convegno

Le vie della Pace

9 marzo 2006
ore 09:30

Nel contesto delle attuali tensioni e conflitti internazionali, un colloquio di studio su : « le vie della pace » si terra a Roma dal 9 all’11 Marzo presso il Centro culturale San Luigi di Francia a Roma con la partecipazione di eminenti personalita’ del mondo religioso, filosofico, economico e politico.

Il contributo che al difficile e impegnativo cammino della pace nel mondo possono e sono chiamate a dare le diversità culturali, le credenze religiose, la riflessione filosofica, l’azione pratica dell’economia e della politica, è al Centro culturale San Luigi di Francia in Largo Toniolo 20/22 per iniziativa congiunta del medesimo Centro, del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace e dell’Istituto internazionale Jacques Maritain.

Introdotto dal presidente del dicastero vaticano, cardinale Renato Martino, e dall’ambasciatore di Francia presso la Santa Sede, Bernard Kessedjian, il convegno prevede una tavola rotonda iniziale su « Pace e diversità culturale », quattro tematiche di approfondimento relative rispettivamente a : « la via dei religiosi », « la via dei filosofi », « la via degli economisti », « la via dei politici », e le conclusioni che saranno tracciate dal presidente dell’Academia Ecclesiastica, arcivescovo Justo Mullor Garcia, dal capo-ricerca del Collegio di Difesa della NATO, contrammiraglio Jean Dufourcq, e dal segretario generale dell’Istituto internazionale Jacques Maritain, professore Roberto Papini.

Tra le numerose personalità che interverranno al dibattito: il cardinale Stephen Hamao, presidente del Pontificio Consiglio della pastorale per i migranti e gli itineranti ; Pierre Crepon, presidente dell’Unione buddista di Francia ; il presidente onorario della Banca di Francia, Michel Camdessus ; il segretario del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, vescovo Giampaolo Crepaldi ; e il vice-presidente della Corte internazionale di Giustizia, Raymond Ranjeva ; il professore d’economia politica all’università di Bologna, Stefano Zamagni ; il professore di filosofia politica all’università di Venezia, Vittorio Possenti; e un rappresentante dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane.

TRADUZIONE SIMULTANAE

Per maggiori informazioni:
Christine Desgrange (ufficio stampa)
06 680 2629
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)