conferenza

Il microcredito: uno straordinario strumento per lo sviluppo

10 maggio 2006
ore 17:00 (Durata: 2 ore)

Interverranno:
Prof.ssa Luisa Brunori (Docente di Psicologia dei Gruppi, Università di Bologna);
Prof. Stefano Zamagni (Docente di Economia Politica, Università di Bologna).
Antonio Andreoni (Operatore di micro.Bo)

L’incontro si propone di fare una breve analisi sul fenomeno “povertà” a Bologna e di spiegare, attraverso l’esperienza di micro.Bo, come l’Università si possa trasformare da luogo di solo apprendimento a luogo di creazione di possibili soluzioni pratiche ai problemi sociali, gettando così un “ponte” tra Università e Città.
Verrà presentato il microcredito come strumento di sviluppo e di recupero delle fasce deboli della popolazione. Attraverso piccoli crediti sulla fiducia si dà la possibilità ai soggetti coinvolti di recuperare la capacità di provvedere a sé, sia economicamente, sia dal punto di vista delle relazioni personali e sociali.
L’incontro intende inoltre promuovere una riflessione sull’interazione tra l’aspetto relazionale-psicologico e quello economico-sociale che il fenomeno del microcredito sottende. Il progetto micro.Bo vuole essere, infatti, anche un’occasione per approfondire la ricerca, in una prospettiva che osserva contemporaneamente gli effetti psicologici, sociali ed economici e le loro interazioni.

L’iniziativa, inoltre si inserisce all’interno di un ciclo di conferenze interfacoltà che coinvolge diverse associazioni.
Questi incontri si prefiggono un duplice obbiettivo. Da un lato far conoscere alla città di Bologna e all’Università le associazioni promotrici dell’iniziativa e dall’altro provare a costruire un ponte tra Università e Città, tra teoria e pratica.
Infatti, la caratteristica che accomuna le associazioni suddette è proprio il fatto di essere nate tutte all’interno dell’Università, grazie alla proficua collaborazione tra studenti e docenti, e di occuparsi di problematiche sociali legate alla Città, proponendo soluzioni innovative, frutto dell’unione tra conoscenze teoriche apprese nel corso degli studi e applicazioni pratiche.

Per maggiori informazioni:
micro.Bo
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Ecodidattica
    I numeri del cancro in Italia (vedere file allegato)

    Limiti normativi, indicazioni OMS e rischi per la salute

    La maggior parte dei risultati degli studi che hanno valutato l’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla salute umana provengono da studi condotti in aree (italiane o straniere) in cui tali limiti di legge erano rispettati. Questa osservazione vale anche per le valutazioni del rischio oncologico
    AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica)
  • Alex Zanotelli
    Webinar sul bando delle armi nucleari organizzato dall'agenzia di stampa internazionale Pressenza

    Padre Zanotelli: "Dobbiamo far aderire l'Italia al Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari"

    "Sarebbe un gesto di civiltà avere il coraggio di realizzare il disarmo nucleare per porre fine a diseguaglianze e sfruttamento", ha dichiarato il missionario comboniano, che ha aggiunto: ''Le armi atomiche, come disse Oppenheimer, sono la scienza che ha conosciuto il peccato'.
    23 gennaio 2021 - Antimafia Duemila
  • Editoriale
    La beffa: gli animali si sono contaminati su terreni "a norma" in base all'ultimo decreto

    Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto

    Avrete letto sui giornali che ripartono le bonifiche. E' un trionfalismo fuori luogo perché con un decreto del Ministero dell'ambiente viene fissato il limite della diossina per i terreni di pascolo a 6 ng/kg ma le pecore e le capre si sono contaminate con livelli di contaminazione inferiore.
    9 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)
  • Ecologia
    Gli Stati Uniti e le "comunità da sacrificare".

    Nella mia tribù muore una persona ogni settimana a causa dei combustibili fossili

    I nostri pozzi sono così inquinati che ora la nostra tribù deve comprare l'acqua. I popoli nativi convivono con minacce vecchie e nuove del petrolio e del gas che contaminano il suolo, i fiumi, le falde acquifere e l'aria. Ciò accresce la crisi climatica e impatta sulla salute.
    7 gennaio 2021 - Casey Camp-Horinek (attivista di Indigenous Rights of Natur)
  • Latina
    Gran parte degli omicidi commessi avviene per mano della polizia

    Il Tribunale permanente dei popoli giudicherà lo Stato colombiano per genocidio

    Sotto la presidenza di Iván Duque sono stati uccisi 167 leader indigeni
    22 gennaio 2021 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)