corso

Corso per Operatori e operatrici nella cooperazione internazionale decentrata

30 ottobre 2006
ore 10:00

Incomincia il 30 ottobre la terza edizione del "Corso per operatori e operatrici nella cooperazione internazionale decentrata" alla sua terza edizione. Il corso presentato da GCV, Associazione Mani, Consorzio Formafuturo é stato approvato dalla Regione Emila Romagna che ribadisce così l'interesse verso la formazione di persone che lavorino nella cooperazione decentrata all'interno delle strategie previste e promosse dalla Legge 12/02.
Da alcuni anni l'Unione Europea promuove la Cooperazione italiana decentrata portando avanti l'idea di uno sviluppo locale che non può disgiungersi dalla costruzione di una collaborazione tra Paesi, e in particolare tra Paesi del “Nord” e del “Sud” del Mondo, volta a promuovere uno sviluppo sostenibile per tutti, rispettando il necessario equilibrio tra crescita economica, equità sociale e protezione ambientale.
Il corso è rivolto a: laureati interessati a sviluppare competenze specifiche sia di ricerca che di professionalità nell’ambito della progettazione-gestione di azioni di cooperazione decentrata; operatori di Associazioni, ONG ed altri soggetti privati già impegnati nella cooperazione decentrata o interessati ad attivare azioni di cooperazione decentrata; operatori di strutture pubbliche impegnati in progetti di cooperazione decentrata. Per accedere è richiesta la residenza o il domicilio in Regione Emilia-Romagna.
Durata: 500 ore totali, di cui 218 di aula, 62 di FAD (Formazione A Distanza), 80 di Stage in Italia, 120 di Stage all’Estero, 20 di Project Work. Il percorso avrà una frequenza impegnativa, con cadenza delle attività anche infrasettimanale.
Il corso è interamente finanziato dalla Regione Emilia-Romagna e dal Fondo Sociale Europeo ed è, quindi, COMPLETAMENTE GRATUITO.
Sono considerati pre-requisiti per l’accesso: buona conoscenza dell'uso di strumenti informatici; buona conoscenza di almeno una lingua straniera, parlata e scritta (inglese, francese o spagnolo); saranno privilegiati i soggetti portatori di esperienze nel campo, appartenenti a diverse aree professionali e disciplinari. Si metteranno in atto pratiche di riconoscimento delle competenze in possesso dei partecipanti, con finalità di riconoscere eventuali crediti formativi. E’ inoltre richiesta la residenza o il domicilio in Regione Emilia-Romagna.
Sarà effettuata una selezione per l’accesso, che avrà luogo nelle giornate dal 19 al 21 Ottobre 2006.

Per maggiori informazioni:
Antonietti Irene
tel/fax: 0521/503055
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
  • Ecologia
    Health Impact Assessment of the steel plant activities in Taranto as requested by Apulia Region

    Studio OMS sull'impatto dell'ILVA di Taranto sulla salute

    Lo studio è stato richiesto dalla Regione Puglia ed è del giugno 2021, ed è uno studio predittivo. Nelle conclusioni si legge: "Le stime della presente relazione sono pienamente in linea con le precedenti valutazioni, effettuate da autorità regionali e altri ricercatori".
    12 gennaio 2022
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)