assemblea

BASE USAF DI AVIANO: AVVIARE LA CONVERSIONE POSSIBILE L'ambiente, la salute e l'economia in un progetto di riqualificazione del territorio

21 gennaio 2005
ore 20:30 (Durata: 3 ore)

BASE USAF DI AVIANO: AVVIARE LA CONVERSIONE POSSIBILE L'ambiente, la salute e l'economia in un progetto di riqualificazione del territorio Venerdì 21 gennaio inizia un percorso molto interessante per la provincia di Pordenone: partono da Roveredo in Piano le assemblee locali per promuovere i primi atti concreti a favore della riqualificazione ad usi civili della base militare di Aviano: tra le proposte principali figurano quella di un fondo regionale per la conversione e dell´avvio immediato di attività alternative legate alla promozione di energie rinnovabili. L'iniziativa di Roveredo in Piano è la continuazione in termini concreti e propositivi del convegno internazionale "La conversione possibile" del settembre scorso (11/09/2004), durante il quale è emerso che, con la chiusura della base, tutta l´area provinciale otterrebbe notevoli benefici dal punto di vista ambientale, economico e sociale, grazie anche ai dati inequivocabili portati da Hartmut Küchle, esperto del BICC (Bonn International Conversion Centre). La conferenza/dibattito si terrà alle ore 20.30 presso l'auditorium comunale di Roveredo. Interverranno Bepi Rizzardo (Ass.ne L'Ambiente è vita) che parlerà "dell'impatto ambientale della Base" e Andrea Licata (CURSP - Centro Universitario di Studi e Ricerca per la Pace dell'Università di Trieste) che illustrerà "la conversione preventiva come percorso per il riuso delle aree militari". Ha assicurato un intervento il sindaco Renzo Liva. Durante la serata sarà possibile firmare l'adesione al costituendo Tavolo di lavoro per la Conversione. E' un'iniziativa a cura del Comitato Unitario contro Aviano 2000.

Per maggiori informazioni:
CUCA 2000
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)