sistema, in situazione di scarsità crescente della materia prima. Il Convegno vuole riportare al centro del movimento per la pace il tema della principale ragione strutturale di questo ciclo di guerre, analizzandone le connessioni, esplorandone alcune alternative, facendo il punto sulle Campagne e le azioni svolte, o in fase di svolgimento, nell’ottica di un approccio nonviolento all’intera questione. Anche per contribuire a rendere un più efficaci le risposte dei movimenti - sia in fase di prevenzione che di contrasto – alle future, probabili, aggressioni armate nei confronti dei paesi ricchi degli ultimi giacimenti.

Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Dal sito

  • Kimbau
    Intervista sulla solidarietà al tempo della pandemia

    Chiara Castellani: "Pensare al proprio prossimo"

    "O si entra in questa dimensione di voler pensare agli altri e ciascuno di noi entra in questa prospettiva anche di globalizzazione della solidarietà con gli altri, o non riusciremo a salvarci tutti assieme, in questo dovremmo imparare anche dall’Africa".
    22 settembre 2020 - Laura Tussi
  • Ecologia
    Era nato a Nova Milanese nel 1942

    E' morto Virginio Bettini

    Ha collaborato con Barry Commoner e con lui pubblicò a doppia firma "Ecologia e lotte sociali" nel 1976. Insieme andarono in Vietnam per denunciare i disastri causati dalla diossina lanciata dagli USA nella guerra chimica. E' stato europarlamentare verde.
    21 settembre 2020 - Laura Tussi
  • Disarmo
    Una novità che invita gli attuali governi ad una svolta

    Invito ad aderire al Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari

    Cinquantasei ex presidenti, primi ministri, ministri degli esteri e ministri della difesa di 20 stati membri della NATO, nonché Giappone e Corea del Sud, hanno appena pubblicato una lettera aperta
    21 settembre 2020 - Tim Wright (Coordinatore ICAN)
  • Cultura
    Resa popolare su TikTok

    Jerusalema

    La canzone nasce come un brano gospel nelle chiese evangeliche, prima di diventare quello che comunemente definiamo tormentone
    17 settembre 2020 - Virginia Mariani
  • Taranto Sociale
    La crisi peggiore a Taranto

    Al voto mentre l’Ilva si spegne cadendo a pezzi

    ArcelorMittal, a rischio fuga, chiude nuovi reparti. Atri mille operai i cassa integrazione. Produzione ferma, incidenti ormai continui: "Ormai non c'è più sicurezza".
    Francesco Casula
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)