evento

Non lasciarti vincere dal male, ma vinci con il bene il male, 37ma edizione della Marcia per la pace a Comiso e Ragusa

31 dicembre 2004
ore 15:31

CEI - Ufficio problemi sociali e lavoro, giustizia, pace
Pax Christi Italia
Caritas Italiana
Diocesi di Ragusa

Vi invitiamo a rivivere insieme il consueto appuntamento di fine anno che invita a camminare lungo le strade del nostro Paese per invocare la Pace e rinnovare l'impegno a costruirla.

La scelta di Ragusa è dettata da varie ragioni:
- si celebra quest'anno il centenario della nascita di Giorgio La Pira (Pozzallo - RG- 1904) testimone di pace

- è stata ormai posta la prima pietra per la costruzione di un aeroporto civile nella stessa area (base USA di Comiso) che prima ospitava i missili a propulsione nucleare, esempio di una riconversione che segna il successo del dialogo, della fiducia tra i popoli e del disarmo
- la Sicilia presenta segnali importanti di riscatto dalla violenza e dall'oppressione dei poteri mafiosi
- è terra d'approdo delle speranze spesso deluse di fratelli e sorelle che dal Sud del mondo reclamano pane e dignità

Tutti i partecipanti saranno invitati a digiunare nella notte che la società dei consumi vuole consacrare al "cenone". Il corrispettivo della cena-digiuno sarà devoluto ad un progetto di sviluppo curato dalla Diocesi di Ragusa in Congo per la formazione di operatori di una cooperativa agricola.

15,00
Dal Liceo Scientifico E. Fermi e dal Pala Zama partono i bus navetta che condurranno alla ex base militare di Comiso

16,00 COMISO
- Saluto autorità ai partecipanti
- Mons. Tommaso VALENTINETTI - vescovo di Termoli e presidente di Pax Christi Italia presiede un momento di preghiera
- p. Silvio TURAZZI - missionario saveriano
Dal Mediterraneo al mondo. Il pianeta visto dal Sud
Segue testimonianza: coniugi Giovanni e Maria Chiara Sartor, operatori Carita Italiana in Africa; Miroshita, monaco buddista

19,00 IBLA Chiesa di San Giorgio
- Saluto autorità
- Momento di preghiera presieduto da Mons. Giuseppe MALANDRINO - vescovo di Noto, che introduce sulla figura di Giorgio La Pira nel centenario della nascita (Pozzallo -RG - 9 gennaio 1904)
- Presentazione e commento del messaggio del Santo Padre per la 38ª Giornata Mondiale della pace a cura di Mons. Giancarlo BREGANTINI, Vescovo di Locri-Gerace e presidente della Commissione CEI per i Problemi sociali e lavoro, pace, giustizia e salvaguardia del creato
- Testimonianza di Giorgio GIOVANNONI -Fondazione G. La Pira
Non lasciarti vincere dal disimpegno... e vivi la passione della politica

Inizio della marcia che ci porta verso Ragusa

21,00 Prima tappa - Piazza Vann'Anntò
- Introduce e presiede Mons. Francesco MONTENEGRO, vescovo ausiliare di Messina e presidente Caritas Italiana
- Testimonianza di Jan Jaques congolese rifugiato in Italia Non lasciarti vincere dall'egoismo e dalla chiusura... e scegli l'accoglienza
- Testimonianza di una ragazza in servizio civile e di un giovane casco bianco
Non lasciarti vincere dalla violenza... e pratica la nonviolenza
- Testimonianza parenti di vittime di mafia introdotte da don Luigi Ciotti
Non lasciarti vincere dal male delle mafie... ed educa alla legalità
Testimonianza di P. Joseph Muamba Bulobo

Riprende la marcia verso Ragusa

23,30 Concelebrazione eucaristica presieduta da Mons. Paolo URSO - vescovo di Ragusa nella chiesa cattedrale

Per maggiori informazioni:
Pax Christi - Punto Pace di Ragusa
0932 938169
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)