proiezione

DIRITTI D'AUTORE Rassegna di documentari d'autore sui temi della globalizzazione

18 novembre 2005
ore 20:30 (Durata: 2 ore)

18 e 25 Novembre, 2 Dicembre 2005

Programma della rassegna:

18 Novembre proiezione del documentario THE TAKE (durata 93') di Avi Lewis
e Naomi Klein.

Alla vigilia della grave crisi economica argentina del 2001, nei sobborghi
più poveri di Buenos Aires, trenta operai disoccupati si "organizzano",
entrano nella fabbrica dove hanno lavorato, che ora è inattiva, e si
rifiutano di uscire. Quello che vogliono è far ripartire le macchine e
riuscire a far riprendere la produzione, sfidando i capi, le banche che
considerano la fabbrica solo un ammasso di metallo da svendere. Questi
operai rivendicano così non solo il diritto al lavoro, ma si battono contro
un sistema economico che ha gettato un paese come l'Argentina in una crisi
economica senza precedenti.
Il documentario è realizzato dalla famosa autrice del bestseller "No logo",
Naomi Klein insieme al marito giornalista Avi Lewis.
A seguire incontro-dibattito

25 Novembre proiezione del documentario SURPLUS. Terrorized into being
consumers (durata 52') di Erik Gandini e del doc. TRAINSTOPPING (durata 8')
di Sebastiano Sallustio .

Le contraddizioni del mondo moderno si materializzano nelle immagini della
tv, nei volti dei capi politici, nei simboli del consumismo, negli scontri
durante il G8, nel lavoro di operai indiani, nella Cuba di Fidel Castro. Il
regista si è affidato in gran parte alle potenzialità del montaggio e del
commento musicale, dai quali nasce la vera e propria denuncia.
L'accostamento ragionato in termini sarcastici di voci e immagini (molto
utilizzata la reiterazione) sono la maniera più efficace per l'evidenziare
l'assurdità di un mondo in cui "il 20% della popolazione consuma l'80%
delle risorse". Nel 2003 Surplus ha vinto il Silver Wolf award, come
miglior documentario al festival IDFA di Amsterdam.

Il breve documentario Trainstopping racconta l'occupazione dei binari della
stazione di Giovinazzo da parte di un gruppo di pacifisti. Il tentativo è
quello di impedire, con il proprio corpo, il passaggio di un convoglio di
armi destinato alla guerra in Iraq. E più in generale richiamare
l'attenzione sulla Puglia intesa come terra di accoglienza e di pace.
A seguire incontro con il regista Sebastiano Sallustio

2 Dicembre proiezione del documentario ROGER & ME (durata 91') di Michael
Moore.

A metà degli anni '80 la General Motors, la più grande fabbrica di
automobili del mondo, chiude la sua sede nella cittadina di Flint, negli
USA, licenziando 35000 persone su 150000 abitanti. Il regista Michael
Moore, originario proprio di Flint, cerca invano di intervistare il
presidente della General Motors, per invitarlo a vedere di persona le
terribili conseguenze che ha avuto sulla vita di migliaia di operai la
decisione di chiudere lo stabilimento.
Roger and Me è il primo documentario di Michael Moore, diventato famoso in
tutto il mondo nel 2002 con il pluripremiato "Bowling a Columbine"
vincitore, tra gli altri, dell'Oscar 2002 come miglior film documentario.
Il suo ultimo documentario Fahrenheit 9/11 ha vinto invece la Palma d'oro
al Festival di Cannes 2004.

Incontro con Nico Perrone, docente di Storia dell'America presso
l'Università di Bari e Host Professor presso l'Università di Roskilde
(Danimarca)

Per maggiori informazioni:
338.8849405 (Gianluca Sciannameo) 080.9909447
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)