evento

SOTTO LO STESSO CIELO! - banchetto della solidarietà

27 luglio 2007
ore 15:43

Un evento da non perdere per tutti quelli che amano scovare cose curiose con un occhio alla solidarietà.
Dal 27 luglio al 26 agosto si svolge a Torvajanica (Rm), in piazza Ungheria, un’iniziativa solidale che vede riunite diverse associazioni nell’organizzazione di un banchetto della solidarietà.

Nel momento più atteso dell’anno, le meritate vacanze, diverse associazioni, tutte motivate dallo stesso spirito sociale, hanno deciso di ritrovarsi insieme e creare un’iniziativa rivolta a tutti coloro che vogliono avvicinarsi all’universo della solidarietà. L’intento è quello di sensibilizzare la popolazione sui temi del sociale, proprio in un momento in cui, di solito, l’attenzione è rivolta al divertimento ed al benessere individuale.

L’iniziativa è curata dalle seguenti associazioni:

Associazione Europea La Via Lattea onlus:
nasce nel 2006 e, forte dell’idea che la strada raccolga, senza distinzione alcuna, ogni tipo di ingiustizia e di malessere, ha come primo obiettivo la creazione di case famiglia, rivolte ai senza fissa dimora, nella convinzione che rappresentino lo strumento elettivo per ridare dignità e speranza a chi momentaneamente l’ha smarrita.

Emmaus Roma onlus:
Emmaus è un movimento apartitico, laico e internazionale fondato nel 1949 a Parigi dall’Abbé Pierre. Scopo di Emmaus, presente oggi con oltre 350 gruppi nei quattro continenti, è lottare contro tutte le forme di esclusione. Le comunità di Emmaus sono luoghi di vita e di impegno sociale che si mantengono unicamente grazie al recupero di libri e oggetti usati che vengono poi esposti nei Mercatini Solidali dell’Usato. Emmaus Roma è presente a Roma dal 1994, fino ad oggi sono state accolte in comunità più di 120 persone, non è invece possibile quantificare il materiale raccolto ed esposto nei mercatini quale mobilia, oggettistica, materiale elettronico, vestiario e giochi.

L’Associazione City Angels Roma onlus:
è formata da volontari di strada d’emergenza che offrono parte del proprio tempo mettendolo al servizio della cittadinanza in genere e di chi ha bisogno, in particolare. Ci puoi riconoscere dal basco o berretto blu, simbolo delle forze Onu portatrici di pace, e dalla giubba o maglietta rossa con sopra il nostro logo, un'aquila che protegge la città. Aiutiamo gli emarginati (senzatetto, tossicomani, extracomunitari in difficoltà, ecc…) a ritrovare fiducia in loro stessi e ad inserirsi nella società. Distribuiamo loro cibo, vestiti e coperte, prestiamo soccorso, troviamo una sistemazione e a volte un lavoro per queste persone.

L’Associazione Sos Infanzia nel Mondo:
si occupa da svariati anni di bambini vittime della guerra, che nel loro Paese non hanno possibilità di cure, (mutilati dalle mine o affetti da gravi patologie), in collaborazione con i vari contingenti militari italiani. Ha creato già due progetti di formazione di medici specialistici in Kossovo ed un progetto di realizzazione di due sale odontoiatriche ad Herat (Afghanistan). Ha al suo attivo molte decine di missioni umanitarie in Bosnia, Kossovo ed Afghanistan e sta cercando di mantenere in vita Gramos Gashi, bambino kossovaro malato di tirosinemia che, senza il medicinale chiamato NTBC e cibo aproteico, verrebbe aggredito da tumore epatico.

Associazione Culturale della Solidarietà e Volontariato tra Capoverdiani (C.S.V.C.):
E’ un’associazione senza scopo di lucro, apartitica e aconfessionale, che si propone la finalità di promuovere ed organizzare delle attività culturali e di carattere sociale all’interno della comunità capoverdiana e di altri gruppi etnici per salvaguardare la cultura d’origine e trasmetterla ai giovani della seconda generazione.

Per ulteriori informazioni: Ilaria tel. 380/4330432

Per maggiori informazioni:
SPES - Centro di Servizio per il Volontariato
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1991: Alle ore 0,50 inizia la Guerra del Golfo, la prima dopo la fine della Guerra Fredda

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)