seminario

DIRITTI UMANI: UN PONTE TRA PERU E ITALIA

29 maggio 2007
ore 14:30 (Durata: 3 ore)

La Provincia di Cuneo da anni promuove insieme a ProgettoMondo MLAL
programmi di cooperazione decentrata in Perù finalizzati allo sviluppo
locale e alla promozione e tutela dei diritti delle popolazioni indigene,
in collaborazione con partner locali che hanno fatto di questi temi la
propria missione e l'oggetto del proprio impegno.

Defensoría del Pueblo è stata creata in Perù nel 1996 per assicurare piena
applicazione dei diritti costituzionali e fondamentali della persona e
della comunità, monitorare l'adempimento dei doveri della pubblica
amministrazione e controllare la legittimità e regolarità dell'esercizio
delle funzioni pubbliche.

Il Programma in Perù, cofinanziato dal Ministero degli Affari Esteri
Italiano, Regione Piemonte, Provincia di Cuneo e Fondazione Cassa di
Risparmio di Cuneo, Prevede la costituzione di un Ufficio Decentrato della
Defensoría del Pueblo nella città di Tarapoto a copertura del dipartimento
di San Martín e dell'area sud-occidentale del dipartimento di Loreto. Il
Programma del ProgettoMondo MLAL intende sviluppare meccanismi di
partecipazione e di controllo da parte della società civile e rafforzare le
istituzioni democratiche coinvolgendo e coordinandosi direttamente con le
autorità pubbliche, così da garantire il rispetto dei diritti sanciti dalla
legge e prevenire gli abusi di autorità.

I risultati che il Programma si propone di raggiungere sono:
- maggiore possibilità di accesso della popolazione ai servizi
della Defensoría del Pueblo;
- maggiore monitoraggio e intervento sulle conseguenze del
narcotraffico e della violenza politica nell'area;
- maggiore capacità della popolazione locale di esercitare i propri
diritti e garantirne il rispetto;
- maggiore efficienza e rispetto dei diritti dei cittadini da parte
di funzionari pubblici e dei dirigenti di imprese di servizi di pubblica
utilità.

In un momento in cui i diritti umani e di cittadinanza continuano ad essere
violati, il Seminario vuole contribuire ad una riflessione sulla loro
centralità nelle politiche di sviluppo e sulle opportunità che la
cooperazione internazionale può offrire per uno scambio di esperienze e di
buone pratiche.

Programma:
Saluti
Mino Taricco, Assessore all'Agricoltura Regione Piemonte
Castro Maria Del Pilar, Consolato Peruviano di Torino

Apertura dei lavori
Stefano Viglione, Assessore alle Politiche Sociali Provincia di Cuneo

Prendersi cura della democrazia: la Comision de la Verdad e il
processo di pacificazione in Perù
Marco Bellingeri, Facoltà di Scienze Politiche Università di Torino

Rafforzare le istituzioni democratiche: la Defensoría del
Pueblo in Perù
Yolanda Falcon Lizaraso, Defensoría del Pueblo Perù

Cooperare per la promozione dei diritti umani: i progetti in Perù
Ivana Borsotto, ProgettoMondo Mlal

Riconoscere i diritti in Perù e in Italia: il punto di vista
della comunità peruviana in Piemonte
Laura Prada, Centro Cultural Peruano de Turin

Costruire relazioni internazionali: l'impegno del Governo Italiano
Donato Di Santo, Sottosegretario Ministero degli Esteri

È gradita la conferma della partecipazione a immigrazione@provincia.cuneo.it

Per maggiori informazioni:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1991: Alle ore 0,50 inizia la Guerra del Golfo, la prima dopo la fine della Guerra Fredda

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)