seminario

Rifiuti o Risorse? Dal riciclaggio alle ecomafie. Incontro con Walter Ganapini, presidente di Greenpeace Italia.

24 novembre 2005
ore 18:00 (Durata: 2 ore)

Possono i sottoprodotti delle nostre attività quotidiane, i rifiuti, trasformarsi in una risorsa e che rapporto c’è tra quello che comunemente chiamiamo spazzatura e la criminalità organizzata? Walter Ganapini, presidente di Greenpace Italia, ne parlerà giovedì 24 novembre a Bologna, nel corso di un incontro dedicato a rifiuti, alla sostenibilità ambientale e al giro di affari e malavita ad essi legato.

L’incontro, che si terrà nei locali del Centro Poggeschi (Via Guerrazzi 14 Bologna, ore 18), fa parte del seminario “L’altra faccia della nostra ricchezza”, organizzato dai volontari del Centro Documentazione Mondialità e promosso da: Centro Poggeschi, Editrice Emi, Pax Christi, Rete Radiè Resch, Ingegneria senza Frontiere Bologna, MicroBO, ExAequo, Rete Lilliput, Last Minute Market, Gruppo Nuove Povertà, Equinozio, Peacelink, Caritas Bologna, Associazione Codici.

Il 2005 è il primo anno del decennio dedicato dalle Nazioni Unite alla promozione dell’educazione allo sviluppo sostenibile. Le potenzialità del riciclaggio e gli abusi nella gestione dei rifiuti, pur nelle loro diversità, sono certamente due temi fondamentali per chi opera o si avvicina, anche per la prima volta, al problema della “sostenibilità”.
Ganapini si occupa di tematiche ambientali da quasi trent’anni. Negli anni Novanta è stato, prima presidente dell’Ex A.CO.SER, oggi Hera, di Bologna e, in seguito, presidente dell’AMA, Azienda Municipale Ambiente del comune di Roma. Dal 1995 al 1997 è stato assessore all’ambiente del comune di Milano e, infine, presidente dell’Agenzia Nazionale per la protezione dell’ambiente. Ganapini partirà dal rapporto uomo-ambiente per giungere a mostrare la necessità di nuovi stili di vita. Inoltre, approfondirà il tema delle eco-mafie e dell’interesse crescente della criminalità organizzata per il business dei rifiuti.
Al termine della serata padre Ottavio Raimondo, dell’editrice missionaria, proporrà un breve percorso sul tema, secondo la tradizione ebraico-cristiana.


Per info Centro Poggeschi via Guerrazzi 14, Bologna. TEL 051-220435. cdm@centropoggeschi.org .; www.centropoggeschi.org .

Per maggiori informazioni:
Centro Documentazione Mondialità
051-220435
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)